Main Partner
Partner

Economia

Inclusione in azienda: le linee guida di Global compact network per un’economia sostenibile

Tra criticità ancora radicate ed esempi virtuosi, dall’analisi emerge che il riconoscimento delle disabilità, l’utilizzo di un linguaggio inclusivo, la formazione continua, l’equità salariale, l’eliminazione di ostacoli strutturali e l'assoluta non tolleranza della violenza di genere, rappresentano un fattore decisivo di crescita per le imprese

Read more

Addio all’assegno di assistenza: la stretta dell’Inps nei confronti delle persone con disabilità che lavorano

La Legge 118 del 1971 prevede come requisito per l'assegno di invalidità l'"incollocazione" (modificata nel 2007 in "inoccupazione"), ma l'ente previdenziale aveva finora adottato una prassi più favorevole: con un reddito esiguo e il lavoro non stabile si poteva comunque ottenere l'assegno. L'attuale retromarcia scatena le polemiche di associazioni, famiglie e sindacati

Read more

Uomini e donne? Pari sono: i top manager di trenta aziende firmano il patto Zero gender gap su assunzioni, retribuzioni e carriere

Stop alle discriminazioni di genere in trenta aziende leader in Italia: da Gucci a Intesa, da Marcegaglia a Illy caffè, da Snam a Generali alcuni dei "motori" dell'economia del Paese s'impegnano a eliminare ogni sperequazione fra maestranze. Gros Pietro: "Il soffitto di cristallo comincia a perforarsi anche nella finanza". Un passo avanti verso il progresso

Read more

Donne al potere? Ancora un miraggio. Parola di Liliana Fratini Passi: “Costrette ancora a scegliere tra lavoro e famiglia. Per la parità si deve partire dall’istruzione”

In Italia si fa ancora fatica a trovare le donne ai vertici degli organi amministrativi, privati ma anche pubblici. Dai dati dell’osservatorio inter istituzionale tra Presidenza del Consiglio, Consob e Banca d’Italia, tra il 2011 e il 2019 la presenza femminile è passata dal 7 al 37% nelle società quotate in Borsa e dall’11 al 25% nelle società a controllo pubblico. Ma al comando restano prevalentemente gli uomini.

Read more

Gender Pay Gap, il divario salariale tra uomini e donne in Italia si spiega con un’equazione: “Più sei istruita e più sei discriminata”

A parametri diversi corrispondono stime diverse: Eurostat calcola il divario sulla retribuzione oraria netta (5%), Jobpriciping su quella annuale lorda (11,5%). Ma quello che emerge, comunque, è che le donne, sul lavoro, sono pagate meno degli uomini. A fare la differenza? Solo il genere. Anzi, migliori sono i risultati negli studi e maggiore sarà la differenza nella paga. E con la pandemia il fenomeno – secondo la professoressa Maria Laura Di Tommaso – è destinato a peggiorare ancora

Read more
Page 3 of 4 1 2 3 4

Potrebbe interessarti anche

Instagram