Gli esperti del comitato Scientifico al lavoro: “Un riconoscimento per chi condivide i nostri valori”

Portatori e portatrici di Luce!

Cosa vuol dire portare luce? Significa dare speranza, superare le barriere della ‘diversità’, includere, accogliere, accettare, regalare gioia?
Probabilmente tutto questo e molto, moltissimo di più. Da quella domanda è nata l’idea di trovare chi, quei valori, li incarna e li trasmette. E così, la serata evento al teatro La Pergola di Firenze per festeggiare il primo anniversario del progetto digitale dedicato a diversità, coesione sociale e inclusione del Gruppo Editoriale Nazionale, è diventata anche l’occasione giusta per presentare un riconoscimento speciale. Non un premio, “per non essere influenzati da bias individuali ed essere invece inattaccabili sulle scelte” spiega Sofia Viscardi, membro del board del canale, bensì appunto un voler prendere atto dell’esistenza di persone, iniziative, gesti, realtà aziendali che incarnano
i valori fondamentali di Luce!.
Il mondo che ci circonda, in costante evoluzione, è la base da cui si muove la redazione, composta da giornalisti appartenenti a tutte le testate del Gruppo QN, è chiamata a confrontarsi quotidianamente con i temi della diversità e dell’inclusione, nelle loro più ampie sfaccettature. Dai diritti all’economia green, dalla sessualità alle politiche sociali, alla condizione femminile e insomma alle storie di quotidiani eroismi, non
dimenticando un’attenta riflessione sul linguaggio e sulla comunicazione del cambiamento culturale in atto. Sarà l’autorevole Comitato Scientifico a individuare, nel corso di un anno, questi portatori e portatrici di luce nei campi più diversi (dall’imprenditoria al giornalismo, dal cinema all’insegnamento), “persone o pool, tedofori capaci di portare, anche inconsapevolmente, la ‘fiaccola’ dei valori di Luce!, passando magari il testimone ad altri, grazie al loro esempio” ci tiene a sottolineare la direttrice Pini. Che saranno presentati poi nel novembre del 2022, in occasione del secondo compleanno del sito.
“Ambasciatori di Luce!” propone Ivan Cotroneo, appoggiato dai colleghi e colleghe del Comitato. “Delle persone da emulare” secondo Nando Pagnoncelli, “Degli esempi che meritano di essere posti sotto i riflettori – concorda Claudia Segre – a cui il board consegnerà una sorta di testimone, di riconoscimento”. Insomma, coloro che portano la luce e sono capaci di trasmetterla, di diffonderla, attraverso le loro storie, le loro esistenze speciali, perché 2la normalità non esiste, nessuno può stabilire chi e cosa è normale: siamo invece persone caratterizzate dai nostri difetti, siamo imperfetti e per questo unici» prosegue Luca Trapanese. Vere e proprie “scintille” (di luce o nel buio) per Luisa Bagnoli e Laura Boella, perché il compito del Comitato sarà quello di illuminare “‘ciò’ che è messo ai margini, lasciato nell’oscurità. Accendendo un faro su realtà, individui, classi, protagonisti capaci di realizzare qualcosa di straordinariamente ordinario nel campo dell’inclusione”. Quindi inconsapevoli o autocandidati, scelti o fatti scegliere, quello che è importante è che siano “storie di Luce!“.

Pensando al futuro: gli ambasciatori nell’edizione 2022

Sarà anche l’occasione per presentare una rosa di “portatori e portatrici di luce” selezionati dai membri del Comitato scientifico, il grande
evento in programma per il 30 novembre al Teatro La Pergola di Firenze. Una serata per festeggiare il primo anno di vita del progetto editoriale dedicato ai temi della diversità, dell’inclusione e della coesione del Gruppo Editoriale Nazionale. Disponibile sul web e sui social Luce! (www.luce.lanazione.it), connette le generazioni attorno ai temi della diversità e dell’inclusione, per dare voce a una società contemporanea in potente evoluzione. Ed è in quest’ottica che il Comitato scientifico – composto da personalità del mondo accademico, associativo, manageriale che hanno condiviso il progetto del canale sposandone tematiche, causa e obiettivi – selezionerà gli “ambasciatori di luce” da porre sotto i riflettori nel novembre del 2022, in occasione della festa per il secondo compleanno del sito interamente dedicato alla diversità e all’inclusione del Gruppo Monrif. “Non un premio, ma un riconoscimento a protagonisti che verranno individuati nel corso di un anno – spiega Agnese Pini, direttrice de La Nazione e ‘anima’ di Luce! – , spaziando nei campi più diversi: dall’imprenditoria al giornalismo, dal cinema all’insegnamento”.