Next Generation Fest, la Generazione Z si raduna a Firenze il 5 novembre

L'evento dedicato alle nuove generazioni con al centro temi come Europa, innovazione, sostenibilità, creatività, inclusione e cittadinanza

di GIOVANNI BOGANI -
31 ottobre 2022
Next Generation Fest: appuntamento il 5 novembre a Firenze

Next Generation Fest: appuntamento il 5 novembre a Firenze

5 novembre. È il giorno in cui, a Firenze, la Generazione Z, quella dei ragazzi nati all’inizio del nuovo millennio, si prenderà la scena. Al Teatro del Maggio fiorentino, sabato 5 novembre, dalle 10 di mattina fino alle 23, si svolgerà il Next Generation Fest. Che cosa è il "Next Generation Fest"? E’ una specie di grande "discorso sul mondo", e sul futuro, che verrà fatto da sessanta personaggi diversi. Ciascuno porterà la sua esperienza, la sua storia, le sue idee sul futuro. Rivolgendosi sempre a chi ha intorno ai vent’anni, alle ragazze e ai ragazzi nati dopo l’inizio del Millennio. Quelli che affolleranno il Teatro del Maggio: sono duemila coloro che si sono iscritti, gratuitamente, sulla piattaforma dedicata, e che potranno partecipare all’evento. L’evento è promosso da Regione Toscana e da GiovaniSì, in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana e Maggio musicale, finanziato dal Dipartimento per le politiche giovanili della presidenza del Consiglio dei ministri. E vede, fra i suoi partner, "QN – La Nazione" e "Luce!". Sul palco ci saranno artisti, cantanti, rapper, giornalisti, scrittori, autori di teatro, conduttori televisivi, imprenditori e manager, attori, campioni sportivi. Si parlerà di temi che stanno a cuore ai giovani: Europa, sostenibilità, innovazione digitale, inclusione, creatività. Fra i personaggi che si alterneranno sul palco c’è un mosaico di talenti e di personalità. Si va dalla cantautrice Ariete al conduttore televisivo Paolo Bonolis, dall’attore e autore teatrale Stefano Massini – unico italiano vincitore di un Tony Award, l’Oscar del teatro – all’imprenditore Brunello Cucinelli. Ci sarà la blogger Takoua Ben Mohamed, tunisina, che lotta per l’emancipazione femminile e contro gli stereotipi razzisti, e ci sarà Wikipedro, che con ironia racconta da anni la storia di Firenze e della Toscana. Ci sarà Larissa Iapichino, strepitosa campionessa di salto in lungo, orgoglio di mamma Fiona May, di cui sta per divorarsi i record. E ci sarà Ambra Sabatini, sprinter paralimpica, medaglia d’oro dei 100 metri ai giochi paralimpici di Tokyo. Presenteranno la manifestazione la giornalista Veronica Maffei e Nicolò De Devitiis, inviato de "Le iene". Aprirà i lavori un videosaluto di Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, seguito dal saluto – in presenza – di Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana. Fra i primi speech, quelli di Brunello Cucinelli e di Stefano Massini. Paolo Bonolis parlerà nel pomeriggio, mentre la chiusura sarà affidata a Ariete.