Biden “può ricevere la comunione”: il Papa contro i vescovi che “scomunicano” il presidente per le posizioni filo-abortiste

L’udienza di 90 minuti del 29 ottobre sembra mettere la parola “fine” al dibattito che da mesi incendia la galassia conservatrice americana, che nega la comunione a quei politici che difendono il diritto all’aborto

Scomunicato dai vescovi conservatori americani perché sostenitore del diritto all’aborto, il presidente Usa Joe Biden, cattolico e molto devoto, il 29 ottobre a Roma è stato rincuorato da Papa Francesco, che sembra aver posto la parola “fine” su una polemica che negli Stati Uniti si trascina da mesi. Sua santità, nel corso di un’udienza record di un’ora e mezzo, ha infatti detto al Presidente che “è un buon cattolico e che può continuare a ricevere la comunione“.

Uno schiaffo per la galassia conservatrice Usa, che a novembre tornerà comunque a riunirsi per affrontare la bozza di un documento sull’eucarestia, nella quale alcuni vorrebbero veder scritto il divieto di ricevere la comunione per quei politici, tra cui Biden, che negli Usa sostengono il diritto all’interruzione volontaria di gravidanza. “pastorale” e non “politico”, ma questa volta alle parole sono seguiti anche i fatti. Il Presidente Biden è stato infatti fotografato in fila per l’Eucaristia nella Santa Messa privata avvenuta la mattina di sabato 30 ottobre a Roma: “Sono stato avvisato solo un paio di ore prima della celebrazione. Per san Patrick e per me è stato un onore. Ho ringraziato il presidente e la First Lady. Erano di corsa, fra un impegno e l’altro. Non c’è stato tempo neppure di scattare una foto”, dichiara ad Askanews padre Steven Petroff della congregazione di san Paolo, in servizio alla Chiesa di San Patrick nella Capitale, punto di riferimento di tutti i cattolici americani a Roma.

Per il sacerdote dare la Comunione al Presidente americano, seppur “filo-abortista”, è stato un gesto naturale. “Io sposo in toto la linea di Papa Francesco: la Comunione è una medicina e come tale è per sua natura disposizione di tutti. Se ci si è predisposti con l’intenzione e lo spirito giusti non può essere impedita a nessuno”. Ovviamente il ‘via libera’ dato dal Papa, che di fatto ha sancito una presa di posizione netta contro l’ala conservatrice della chiesa americana, ha scatenato più di una polemica, anche in Italia. Sul Foglio Giuliano Ferrara ha parlato di mancanza di “coraggio” da parte di Papa Francesco: “Quella del Papa sembra una scorciatoia casuistica – ha scritto –. Tanto varrebbe riformare e cambiare l’impianto dottrinale: serve ancora uno sforzo”. Mentre Mario Giordano su La Verità ha criticato la scelta di Biden, scrivendo: “Caro Biden, non usi la Comunione come strumento di propaganda […] l’Eucaristia merita più rispetto”.