Firenze, è boom di donne aggredite e picchiate in centro. Che cosa sta succedendo?

Dopo il pestaggio di una donna di 47 anni, ieri una ragazza spagnola di 22 anni ha denunciato di essere stata aggredita da un uomo che l'ha afferrata per i capelli per strapparle la borsa. Ma molti altri casi di violenze ci sono stati nei giorni scorsi. Il capoluogo toscano è quinto in Italia per indice di criminalità

Firenze. Meno di una settimana, tre donne aggredite in centro. Dopo il pestaggio di una 65enne e dopo l’aggressione di una donna di 47 anni, picchiata da un uomo che le voleva rubare il cellulare, ieri una ragazza spagnola di 22 anni è stata attaccata da uno sconosciuto che dopo averla afferrata per i capelli le ha strappato la borsa dalle mani ed è scappato. Al momento dell’aggressione, tutte e tre le donne erano sole e tutte e tre sono state picchiate prima di essere derubate. Ma questi sono gli ultimi tre casi avvenuti nel giro di una settimana, ma da un po’ di tempo a Firenze c’è stato un vero e proprio boom di aggressioni e violenze contro le donne. Che cosa sta succedendo nel capoluogo toscano?

Firenze, 12 febbraio. Afferrata per i capelli per rubarle la borsa

Ieri notte, in via Gino Capponi, a Firenze, una ragazza spagnola di 22 anni è stata aggredita da un uomo a lei sconosciuto. La ragazza, stando al suo racconto, stava rientrando a casa quando l’uomo le si è bruscamente avvicinato. Ha afferrato la ragazza per i capelli, fino a costringerla a sedersi sul marciapiede. A quel punto l’uomo le ha strappato la borsa ed è scappato via. La giovane ha avvisato le forze dell’ordine che hanno avviato le indagini.

Firenze, 11 febbraio. Presa a pugni in faccia per rubarle il telefono

Intorno alle 2 della scorsa notte, tra Sant’Ambrogio e Borgo Pinti a Firenze, una donna di 47 anni ha raccontato di essere stata avvicinata e aggredita da uno straniero mentre stava tornando a casa. L’uomo ha colpito con alcuni pugni la signora al volto e dopo averla stordita le ha strappato il telefono dalle mani, per rubarglielo e poi scappare. Dopo l’intervento dei carabinieri, la vittima è stata portata al pronto soccorso dell’Ospedale di Santa Maria Nuova, dove è stata ricoverata in attesa di essere operata per le fratture riportate al volto. Nel frattempo, proseguono le indagini dell’Arma.

Firenze, 6 febbraio. Presa a pugni in faccia per rubarle la borsa

Intorno alle 06:30 di domenica 6 febbraio in via Fratelli Rosselli a Firenze (zona Santa Maria Novella), una donna di 65 anni è stata aggredita mentre stava andando a lavorare: un 30enne originario del Gambia si è scagliato contro la donna, l’ha presa a pugni sul viso fino a farla cadere a terra. A quel punto l’uomo le ha intimato di consegnargli la borsa, la donna ha provato a resistere e il 30enne l’ha picchiata di nuovo. I carabinieri sono intervenuti dopo la segnalazione di un passante. Hanno arrestato l’uomo e lo hanno portato nel carcere di Sollicciano. La donna, ricoverata all’Ospedale di Santa Maria Nuova, ha riportato un trauma cranio-facciale, una frattura scomposta delle ossa nasali e ha perso tre denti. Dopo gli accertamenti, è emerso che mercoledì 2 febbraio l’uomo era già stato denunciato per lesioni personali nei confronti di un’altra donna e che nel 2017 lo stesso uomo era stato arrestato per tentato omicidio a Isernia, dove aveva preso un signore a sprangate in testa per non avergli dato una sigaretta. Il 30enne era stato scarcerato dieci mesi fa, nell’aprile del 2021.

Firenze, 28 gennaio. Minacciata con una bottiglia per rubarle il telefono

Venerdì 28 gennaio, poco dopo le 22, una ragazza di 19 anni è stata rapinata da un cittadino straniero sul Lungarno Santa Rosa, a Firenze. L’uomo, dopo averla minacciata con una bottiglia di vetro, le ha strappato di mano il cellulare e l’ha intimata di dargli soldi. Ma la vittima non ne aveva e dunque l’uomo si è allontanato di corsa. La giovane ha poi chiesto aiuto a un passante e ha chiamato la polizia, che ha avviato le indagini sul caso.

Firenze, 27 gennaio. Immobilizzata alle spalle per rubarle la borsa

Giovedì 27 gennaio intorno alle 23, tra via della Fonderia e il Lungarno Santa Rosa a Firenze, una giovane studentessa è stata aggredita alle spalle da un cittadino maghrebino. La ragazza che stava passeggiando con un’amica è stata sorpresa dall’uomo che la ha messo una mano sulla bocca, per poi rubarle la borsa e il cellulare. La studentessa ha reagito all’aggressione ed è riuscita a recuperare il cellulare. L’amica è rimasta illesa.

Firenze, la quinta città in Italia per indice di criminalità. Quanti furti e rapine avvengono?

Ap aprile del 2021 fu pubblicato l’ultimo bilancio sulla criminalità a Firenze della Polizia di Stato. Stando ai dati della Polizia, che si riferiscono al 2020, le rapine sono diminuite del -14,86% in provincia e del -15,85% in città. Mentre i furti si sono dimezzati (-48,57% in provincia e -51,88% nella città di Firenze). In termini assoluti, nel 2020 a Firenze sono state denunciate 631 persone e arrestate 223 persone per i reati di furto. Tuttavia, riferendosi al 2020, questi dati della Polizia di Stato risultano falsati per i vari lockdown nazionali. Prendendo invece in esame l’indice della criminalità 2021 de Il Sole 24 Ore, si può notare che la situazione a Firenze non è così rassicurante: Firenze si classifica al quinto posto delle città con il più alto indice di criminalità in Italia, preceduta solo da Milano, Bologna, Rimini e Prato. Le denunce presentate a Firenze sono state in totale 42.957, ovvero 4.277 denunce ogni 100mila abitanti. Al primo posto della classifica nazionale c’è Milano con 4.866 denunce ogni 100mila abitanti (159.613 denunce in totale), al secondo posto Bologna con 4.636 denunce ogni 100mila abitanti (47.192 denunce in totale), al terzo posto Rimini con 4.603 denunce ogni 100mila abitanti (15.642 denunce in totale) e al quarto posto Prato con 4.426 denunce ogni 100mila abitanti (11.426 denunce in totale).