“Harry ti presento Babbo Natale”: la pubblicità delle feste celebra 50 anni di diritti omosessuali

In Norvegia il servizio postale statale Posten ha realizzato una commovente pubblicità natalizia in cui Santa Claus ha una storia d'amore con un uomo chiamato Harry. Lo spot celebra mezzo secolo di depenalizzazione delle relazioni omosessuali

Avete presente il film cult del 1989 “Harry ti presento Sally”, con Meg Ryan e Billy Crystal? Bene, ora ipotizzate che al posto di Sally ci sia nientemeno che Babbo Natale e che Harry sia un cinquantenne che lo aspetta, fin da quando era piccolo, fin dal loro incontro, come solo un innamorato può aspettare la persona che ama. Ecco che, da questo strano mix nasce “Harry ti presento Babbo Natale“, un cortometraggio ideato da Posten, il servizio postale norvegese, come campagna natalizia del 2021. A ben vedere però non sono solo le Feste ad essere celebrate, ma anche il 50esimo anniversario della depenalizzazione dell’omosessualità in Norvegia. Chi ha detto, infatti, che Babbo Natale non possa essere gay? Lo spot di quest’anno in effetti ha suscitato non poco clamore in patria, ma sta riscuotendo anche un notevole successo internazionale, con oltre 200mila visualizzazioni in una sola settimana dall’uscita.

Nel breve ma intenso video si vede quest’uomo che riesce a vedere con i propri occhi il vero Santa Claus, la notte del 24 dicembre, mentre gli consegna i regali di Natale. Dopo un fugace scambio di sguardi, quest’ultimo, come di consueto, sparisce su per il caminetto. Ma è bastata quella prima occhiata per colpire dritto al cuore del fortunato, che negli anni successi continua a spiare Babbo Natale, vigilia dopo vigilia, fino a quando, una sera, si addormenta sul divano e l’iconico signore di rosso vestito lo sveglia dolcemente con battuta: “Russi. Tornerò l’anno prossimo”. Una promessa che si avvera: l’anno successivo si ferma un po’ di più, dicendo “Ho molti regali da consegnare. Tornerò l’anno prossimo. Ho un bell’aspetto?”, scherza.
L’uomo, allora, decide di rivolgersi a Babbo Natale con il metodo più conosciuto e usato: gli scrive una lettera. In essa confessa che l’unico regalo che vorrebbe, il prossimo 25 dicembre, sarebbe proprio lui. E anche in questo caso, il desiderio si realizza: grazie al servizio norvegese Posten, che viene in aiuto a Santa Claus consegnando i regali al posto suo, questi può permettersi di trascorrere un’intera serata con l’amore della sua vita, concedendosi anche un primo, appassionato bacio di coppia. Insomma una favola a lieto fine che, in occasione dell’importante anniversario in Norvegia del 2022, trasforma il personaggio più amato dai bambini di tutto il mondo in un’icona ancora più inclusiva. Perché Babbo Natale ama davvero tutti, al di là di qualsiasi distinzione di genere o colore della pelle.