Bianca Balti: “Ho congelato i miei ovociti per poter diventare nuovamente mamma”

La top model ha annunciato sul suo profilo Instagram la decisione di sottoporsi al Social Freezing: "Voglio raccontare questo percorso, durato un anno. Non ho bisogno di un compagno per fare un figlio"

Compirà 38 anni  il 19 marzo la top model Bianca Balti: nata il 19 marzo 1984 a Lodi, ha sfilato per le più importanti case di moda, ha prestato la sua immagine a diverse campagne pubblicitarie ed è comparsa sulle copertine delle più importanti riviste. La bellezza acqua e sapone, molto attiva sui social e impegnata per l’ambiente, ha annunciato sul suo profilo Instagram di aver preso una decisione inaspettata e di non facile comprensione: “Ho congelato gli ovociti, non ho bisogno di un compagno per fare un figlio“ racconta mostrandosi serena e forte della sua scelta, che potrà renderla nuovamente madre. Tornata single dopo una storia tormentata durata tre anni, a marzo del 2021 Bianca Balti (già madre di due figlie, Matilde e Mia) si è sottoposta al Social Freezing, ovvero la crioconservazione degli ovociti a scopo precauzionale, così da poter diventare nuovamente mamma.

“Ho congelato gli ovociti, non ho bisogno di un compagno per fare un figlio“ racconta la modella, che ha sfilato per le più importanti case di moda e ha prestato la sua immagine a diverse campagne pubblicitarie

“Ho congelato gli ovociti, non ho bisogno di un compagno per fare un figlio“ racconta la modella, che ha sfilato per le più importanti case di moda e ha prestato la sua immagine a diverse campagne pubblicitarie

Il “diario“ di questo lungo percorso – maturato alla fine di una “relazione tossica”, come racconta lei stessa sui social – è affidato alle storie su Instagram dove Bianca ripropone i TikTok delle varie fasi della procedura, a partire dal febbraio 2021: “Non sono brava a fare i TikTok – spiega la modella ai suoi followers – ;  non so nemmeno perché di sottofondo ho messo sempre la stessa musica, cosa che mi ha fatto notare mia figlia. Ma poco importa. Spiegherò tutto in dettaglio nella mia newsletter che mando con un po’ di ritardo” riprende, indicando lo spazio apposito per iscriversi, in modo da poter seguire di minuto in minuto l’attività della top model, che nel 2007 ha debuttato al cinema.

La decisione

Anni fa Bianca ha detto addio a Matthew McRae, padre della seconda figlia, nata nel 2015. “Svincolare il mio sogno di maternità dagli umori di una relazione fu la cosa più coraggiosa che ebbi mai il coraggio di fare per me – ha scritto – Perché se una donna non ha bisogno di uomo per fare un figlio, allora non ne ha bisogno proprio per nient’altro”.
Bianca Balti aveva già confidato il peso di un legame che la stava distruggendo e adesso racconta che ha congelato i suoi ovociti, spiega perché l’ha fatto. Lei così bella e famosa era caduta in una relazione che la stava logorando nel corpo e nell’anima.

Bianca Balti in passerella

Bianca Balti (38 anni il 19 marzo)  ha sfilato per le più importanti case di moda, ha prestato la sua immagine a diverse campagne pubblicitarie ed è comparsa sulle copertine delle più importanti riviste

Quando Bianca Balti l’ha capito ha detto addio a lui e alla loro storia ma ha anche preso una decisione importante, una decisione che racconta ma che non tutti comprendono. “Conservare gli ovociti per diventare mamma al momento giusto” in questa frase c’è tutto ma la Balti sente il bisogno di spiegare tutto. E’ il suo riscatto, è il desiderio di volersi bene e di fare qualcosa per se stessa. La splendida modella desidera diventare di nuovo madre, per la terza volta, ma dopo l’ultima relazione sente che può farlo senza un uomo accanto, non ne ha bisogno. Bianca Balti mostra il suo ultimo anno tra lacrime e decisioni importanti.

Bianca Balti aveva già confidato l’amore tossico che la stava distruggendo e adesso racconta che ha congelato i suoi ovociti

Bianca Balti (38 anni il 19 marzo), che aveva  confidato l’amore tossico che la stava distruggendo, racconta di aver congelato i suoi ovociti

Un percorso non facile, che Balti lei l’ha affrontato da sola con il pensiero di “svincolare il sogno di maternità dagli umori di una relazione”.
“Se una donna non ha bisogno di uomo per fare un figlio, allora non ne ha bisogno proprio per nient’altro” ed è qui che si avverte tutta la sofferenza vissuta nel suo ultimo legame; è tutto così triste ma per lei congelare gli ovociti e avere un figlio da sola è una vittoria.

I tormenti del passato

Racconta cosa ha dovuto fare per arrivare ai suoi ovociti da conservare ma è quando parla del suo ex che spiega tutto. “Sapevo che sarebbe voluto diventare padre prima o poi, ed il mio desiderio di avere altri figli non era certo un mistero… – scrive Bianca raccontando i tre anni con lui – Quello che io udii, tuttavia, fu che il rapporto con sua madre veniva prima di quello con me, anche in decisioni che coinvolgevano soltanto noi due. E, soprattutto, che procreare era una scelta sua di cui io ero un mero accessorio”. Lui le diceva: “Sei la madre migliore che abbia mai conosciuto”. Altri giorni invece: “Se ti comporti così, un figlio con te non lo faccio; io non ho bisogno di te per diventare padre”.

Bianca Balti con la figlia (fonte Instagram)

Bianca Balti con la figlia (fonte Instagram)

Bianca non faceva che piangere: “Pensai di essere profondamente sbagliata, forse addirittura malata. Andavo in terapia con l’obiettivo di farmi aggiustare. Volevo guarire per diventare finalmente la donna che l’avrebbe reso felice, la donna che avrebbe voluto come madre dei suoi figli. Ma per quanto mi sforzassi, non ce la facevo; sembrava che fossi uscita dalla fabbrica con un pezzo mancante”. “Piangevo, sbattevo la testa contro al muro, mi disperavo. Pensai di essere profondamente sbagliata, forse addirittura malata. Andavo in terapia con l’obiettivo di farmi aggiustare. Volevo guarire per diventare finalmente la donna che l’avrebbe reso felice, la donna che avrebbe voluto come madre dei suoi figli. Ma per quanto mi sforzassi, non ce la facevo; sembrava che fossi uscita dalla fabbrica con un pezzo mancante”.
Così ha deciso, nel marzo 2021, di congelare i propri ovociti. “Svincolare il mio sogno di maternità dagli umori di una relazione fu la cosa più coraggiosa che ebbi mai il coraggio di fare per me – conclude – Perché se una donna non ha bisogno di uomo per fare un figlio, allora non ne ha bisogno proprio per nient’altro“.
Quando l’ha lasciato ha deciso di essere indipendente in tutto e un anno fa ha scelto di congelare gli ovociti. Un giorno sarà madre per la terza volta.