Carolina di Monaco compie 65 anni: la principessa dai capelli grigi è l’icona del Principato

La primogenita di Ranieri III e di Grace Kelly, è il pilastro della famiglia Grimaldi e ne incarna la forte componente femminile. Da due anni paladina del movimento ##embraceyourgreyhair è stata tra le prime reali a mostrarsi 'naturalmente' bella

Buon compleanno Carolina di Monaco. La principessa festeggia oggi, 23 gennaio, 65 anni. La primogenita dell’indimenticata Grace Kelly, ormai da qualche anno, si mostra in pubblico in tutta la sua naturalezza, non nascondendo i segni dell’età come rughe o capelli grigi, ma sfoggiandoli come simbolo di quella bellezza che da sempre la contraddistingue e semplicemente muta con il passare degli anni. È lei la vera icona del Principato, visto il disinteresse quasi totale della sorella Stéphanie per le questioni familiari e invece le problematiche di famiglia di Alberto, legate soprattutto alle condizioni di salute moglie Charlène, che dopo otto mesi trascorsi in Sudafrica perché colpita da una grave malattia, lo scorso 8 novembre era tornata a casa dal marito e dai gemelli Gabrielle e Jaques di 7 anni, ma già  il 20 dello stesso mese è stata nuovamente ricoverata in una clinica medica in Svizzera e da allora non si hanno più aggiornamenti ufficiali.

Carolina di Monaco ha scelto, prima tra le reali, di non coprire i segni dell’età, dimostrandosi un’icona di stile

Nonostante sia quest’ultimo a regnare, è però la più grande tra i tre fratelli il pilastro del casato Grimaldi, unica first lady nonostante le contendenti non manchino. In particolare sembrerebbe che proprio con l’ex campionessa di nuoto sudafricana non ci mai stato un vero feeling. E se la moglie di Alberto scompare, Carolina, invece, non manca mai e si dimostra la reale più resiliente. E pensare che sembra passato appena un giorno da quando ne scuoteva le fondamenta a suon di scandali, andando in sposa prima a Philippe Junot e poi con l’amato Stefano Casiraghi. E invece il tempo scorre, inesorabile, ma la figlia di Ranieri di Monaco rimane ancora la ragazza che faceva girare la testa ai più romantici, con il suo incantevole ed enigmatico sorriso, anche se ormai il tempo delle fughe d’amore è finito e la principessa, caposaldo della famiglia e punto di riferimento per i monegaschi, oggi preferisce trascorrere il tempo a fare la nonna dei suoi sette nipoti.

Il passato ribelle e segnato dai lutti

Uno scatto storico della famiglia Grimaldi: il principe Ranieri, la primogenita Caroline (in piedi a sx), la moglie Grace Kelly seduta con in braccio Stéphanie e sulla destra il principe Alberto

Colei che oggi porta sulle spalle, simbolicamente, le sorti del Casato non è sempre stata impeccabile nelle scelte di vita. Giovane ribelle e testarda, impulsiva e incostante (soprattutto di cuore) Carolina, per anni ha incarnato perfettamente l’ideale delle reali monegasche. Dalla sorella, la principessa Stéphanie, alla cognata fino alla secondogenita, la figlia Charlotte, nota alle cronache per le sue turbolente relazioni sentimentali. E di travagli amorosi ne sa qualcosa lei stessa, protagonista di una vita che sembra la trama di un romanzo appassionante e tragico allo stesso tempo. Studentessa fuori dalle righe alla Sorbonne di Parigi, più volte immortalata dai paparazzi a cui spesso regalava materiale ‘succulento’ girando in minigonna o a piedi scalzi per le vie di Parigi, frequentando locali notturni o facendosi immortalare mentre guidava la sua Cinquecento. Poi il primo vero amore e le nozze, nel 1978, con il banchiere Junot, di 17 anni più grande. Il matrimonio, osteggiato dalla famiglia reale, si rivelò in effetti un grande errore e dopo appena due anni il vincolo fu annullato dalla Sacra Rota per “incapacità da parte dell’uomo di assumere gli obblighi essenziali del matrimonio per cause di natura psichica”. Insomma Philippe il playboy non poteva certo essere il marito più adatto dell’erede al trono.

Passano ancora due anni e nel 1982 Carolina vive il primo, devastante lutto: la madre Grace Kelly muore improvvisamente in un incidente automobilistico. Nello scontro, di cui le vere ragioni non sono mai state chiarite, rimase ferita anche la sorellina. Fu la chiave di volta, tragica, nella vita della primogenita di casa Grimaldi, che decise da allora di assumersi la rappresentanza del Principato. Di una bellezza inarrivabile, come solo la mamma e, in seguito, la figlia, si presentò al mondo anche come icona di stile e di eleganza.

Una foto di qualche anno fa mostra l’innata bellezza ed eleganza della principessa Caroline di Monaco

Nel 1983 convolò a nozze, per la seconda volta, con l’imprenditore e pilota motonautico Stefano Casiraghi, in quella che molti videro come una favola romantica. Dalla loro storia d’amore nacquero tre figli: Pierre (1984), Charlotte (1986) e Andrea (1987). Un’unione da sogno, che però, anche in questo caso, fu spezzata anzitempo dalla morte violenta di Casiraghi, rimasto ucciso in un incidente mentre disputava una gara di motonautica. Come il matrimonio anche il cuore della principessa fu spezzato, ancora una volta, ma seppe tirare fuori anche in questo caso una forza enorme.

In seguito ebbe infatti altre relazioni, fino al 1999 quando si ritovò per la terza volta davanti all’altare per sposare il principe tedesco Ernst August di Hannover, dal quale pochi mesi dopo ebbe la figlia Alexandra. La coppia, più volte al centro di scandali ed episodi spiacevoli, si è sciolta anche se non ufficialmente. Carolina non vuole saperne di divorziare ma i due vivono ormai separati almeno dal 2009, anno a cui risalgono gli ultimi scatti pubblici insieme. A detta dei rumors, la causa della mancata ufficializzazione sarebbe la volontà della donna di “non perdere il titolo di Altezza reale“, superiore a quello che le spetta come figlia di Ranieri III di Monaco.

Carolina di Monaco: la regina delle nevi

La principessa Carolina con la figlia Charlotte e uno dei nipoti

La principessa Carolina con la figlia Charlotte e uno dei nipoti

Terza in linea di successione, dopo il fratello Alberto e i suoi figli, i gemelli Gabriella e Jaques, il destino di Carolina non è mai stato quello di diventare regina (anche perché Monaco è un  e non un regno) e nemmeno quello di salire sul trono. Sulla Rocca monegasca vige infatti la legge dinastica che prevede che l’erede maschio prevalga sulla femmina, seppur primogenita. Ma indubbiamente è lei a rappresentare l’ancora forte l’identità femminile della famiglia, punto di riferimento fermo nonostante i venti di burrasca che saltuariamente – ma non troppo – coinvolgono i membri reali del principato. Imperturbabile nonostante gli scandali, di un’eleganza innata benché anche per lei gli anni avanzino, Caroline resta la Principessa con la P maiuscola. Anche a 65 anni suonati e facendo la nonna dei suoi amati nipoti.

Portabandiera di uno stile e un portamento consapevoli, maturi ma pur sempre affascinanti, è stata tra le prime donne reali, insieme a Letizia di Spagna a mostrare una chioma argentea. Forse l’ultimo suo ‘colpo di testa’, dopo quelli giovanili, ma fatto in silenzio, già due anni fa, in pieno lockdown, quando decise di mostrarsi al naturale, rughe comprese, esaltate e non più nascoste con un make up delicato ma mai banale. Una rivoluzione gentile, che ha destato scandalo questa volta per la sua raffinatezza, per la spontaneità e l’umanità dimostrate da Carolina di Monaco. Che da principessa ribelle è passata ad essere paladina del movimento #embraceyourgreyhair a, infine, incarnare quell’icona di eleganza e bellezza che solo la figlia di Grace Kelly può aspirare ad avere.