Gazzelle e Mara Sattei, dall’incontro dei due artisti nasce il singolo “Tuttecose”. Un estratto dal backstage del videoclip

Su Apple music è disponibile il video integrale del singolo, che segue, a pochi mesi di distanza, l'album del 31enne romano "Ok", già disco d'oro. Il brano, realizzato insieme alla talentuosa 25enne, è stato presentato il 4 giugno ed è già un tormentone, tanto che persino alcuni stabilimenti balneari italiani hanno cambiato nome in "Bagno Tuttecose", in omaggio al singolo

Gazzelle & Mara Sattei – Tuttecose: un estratto del backstage, in esclusiva per Apple Music, registrato durante le riprese del videoclip di “Tuttecose “il nuovo singolo di Gazzelle & Mara Sattei, nato dall’incontro tra uno dei più importanti cantautori del pop contemporaneo e una delle artiste più talentuose e incisive del nuovo panorama musicale italiano.

Il video completo è disponibile su Apple Music a questo link: Gazzelle & Mara Sattei – Tuttecose (Backstage)

La canzone “Tuttecose”

“Stavo scrivendo la canzone di getto, direttamente in studio. Alla seconda strofa fantasticavo su una strofa di Mara e le ho scritto su Instagram. Lei si è presa subito molto bene e ha risposto molto entusiasta… pensa che ha scritto i suoi versi soltanto in due giorni!”. Così, spiega Gazzelle, è nata la collaborazione con Mara Sattei per il brano. Grazie a un motivetto della ragazza che gli risuonava in testa e che gl’ha subito fatto pensare che quella canzone, insieme a lei, sarebbe potuta ‘venire meglio’. “Ricordo di aver messo play e ho subito pensato fosse un pezzo davvero forte e che sarebbe uscito qualcosa di unico – racconta Mara -, così gli ho detto che volevo assolutamente farlo e che accettavo. Dopo un paio di giorni avevo già finito di scrivere la strofa e abbiamo iniziato a lavorarci”. Un titolo particolare, tutto attaccato, che deriva, spiega il cantante, da “un intercalare che uso spesso nella mia quotidianità in maniera del tutto colloquiale. Ho voluto trasformarlo in una parola sola, come se fosse un unico sostantivo ma con un significato nuovo, un unico mood. E poi è diventato il cuore della canzone”. Nel ritornello del brano i due si appellano al mare, chiedendogli di portare via il dolore e le emozioni negative. Perché, proprio come fa il mare, sottolinea Sattei, dobbiamo “imparare a toglierci di dosso tutto quello che è superfluo ed effimero per far spazio a tutto ciò che è realmente importante”. Non c’è nostalgia, ma speranza. All’acqua si chiede di depurare la propria vita o una relazione da ciò che è dannoso e inutile, non necessario e doloroso. E alla fine quel muro, quel ‘di più’ che si vede anche nel videoclip, lascia il posto a un tramonto, che dice Gazzelle, “simboleggia per me la quiete dopo la tempesta, la pace… ma la pace va sempre conquistata, ci vuole tanto impegno“. “Il video rappresenta esattamente quello che vogliamo trasmettere con la canzone – aggiunge la collega – Portare man mano via le cose che non servono per tornare all’essenziale che, spesso, rappresenta ciò che viviamo solo nella nostra testa. Vuol dire sbarazzarci dei pensieri inutili che a volte ci fanno chiudere, per far spazio a cose nuove e alla libertà più vera, raffigurata con l’immensità del mare”.

I due artisti

Gazzelle, pseudonimo di Flavio Bruno Pardini, 31enne romano con origini lucane, è un cantautore italiano tra i più apprezzati e seguiti negli ultimi anni. Il nome d’arte, che assume a partire dal 2016, deriva da un tipo di scarpe prodotte da Adidas, come lui stesso ha dichiarato. All’inizio non appariva nelle foto, o lo faceva camuffando il suo viso o in ritratti sfocati. Dopo il singolo d’esordio, “Quella te”, uscito nel dicembre del 2015, due anni dopo arriva anche “Superbattito“, il primo disco pubblicato dall’etichetta indipendente Maciste Dischi. È l’inizio di una carriera che sembra non volersi fermare. Nel 2018 il secondo album, “Punk”, e varie collaborazioni a progetti e con altri cantanti, tra cui quella al disco “Faber Nostrum”, tributo a Fabrizio De Andrè, in cui Gazzelle realizza la cover di “Sally” e le partnership con Lorenzo Fragola e Luca Carboni. Lo scorso anno, durante il primo periodo di lockdown, scrive “Ora che ti guardo bene” e devolve tutti i proventi all’Ospedale Spallanzani di Roma, per aiutare gli ammalati di Covid. A settembre esce “Destri“, il singolo della consacrazione, che in 3 settimane raggiunge i 7 milioni di ascolti su Spotify (ad oggi ne conta più di 40 milioni) e oltre 2 milioni di visualizzazioni del videoclip su YouTube. A febbraio è uscito il terzo disco, “Ok”, che contiene, oltre al noto brano citato, una traccia in collaborazione con il rapper e produttore musicale Tha Supreme, fratello proprio di Mara Sattei, la talentuosa cantante del featuring in “Tutte Cose”. Uno stile unico, quello di Flavio Pardini alias Gazzelle, che lo ha portato a scalare in poco tempo le classifiche dell’indie pop italiano e che lui stesso spiega essere influenzato da grandi nomi della musica italiana e internazionale, come Rino Gaetano, gli Oasis, Vasco Rossi e i Nirvana. Lui lo definisce “sexy pop“: si tratta di “una definizione nata così, un po’ per ridere, come una battuta, come un modo ironico e leggero di definire qualcosa”. La sua personalità introversa e malinconica si ritrova nei suoi brani, dove tratta l’amore, la solitudine, l’uso di droghe o alcolismo usando spesso basi melodiche e articolate, in antitesi ai temi trattati.

Mara Sattei (all’anagrafe Sara Mattei) invece, nasce a Fiumicino nel 1995 con la musica nel sangue. La mamma, cantante gospel, la spinge a seguire la sua passione e le fa frequentare corsi di canto e pianoforte. Ma anche il fratello minore, il già citato rapper Tha Supreme, tra i più influenti produttori musicali di questo periodo, è una fonte di ispirazione e di supporto. La carriera di cantante di Mara, allora ancora Sara, inizia nel 2008, quando apre il suo canale Youtube in cui carica principalmente cover. Il ‘debutto’ sulle scene avviene invece con la partecipazione alla 13esima edizione del celebre talent show “Amici“. Dopo si trasferisce a Londra, ma non prima di aver pubblicato il suo primo EP, “Frammenti. Acoustic Covers N.1”. La svolta arriva quando, nel 2017, il fratello produce il suo singolo “Mama oh”. La sua popolarità sale alle stelle e dal 2019 inizia a collaborare con grandissimi della musica in quelle che diventano vere e proprie hit. Ad esempio i brani “Spigoli” in featuring con Carl Brave o “Altalene” insieme a Coez, per citarne alcuni. Durante il programma “X Factor” nel 2020 ha affiancato il collega Hell Raton e ha scritto la canzone “Vittoria”, inedito della vincitrice Casadilego e il 9 aprile 2021 è uscito il suo primo singolo ufficiale come cantautrice, “Scusa“. È stata lei stessa a spiegare il significato nascosto dietro al titolo e alla canzone: “Scusa è una parola breve e concisa, ma con una risonanza enorme nella mia testa, che mi ricorda tutte quelle volte in cui ho fatto fatica a pronunciarla o scriverla, ma che ha successivamente cambiato la storia della mia vita in tanti punti. Sì, chiedere ‘scusa’ mi ha aiutata a chiudere tanti capitoli, ma allo stesso tempo ad iniziarne tanti altri ancora più belli. Saper chiedere scusa ci rende liberi”. La collaborazione con Gazzelle per “Tutte Cose” è solo l’ultimo, temporaneo, tassello di quella che appare una carriera che promette grande successo.