Alcol, fama e sesso: James Franco mette a nudo le sue dipendenze di ieri e di oggi

L'attore, dopo 4 anni di silenzio, ha rilasciato una lunga intervista-confessione ai microfoni di The Jess Cagle Podcast, ammettendo anche i rapporti con le studentesse che lo hanno denunciato

James Franco

La confessione arriva dopo quattro anni di silenzio: l’attore e playboy James Franco ammette di aver avuto rapporti sessuali con le studentesse della sua scuola di recitazione, che nel 2018 lo avevano accusato di molestie. La confessione si lega ad una problematica che svela lo stesso Franco, ma che certo non diminuisce la gravità delle sue azioni: “L’ho fatto, ma non ero lucido. Pensavo ‘se sono d’accordo, allora va bene’. Ho una dipendenza dal sesso che ho sviluppato dopo un periodo di alcolismo”.
Nel 2018 quello scandalo lo aveva letteralmente travolto ad un passo dal sogno: era stato infatti candidato agli Oscar come miglior attore, dopo aver già vinto il Golden Globe. Poi, in un attimo, come accaduto a molti suoi colleghi coinvolti in casi simili, era sparito dai radar. Alle accuse delle ragazze, l’allora 39enne non aveva mai replicato, fino ad oggi, quando ha deciso di aprire finalmente il suo cuore ed ammettere ai microfoni del The Jess Cagle Podcast le proprie colpe: “Volevo farlo sempre e ovunque. Ho tradito tutte le mie fidanzate, non sarei mai potuto essere fedele”. Fedeltà che invece sembra riservare a Isabel Pakzad, con la quale ha una storia che va avanti da novembre del 2017 e per la quale ha finalmente deciso di uscire allo scoperto.

Quattro anni fa cinque donne (di cui quattro studentesse delle sue classi di cinema) lo avevano denunciato per molestie e comportamenti aggressivi durante le lezioni. Da quel momento Franco si è ritirato dalla scena pubblica e di lui non si è saputo più nulla. Pare però che abbia raggiunto un patteggiamento con cui ha risarcito due di loro (People parla di una cifra di oltre due milioni di dollari, ratificata lo scorso febbraio). Ma l’attore non è nuovo alle dipendenze. Durante l’intervista ha raccontato che in adolescenza lo era dall’alcol, mentre nei primi anni di carriera cinematografica non riusciva a fare a meno di fama e successo: “Lungo il cammino verso il raggiungimento del successo per scalare quella montagna (della gloria, ndr), l’attenzione da parte delle donne, insomma il successo con le donne, è diventata una fonte enorme di gratificazione. Il problema con questo, com’è facile intuire, è che non ne hai mai abbastanza. Sto ancora cercando di riempire quel vuoto e non si riempie mai”. Insomma la strada, nonostante la confessione al grande pubblico del problema, sembra ancora in salita.

Nel frattempo in tanti hanno provato a dargli una mano, incluso il suo sponsor agli alcolisti anonimi, ma senza successo: “Mi ha detto: Tradire è disonesto, non ti fa bene per restare sobrio. Però se non esci con nessuna e vuoi solo sesso, allora quello che accade tra due adulti è consensuale’. Il problema è che ho usato questa cosa come alibi per fare sesso sempre e dovunque”. E nei confronti delle studentesse, continua l’attore, “Ci ho fatto sesso ma era sbagliato. Non era certo la ragione con cui ho iniziato la docenza e non ero certo io ad aver selezionato le alunne, questo non faceva parte di un mio piano a monte. E in alcune circostanze il sesso è stato consensuale, ora so che invece non sarebbe dovuto accadere”.

Una dichiarazione che non è passata inosservata. Una delle accusatrici, Sarah Tither-Kaplan, ha infatti voluto ribadire su Twitter: “Le scuse sono prive di significato fino a quando non si prendono provvedimenti concreti a favore dei sopravvissuti. Fare un’ammenda generale con un ‘mi dispiace’ o ‘ho sbagliato’ o ‘amo le donne’ e via dicendo non serve ad aiutare le persone che sono state ferite. Quando coloro che abusano escludono dai loro discorsi le vittime causano dolore persino maggiore. Cancellare dal processo la sopravvissuta è ancora un problema concreto”.

James Franco

Tra i motivi che hanno spinto il 43enne a rilasciare questa intervista è anche il tentativo di riavvicinarsi a quello che lungo tempo era stato un suo caro amico. A maggio scorso infatti, Seth Rogen, aveva dichiarato di non aver lavorato per anni con Franco e di non aver intenzione di ricominciare. All’epoca l’attore non aveva voluto commentare, ma ora sì: “Quello che ha detto è vero, non abbiamo più collaborato e non ci sono piani perché accada in futuro”. Poi ha aggiuto: “Seth ha dovuto rispondere anche per me, visto che non dicevo una parola. Ha dovuto farlo, non che io lo abbia voluto. E questa è una delle ragioni principali dell’intervista odierna, perché non voglio che lui o mio fratello (Dave) o chiunque altro debba rispondere di me ancora e ancora”.