Cancellare i torti del passato: nel Regno Unito addio a tutte le condanne per omosessualità

Le persone dichiarate colpevoli per i crimini previsti dalle leggi oggi abolite possono adesso chiedere che le condanne vengano definitivamente cancellate dalla fedina penale

Il governo britannico dà un ulteriore colpo di spugna alle condanne per omosessualità passate. Con una nuova iniziativa infatti verranno cancellate tutte quelle che finora non erano comprese in altri provvedimenti: nove gli ex reati per cui era già prevista, spiega la BBC, fra cui la sodomia e gravi atti di indecenza.L’amore tra persone dello stesso sesso è stato depenalizzato da tempo (dal 1967 in Inghilterra e Galles, dal 1981 in Scozia e dal 1982 in Irlanda del Nord) e ora l’esecutivo punta a ‘ripulire’ anche il proprio passato dalla discriminazione ‘legale’ applicata negli anni. L’annuncio è arrivato dalla ministra degli Interni Priti Patel,  che vuole “riparare i torti del passato”.

La ministra dell’Interno britannica ha definito la Gran Bretagna uno dei posti più sicuri al mondo per la comunità Lgbtq

“È giusto che, una volta aboliti i reati, anche le condanne per attività consensuale tra partner dello stesso sesso debbano essere estinte”, ha spiegato presentando l’emendamento. “Spero che l’espansione del programma di indulto possa in qualche modo correggere i torti del passato e rassicurare i membri della comunità Lgbt sul fatto che la Gran Bretagna è uno dei posti più sicuri al mondo”, ha aggiunto.

In particolare, dal 2012  in Inghilterra e Galles è possibile chiedere la cancellazione dalla fedina penale di passate condanne per rapporti omosessuali consensuali e dal 2017 vi è una cancellazione automatica postuma in virtù della cosiddetta “Legge Turing”, così chiamata in memoria dello scienziato, fra i padri del computer, che svelò i codici nazisti durante la guerra e morì suicida nel 1954 dopo una condanna per omosessualità.

L’estensione della cancellazione consentirà la grazia postuma a coloro che sono morti prima della sua entrata in vigore

Ma dalla lista, finora, sono rimaste escluse le condanne per adescamento, un ex reato utilizzato come pretesto per :”per incastrare uomini gay o bisessuali, a volte per non aver fatto nulla più che una chiacchierata con un altro uomo adulto”, spiega Lord Cashman, uno dei promotori della campagna per estendere la cancellazione. Alla sua voce si era aggiunta la protesta dell’attivista Lord Lexden, il quale aveva definito “un affronto alle persone gay” la mancata estensione della lista delle condanne cancellate nel Regno Unito. Cosa che invece adesso il governo si dichiara intenzionato a fare, introducendo un emendamento alla legge esistente, applicando la ‘pulizia’ della fedina penale anche alle persone defunte.