Con Tim la rete include tutti per connettere la diversità. Laudadio: “Una storia di inclusione da 100 anni”

In occasione del festival dedicato ai temi dell’inclusione e della valorizzazione delle diversità, Tim ha promosso il webinar in streming "Connecting diversity. La rete che fa la differenza perché non fa differenze", in cui sono state presentate 11 storie virtuose di famosi influencer

Seconda edizione di “4Weeks4Incusion“, il più grande evento interaziendale dedicato all’inclusione, che quest’anno vede coinvolte oltre 200 aziende. Dopo l’intervento dell’ad di Tim Luigi Gubitosi, di cui vi avevamo parlato nei giorni scorsi (leggilo qui), si è tornati a apralre del rapporto tra digitale e inclusività, nel webinar promosso in streaming lunedì 8 novembre, dalle 11,30 alle 13, intitolato “Connecting diversity. La rete che fa la differenza perché non fa differenze” (visibile sul sito del Gruppo Tim, sulla pagina Facebook e a questo link). Nel corso dell’evento è intervenuto Andrea Laudadio, Responsabile Tim Academy, Development & Recruiting, che ha detto: “Siamo solo a metà della 4 Weeks 4  Inclusion e abbiamo già riscontrato grande successo. Oggi raccontiamo il nostro approccio verso l’inclusione, da sempre siamo un’azienda che fa la differenza proprio perché includiamo tutti, nella convinzione che il valore dei singoli arricchisce il Gruppo”.

Andrea Laudadio, Responsabile TIM Academy, Development & Recruiting

Un appuntamento importante per parlare di inclusione, nel quale l’azienda ha raccontato le storie di chi si è sentito escluso ma non ha sprecato l’opportunità di trasformare la sua esperienza in un valore, e che grazie alla rete ha potuto fare la differenza. “I racconti dei nostri 11 ospiti di oggi hanno tutti un filo comune, la rete, che permette di superare le distanze e valorizzare le diversità. La rete è nel nostro Dna – ha aggiunto Laudadio – telefonia, telecomunicazioni, Internet, social network, infrastrutture fisiche, ma dietro cui ci sono persone e storie individuali”. E ha concluso: “Si tratta di un filo fisico e virtuale che permette di unire le persone. Un valore, questo, che in Tim arriva da lontano, una storia di inclusione che va avanti da 100 anni“.

Connecting Diversity: una rete che non fa differenze

Il messaggio lanciato attraverso il webinar, ma anche attraverso il costante lavoro del Gruppo Tim in merito a queste tematiche, è quella di una rete che superi le distanze, connetta le diversità, salvi e permetta di salvarsi dall’isolamento. Ma anche una rete capace di creare nuove occasioni per formarsi, divertirsi e persino intercettare nuovi business. Insomma la rete come generatore di opportunità. Quelle presentate da Giampaolo Colletti durante l’evento a 4W4I sono undici storie storie di resilienza, coraggio, determinazione, inclusione, raccontate tra passato, presente e futuro, tra Roma e la sede dell’Archivio Storico Tim di Torino.

I protagonisti sono top influencer della società odierne, come l’attrice Angelica Massera, che racconta con ironia sui social il ruolo di mamma, donna, compagna, o Paolo Camilli, il ‘genio comico di Instagram’ oltre che attore, regista, creator, o ancora il famoso rapper Cris Brave, che nonostante la sua disabilità ha duettato sul palco anche con Fedez, e l’imprenditrice digitale e fondatrice di “Ritualmente” Alice Bush. E poi Francesca De Gottardo, fondatrice di una b-corp che, con 10 sarte africane, crea abiti e accessori in tessuti africani dal design italiano; la coppia multietnica Momo & Raissa, autori di “Di mondi diversi e anime affini” (De Agostini); la finalista a Miss Italia 2017 Rossella Fiorani, nata con una patologia rara che l’ha privata delle dita di mani e piedi, Valentina Perniciario, fondatrice della pagina “Sirio e i Tetrabondi”, in cui racconta il suo viaggio dalla nascita di Sirio, colpito da “morte in culla”; Francesco Cicconetti, un ragazzo transgender che racconta la sua transizione da donna a uomo ed è stato premiato ai Diversity Media Awards 2021 come “best creator”; Muriel, giovanissima attivista LGBTQ+ e rappresentante body positive; e infine Nadia Lauricella, seguitissima su TikTok dove racconta la sua malattia rara (è senza braccia e ha la colonna vertebrale distorta) con sfide e video divertenti.