La giornalista inglese Deborah James ha perso la sua lotta con il cancro. La regina la nomina Dame

La conduttrice del podcast "You, Me and the Big C", 40 anni, ha scritto sui social un lungo messaggio di addio: "Non so quanto tempo mi resta, il mio corpo non risponde più alle cure". Come ultimo gesto solidale ha lanciato un fondo benefico per i malati

Deborah James, giornalista inglese del The Sun e conduttrice del podcast “You, Me and the Big C” in onda sulla BBC, ha perso la sua battaglia contro il cancro. A soli 40 anni, di cui gli ultimi sei passati a combattere contro un tumore all’intestino al quarto stadio, James qualche giorno fa voluto scrivere su Instagram un lungo messaggio di addio a tutti i suoi followers e seguaci che in questi anni l’hanno accompagnata nella lotta alla malattia. Un post che non avrebbe “mai voluto scrivere” afferma la conduttrice radiofonica che poi ha voluto chiarire il perché dell’annuncio: “Abbiamo provato di tutto, ma il mio corpo semplicemente non sta collaborando. Le cure attive sono state interrotte e ora sono passata all’assistenza domiciliare in hospice, con la mia incredibile famiglia intorno a me e l’obiettivo è assicurarmi di non soffrire e di passare del tempo con loro. Nessuno sa quanto tempo mi rimanga“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Deborah James (@bowelbabe)

L’addio e l’ultimo gesto solidale: un fondo per i malati di cancro

Deborah James cancro

La giornalista Deborah James vive dal 2016 con un cancro all’intestino al quarto stadio, ormai incurabile

Un commovente commiato dalla vita, “la maggior parte delle cose che davo per scontate sono un sogno irrealizzabile […]In più di 5 anni ho scritto di come pensavo che sarebbe stato il mio ultimo Natale, di come non avrei visto il mio 40° compleanno né i miei figli andare alle scuole superiori. Ma non ho mai pensato di scrivere una lettera in cui avrei detto davvero addio. Credo che sia stata la speranza ribelle che c’è in me”, scrive infatti Deborah James, e poi ringrazia a tutti coloro che hanno seguito quest’ultima sua battaglia, regalandole affetto e sostegno quotidiani: “È tutto straziante da affrontare, ma sono circondata da così tanto amore che se c’è qualcosa che può aiutarmi a superarlo, spero che lo faccia”. Ora la 40enne è assistita in casa dei genitori. Mamma di due figli, la giornalista dopo aver annunciato di aver interrotto le cure ha anche aggiunto: “Ho sempre saputo che c’era una cosa che avrei sempre voluto fare prima di morire. Nel corso degli anni ho sempre raccolto il maggior numero possibile di informazioni e fondi per le organizzazioni benefiche a me più vicine. Di conseguenza, è stato istituito il @bowelbabefund e non desidero altro che voi lo aiutiate a crescere”. In un gesto di estrema solidarietà verso i malati di cancro, ha lanciato lunedì scorso un fondo benefico che finora ha raccolto più di 4 milioni di sterline.

Il titolo di Dame: “Sbalordita e commossa”

Quello che però sicuramente James non si aspettava, a pochi giorni di distanza dal triste annuncio, era che sarebbe stata insignita dalla corte britannica del titolo di Dame, ovvero l’equivalente femminile del cavalierato, che è tradizionalmente concesso ai maschi. La conduttrice del podcast della BBC “You, Me and the Big C” ha dichiarato di essere “sbalordita e commossa” per la nomina. Le dame e i cavalieri vengono solitamente annunciati nell’ambito delle onorificenze per il nuovo anno o in occasione del compleanno della Regina. Tuttavia, in circostanze eccezionali, alcuni vengono insigniti in altri periodi dell’anno. E da Downing Street arriva la conferma della concessione dell’onorificenza; in un comunicato stampa del governo britannico si legge infatti che “La Regina è stata lieta di approvare il conferimento dell’onorificenza di Damehood a Deborah James”. Il principe William e la moglie Kate, che hanno donato al fondo di ricerca istituito dalla James, hanno elogiato il suo “instancabile impegno” nel sensibilizzare l’opinione pubblica sul cancro e l’hanno ringraziata per aver “dato speranza” a coloro che convivono con la malattia.

Anche Boris Johnson, su Twitter, si è voluto congratulare personalmente e ha scritto: “Se mai un’onorificenza è stata ampiamente meritata, è questa. Deborah è stata un’ispirazione e la sua onestà, il suo calore e il suo coraggio sono stati una fonte di coraggio per tante persone”. “Attraverso la sua instancabile campagna e condividendo così apertamente la sua esperienza – aggiunge il Primo Ministro -, non solo ha contribuito alla nostra lotta contro questa terribile malattia, ma ha fatto sì che innumerevoli altre persone affette dalla Grande C non si sentissero sole“.

Come raccontare il cancro

Deborah James cancro

Nei giorni scorsi Deborah James h annunciato di aver perso la sua battaglia col cancro e di ricevere cure palliative di fine vita a casa dei genitori

Dame Deborah ha iniziato a co-presentare “You, Me and the Big C” insieme a Lauren Mahon e alla giornalista Rachael Bland nel 2018, la quale è morta anch’essa all’età di 40 anni, sei mesi dopo il lancio del programma e due anni dopo che le era stato diagnosticato un cancro al seno. Lo show, nel frattempo, si è guadagnato un ampio successo grazie al modo di trattare la malattia nella discussione, chiaro e senza ‘fronzoli’. Nel podcast infatti le conduttrici hanno intervistato con ospiti famosi e hanno affrontato questioni pratiche, tra cui la perdita dei capelli, i consigli per gestire le spese e su come comunicare alle persone più care della malattia. Ciò che viene riconosciuto anche a Dame Deborah per il suo approccio diretto nel parlare di cancro online, da quando – sin dalla sua diagnosi nel 2016 – ha deciso di condividere coi suoi followers sui social le sue esperienze di trattamento e di vita quotidiana.
La podcaster, di recente, ha spiegato alla BBC di essersi spostata a casa dei suoi genitori per trascorrere il tempo che le resta da vivere con la sua famiglia, perché è “il luogo in cui ho sempre voluto morire“. Inoltre ha precisato che in questo modo la loro casa di famiglia a Londra sarebbe rimasta senza le “cicatrici delle apparecchiature mediche” che avrebbero potuto restare nei ricordi dei suoi figli.