Anastasiia Lenna, dalla fascia di Miss Ucraina alla guerra: “Voglio combattere per il mio Paese”

Laureata in marketing, 25 anni, ha partecipato al concorso di bellezza nel 2015: "La mia foto in tenuta da softhair? Un invito alla resistenza“. La modella è tra le personalità più coinvolte nella lotta all’invasione: come lei migliaia di civili sono impegnati in azioni per disorientare le forze di Mosca

Da reginetta di bellezza a soldatessa: Anastasiia Lenna ha imbracciato le armi (anche se quelle con cui si mostra nelle foto postate non sono vere) per difendere la sua Ucraina: “Gli invasori moriranno in questa nostra terra! E tutto il mondo lo vedrà”. È la promessa dell’ex miss Ucraina, che ha deciso di combattere in strada nel suo Paese. Lo ha rivelato la stessa ex modella, 25 anni, sul suo profilo Instagram, come riporta la radio londinese “Lbc”. Lenna, laureata in marketing all’università Slavistik di Kiev, ha partecipato al concorso di bellezza nel 2015 e ora è tra le personalità più coinvolte nella resistenza ucraina contro l’invasione russa. E ha deciso di dare l’esempio ai suoi connazionali: prendere un fucile e combattere i soldati e mercenari russi. “Tutti coloro che hanno varcato il nostro confine per farci la guerra, saranno uccisi!”, le sue parole accanto all’immagine che la ritrae in tenuta militare con un fucile in mano. Un sostegno alle forze armate già manifestato in passato e probabilmente solo simbolico. Ma di fronte all’invasione, gli ucraini sono pronti a cogliere ogni segno di speranza e resistenza.

L’appello di Anastasiia Lenna

“In seguito alla situazione attuale voglio parlare – scrive Anastasiia Lenna sul suo profilo Instragram – . Non sono un militare, solo una donna, solo un normale essere umano. Solo una persona, come tutte le persone del mio Paese. Sono anche un giocatore di softair da anni. Tutte le immagini nel mio profilo servono ad ispirare le persone. Ho avuto una vita normale solo mercoledì scorso, come milioni di persone. Non faccio propaganda se non mostrare che la nostra donna ucraina è forte, sicura di sé e potente.

Apprezzo tutta l’attenzione e il sostegno al mio Paese, a tutte le persone in Ucraina che combattiamo ogni giorno contro l’aggressione russa, dico: “Vinceremo!.
Sono nato e vivo a Kiev. Questa è la mia città. L’Ucraina è il mio Paese. Il 24 febbraio la Federazione Russa ha calpestato le nostre terre, uccidendo civili, donne, bambini. Gli ucraini non hanno sensi di colpa. Nessuno di noi ha alcun senso di colpa. Siamo nelle nostre terre! Parlo a tutte le persone del mondo: fermate la guerra in Ucraina! Nessun popolo dovrebbe morire; possiamo fermare tutto questo. Insieme”.

Anastasiia Lenna (25 anni) ha imbracciato le armi per difendere la sua Ucraina

Anastasiia Lenna (25 anni) ha imbracciato le armi per difendere la sua Ucraina

Il coraggio di un popolo

Quella di Anastasiia Lenna è una storia di grande coraggio, di fedeltà verso il Paese in cui è nata e cresciuta. Una storia come tante altre, in realtà: la guerra in Ucraina ha portato alla luce il valore di molti eroi che hanno deciso di proteggere il loro popolo, a costo della vita. Ma lei era già molto conosciuta, perché qualche anno fa aveva vinto il titolo di Miss Ucraina. E la sua scelta non poteva certo passare inosservata.

Chi è Anastasiia Lenna

Giovane, bellissima e molto coraggiosa: Anastasiia Lenna non ha esitato ad imbracciare le armi per difendere il suo Paese, nel momento di più estrema difficoltà. Di certo, fino a qualche giorno fa non lo avrebbe mai immaginato.
Splendida modella, nel 2015 ha vinto il titolo di Miss Ucraina e ha rappresentato il suo popolo al concorso di bellezza Miss Grand International, classificandosi nella top 20. La sua carriera è proseguita tra sfilate e collaborazioni di moda, sebbene Anastasiia non abbia mai rinunciato allo studio e, in seguito, al suo lavoro.
Laureata in Marketing e management presso la Slavistik University di Kiev, la bella Lenna ha avuto ruoli molto prestigiosi in svariate aziende fuori dal suo Paese, soprattutto in Turchia. E, forte della sua perfetta conoscenza di ben cinque lingue, ha lavorato anche come traduttrice.

Anastasiia Lenna (25 anni) ha imbracciato le armi per difendere la sua Ucraina

Anastasiia Lenna (25 anni) ha imbracciato le armi per difendere la sua Ucraina

Da tempo è rientrata in Patria, con l’aggravarsi delle tensioni tra Ucraina e Russia, e ha deciso di schierarsi a difesa dei suoi compatrioti. Una scelta, la sua, condivisa da molte persone: fortissimo è il senso di lealtà che tutti condividono, in questo momento drammatico.

Anstasiia, esperta di softair

Anstasiia Lenna nelle ultime ore è diventata famosa in tutto il mondo per aver pubblicato una sua foto con il fucile imbracciato. La foto è accompagnata dagli hashtag #handsoffucrain e #standwithuvraine. La modella imbraccia un fucile mitragliatore ed è piuttosto pratica di armi. È esperta di softair, ovvero il “gioco” che simula operazioni militari. Di recente aveva pubblicato foto in cui appre intenta neghi allenamenti e mimetizzata nella neve.
Nella storia pubblicata sul suo profilo, Anastasiia si allena al poligono. Ad accompagnare il video le parole: “Training, The Invaders will die on our land! All world see this!” Cioè “allenamento, gli invasori moriranno sulla nostra terra. Tutto il mondo lo vede”.

La resistenza: sabotaggi e gesti simbolici

“Smontiamo la segnaletica su tutte le strade del Paese. Il nemico non conosce le zone e non sa orientarsi. Aiutiamoli ad andare all’inferno“. Mentre l’esercito combatte, si richiamano i riservisti e i volontari imbracciano i fucili, il resto degli ucraini trova forme di resistenza alternative. Sabotaggi, gesti simbolici, post sui social: contro l’invasore russo ci si inventa di tutto. È così che si è diffuso l’appello ai cittadini dell’agenzia statale per la gestione della viabilità ad abbattere o manipolare i cartelli stradali per disorientare le forze di Mosca.

E sempre dalle autorità è arrivato l’input per azioni di guerriglia, con tanto di tutorial su come preparare molotov da lanciare contro gli aggressori.

L’ex miss Ucraina Anastasiia Lenna: su Instagram i suoi scatti da modella

L’ex miss Ucraina Anastasiia Lenna (25 anni): su Instagram i suoi scatti da modella

Un invito subito raccolto dalla popolazione.

A Dnipro, terza città più popolosa del Paese, le donne hanno iniziato a preparare i cocktail incendiari usando polistirolo e bottiglie di alcolici

A Dnipro, terza città più popolosa del Paese, le donne hanno iniziato a preparare i cocktail incendiari usando polistirolo e bottiglie di alcolici

A Dnipro, terza città più popolosa del Paese, le donne hanno iniziato a preparare i cocktail incendiari usando polistirolo e bottiglie di alcolici usate, mentre a Leopoli, nell’ovest più lontano dagli scontri, il birrificio Pravda ha fatto sapere di dedicarsi in questi giorni a questo “imbottigliamento molto speciale“. Tanti sono anche i gesti di resistenza nonviolenta, ispirati ad antecedenti dal forte impatto simbolico. Quando sui social si è diffuso il video di un uomo disarmato sul ciglio di una strada che solo con il proprio corpo tentava di bloccare un convoglio di blindati russi, la mente è andata subito alla storica immagine di piazza Tienanmen.

Una scena simile si è vista anche in altre occasioni, come a Bakhmach, 150 km a nord-est di Kiev, dove alcuni civili si sono inginocchiati davanti ai tank e hanno lanciato le proprie bici sotto i cingolati. Non manca neppure chi si improvvisa combattente, preparando barricate in strada con sacchi di sabbia o passando le giornate a scavare trincee.
E ad imbracciare le armi sono anche i vip, come l’ex miss Ucraina Anastasiia Lenna. appunto, che su Instagram, i suoi scatti da modella lasciano spazio a immagini che parlano di guerra, un modo come un altro per sostenere il suo Paese nell’ora più buia. In realtà, la Lenna non è nuova a condividere foto di questo tipo: è sempre stata un’amante di softair, un’attività in cui si utilizzano armi ad aria compressa e proiettili in plastica.
Nulla a che vedere, dunque, con quella che è la sua nuova realtà. La stessa che coinvolge milioni di persone: tra chi è in fuga verso un porto sicuro e chi invece rimane sotto le bombe, per allearsi con i soldati ucraini ormai da giorni assediati dall’esercito russo.

Anastasiia infatti non è l’unica ad aver mostrato grande coraggio. Pochi giorni fa ha commosso il mondo la storia dei due giovani innamorati che, proprio nel primo giorno di guerra, hanno deciso di sposarsi e poi arruolarsi per difendere la loro Patria.

Il matrimonio fra Yaryna e Sviatoslav

La storia è raccontata dalla Cnn. Yaryna, 21 anni, ha conosciuto nel 2019 Sviatoslav, 24 anni, durante una protesta a Kiev. Dopo tre anni di fidanzamento e con la situazione in Ucraina che andava via via peggiorando, la coppia ha deciso di non perdere altro tempo e sposarsi. I due avevano programmato il matrimonio per il prossimo 6 maggio e volevano festeggiare le nozze in un ristorante con una “terrazza molto, molto carina” con vista sul fiume Dnepr, ha raccontato Yaryna.

Il matrimonio di Yaryna Arieva e Sviatoslav Fursi a Kiev (Foto Cnn)

Ma tutto è cambiato quando il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato l’invasione dell’Ucraina giovedì 24 febbraio. Yaryna e Sviatoslav decidono di sposarsi subito e non aspettare maggio. I due si recano al monastero di San Michele a Kiev. Mentre fuori suonano le sirene antiaeree, i due si sposano. “La situazione è difficile, stiamo per combattere per la nostra terra. Forse possiamo morire e volevamo solo stare insieme prima di tutto questo”, ha raccontato Yaryna.

Dal matrimonio alla resistenza: “Lotteremo per la nostra terra”

Dopo il matrimonio, Yaryna e Sviatoslav si recano al Centro Territoriale di difesa per arruolarsi e offrire il proprio contributo per la loro Ucraina. “Dobbiamo proteggerla. Dobbiamo proteggere le persone che amiamo e la terra in cui viviamo – ha detto Yaryna – Spero per il meglio, faccio il possibile per proteggere la mia terra. Yaryna non sa quale compito verrà affidato loro.

Dopo il matrimonio, Yaryna Arieva e Sviatoslav Fursi si sono arruolati per combattere e difendere l’Ucraina

“Forse ci daranno solo l’equipaggiamento e andremo a combattere. Forse – dice ancora Yaryna – dovremo aiutare a fare altro”.
I due sperano ancora di poter festeggiare il loro matrimonio. Chissà, magari in quel ristorante con la terrazza sul fiume Dnepr. “Forse la Russia uscirà dal nostro Paese e avremo la possibilità di festeggiare normalmente”, auspica Yaryna. “Spero solo – conclude – che tutto andrà normalmente e avremo la nostra terra, avremo il nostro Paese sicuro e felice senza russi”.