Main Partner
Partner

Attualità

“L’Italia non lascia indietro nessuno, in Afghanistan. Presto dovremo gestire importanti flussi migratori”

Marina Sereni, viceministro agli esteri con delega alla cooperazione: "Abbiamo stanziato 240 milioni, riconvertendo a finalità civili gli investimenti militari in quel paese, ma non bastano". "L'ambasciatore Sandalli voleva restare, ma non era possibile. Verso Di Maio critiche ingenerose". La mappa degli altri fronti aperti per l'Italia in campo internazionale

Read more

Donne afgane, vent’anni di battaglie per i diritti civili annientati dalla nuova invasione dei Talebani. La crisi che ‘annulla un popolo’ oscurandone il futuro

Uno Stato laico in cui la presenza femminile in Parlamento era del 25%, la partecipazione scolastica dei bambini era salita del 50%, le ragazze avevano riguadagnato l'accesso all'istruzione e al mondo del lavoro. E dove, soprattutto grazie alle associazione, erano stati fatti molti passi avanti contro la discriminazione e la violenza di genere. Con il ritorno dei Talebani tutto questo sta velocemente sgretolandosi sotto gli occhi dell'Occidente

Read more

L’appello della dottoressa afghana della Fondazione Veronesi a Herat, fuggita in Italia: “Non dimenticate l’Afghanistan”

F.R. rimane anonima perché, nonostante sia riuscita a scappare in Italia, ha ancora paura che i Talebani possano venire a cercarla. Nella sua città, Herat, ha passato una vita al servizio delle donne e grazie al lavoro in sinergia con Fondazione Veronesi era diventata un vero e proprio punto di riferimento sul territorio.

Read more

“Formazione militare demandata dalle forze Nato ad agenzie private: ecco perché l’esercito afghano si è subito dissolto”

Igor Pellicciari, docente all'Università di Urbino e alla Luiss spiega che fra Paesi Donatori e Beneficiari della sicurezza i soli a raggiungere l'obiettivo sono stati i contractor cui Usa e alleati hanno affidato l'addestramento delle truppe regolari di Kabul. "Un errore commesso nella lotta all'Isis e ripetuto ora"

Read more

Volontariato, Pd, magistrati: ecco l’Italia che si mobilita per gli afghani. Raccolte in denaro e pressioni politiche

Richieste di contributi in denaro da destinare in primis a Emergency e Croce Rossa, che da tempo operano nel Paese. E sollecitazioni alle istituzioni a intervenire a favore dei bimbi e a far bloccare i rimpatrii forzati dei richiedenti asilo non ammessi: così l'italia partecipa alle iniziative di solidarietà promosse in tutto l'Occidente

Read more

Nilofar Bayat grida aiuto dall’Afghanistan. La capitana della nazionale di pallacanestro paralimpionica e avvocata: “Mi uccideranno”

Ventottenne, lavora per la Croce Rossa internazionale ed è un'avvocata con una spiccata sensibilità per i diritti delle donne. Quando aveva appena due anni un razzo ha colpito la sua casa: uno dei suoi fratelli è morto, mentre lei e il padre sono rimasti feriti. Rimasta su una sedia a rotelle da allora si batte (con odio), contro il regime dei talebani

Read more

Eutanasia legale, il referendum è un successo: già raccolte le 500mila firme necessarie. E parte l’esperimento della democrazia del click

In soli 46 giorni è stata superata la soglia di firme minima richiesta. Alle 430mila dai tavoli, sparsi su tutto il territorio nazionale, si aggiungono oltre 70.000 raccolte online. La nuova modalità è stata introdotta a fine luglio, come emendamento al decreto Semplificazioni presentato dal deputato Riccardo Magi: "Conquista storica, la tecnologia può liberare diritti"

Read more

Il futuro delle donne in Afghanistan: dagli appelli sui social al ritorno della shaaria. Come Anna Frank di Kabul, regine del ghetto per i nuovi emiri

La fulminea presa del poter da parte dei talebani ha riacceso timore e disperazione nelle donne afgane, soprattutto tra le più giovani, che non hanno mai conosciuto il regime estremista. La ricerca di un marito 'qualunque', il ritorno del velo e le grida d'aiuto sul web. Mentre i nuovi padroni del Paese promettono moderazione: nessun'immagine di violenza o di repressione, ma accoglienza e integrazione. Sotto la legge della shaaria, però

Read more

Malala, il coraggio del padre che l’ha lasciata “Libera di volare”. I terroristi volevano cancellarla, ma ne hanno fatto una leader

È la più giovane Premio Nobel per la pace nella storia, fin da piccola si è battuta per i diritti femminili, perché alle ragazze sia permesso studiare e crearsi un futuro, senza sottostare all'obbligo del matrimonio. Più volte hanno provato a farla tacere, ma grazie anche al supporto del suo papà 'Mal' non si è mai arresa. E ora pensa al futuro

Read more

Afghanistan, il ritorno dei talebani e i diritti (negati) delle donne. Cristiana Cella: “L’Occidente si vergogni. Non ha mai sostenuto la parte democratica del Paese”

La giornalista e attivista Cisda denuncia la condizione femminile nel Paese mediorientale, dove per paura di ritorsioni sono stati coperti anche i cartelloni pubblicitari con immagini femminili. "La situazione non era buona nemmeno prima: in 20 anni fatti pochissimi passi avanti e solo in alcune famiglie"

Read more

Gino Strada, medico, filantropo, carisma da rockstar: dai luoghi di guerra ai cortei nelle metropoli, ha salvato vite, dato speranze, infiammato animi

Credeva nella medicina. Nel suo potere anche politico. Nella salute come diritto universale, risultato dell’affermazione di altri diritti, misura del benessere, anzitutto economico e sociale. Se ne va mentre i talebani (che lo rispettarono) si riprendono l'Afghanistan che fu culla della sua parabola di chirurgo e di uomo. Ha seminato ospedali, suturato ferite, fatto partorire donne e resituito il sorriso a bimbi dagli occhi spenti

Read more
Page 35 of 39 1 34 35 36 39

Potrebbe interessarti anche

Instagram