Guerra in Ucraina, la soprano Netrebko cambia idea: “Condanno la guerra e torno in scena”

La cantante lirica russa torna a parlare dopo giorni di silenzio e prende le distanze da Putin. In un post su Facebook scrive: "L'ho incontrato una manciata di volte, ora il mio pensiero va alle vittime"

La soprano russa Anna Netrebko, criticata per le sue parole sulla guerra in Ucraina, ha ora espresso “chiaramente” la sua condanna dell’invasione su Facebook aggiungendo che tornerà a esibirsi a partire dal mese di maggio, dopo essersi fermata per alcune settimane proprio a causa del conflitto. “Mi spiace che le mie azioni o dichiarazioni possano essere state male interpretate”, ha scritto Netrebko. “Condanno in modo esplicito la guerra contro l’Ucraina. La mia posizione è chiara”, si legge ancora nel post.

Netrebko, soprano che cambia idea: “Condanno la guerra e torno in scena”

Netrebko, soprano che cambia idea: “Condanno la guerra e torno in scena”

Dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, diversi teatri d’opera, ad esempio la Bayerischen Staatsoper di Monaco e la berlinese Staatsoper Berlin, avevano chiesto a Netrebko una condanna chiara della guerra. Alle richieste Anna Netrebko aveva reagito con risposte considerate insoddisfacenti da diversi teatri.

Il post su Facebook della soprano russa Anna Netrebko

Il post su Facebook della soprano russa Anna Netrebko

La cantante aveva poi annullato personalmente le proprie partecipazioni, prendendosi una pausa. I critici ricordano che la soprano ha più volte incontrato Putin, ricevendo da questi onori personali, e nel 2014 avrebbe sostenuto i separatisti russi del Donetsk. Nel suo comunicato, la cantante lirica aggiunge invece di aver “incontrato il presidente Putin solo una manciata di volte“, di non aver ricevuto mai sostegno economico dalla Russia e di risiedere da tempo in Austria. “Amo la Russia, il mio Paese d’origine, e attraverso la mia arte mi adopero esclusivamente per la pace e la concordia“, conclude il comunicato.

Le esibizioni in Italia

La soprano, dopo l’attacco russo all’Ucraina, aveva cancellato polemicamente tutti i suoi impegni, fra i quali le repliche di Adriana Lecouvreur di Cilea alla Scala di Milano. Ma dopo il post nel quale chiarisce le sue posizioni nei confronti di quanto sta accadendo in Ucraina potrebbe tornare sul palcoscenico del Teatro Piermarini anche prima.

A confermare la notizia del ritorno di Anna Netrebko è stato il sovrintendente alla Scala Dominique Meyer ai sindacati nel corso del presentazione del calendario, ancora informale, della prossima stagione d’opera e balletto 2022/2023. La programmazione punta su Boris Godunov, Vespri Siciliani, Racconti di Hoffmann, Peter Grimes, Lucia di Lammermoor, Rusalka. Per il balletto torna Roberto Bolle.

La condanna

La soprano russa Anna Netrebko

La soprano russa Anna Netrebko

Condanno espressamente la guerra all’Ucraina e il mio pensiero va alle vittime di questa guerra e alle loro famiglie – scrive la soprano russa Anna Netrebko  – . La mia posizione è chiara. Non sono membro di nessun partito politico né sono alleato con nessun leader della Russia. Riconosco e rammarico che le mie azioni o affermazioni passate possano essere state fraintese. Infatti, ho incontrato il Presidente Putin solo una manciata di volte in tutta la mia vita, soprattutto in occasione di ricevere premi in riconoscimento della mia arte o alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi. Altrimenti non ho mai ricevuto alcun sostegno finanziario dal governo russo e vivo e sono residente fiscale in Austria. Amo la mia patria di Russia e cerco pace e unità solo attraverso la mia arte”. “Dopo aver preso la mia pausa annunciata, riprenderò ad esibirmi a fine maggio, inizialmente in Europa”, conclude. Su Instagram la cantante lirica è rimasta, invece, più prosaica: ha postato un”immagine con la scritta “Fuck” accompagnata da risposte multiple: you, me, off, it, this, that.