Keechant Sewell guiderà la polizia di New York. Prima volta nella storia per una donna

Afroamericana, 49 anni, già capitana del dipartimento più grande e tra i più importanti degli stati Uniti nel 2020, la Sewell è chiamata a contrastare l'imponente aumento della criminalità nella Grande Mela

A vigilare sulla sicurezza nella Grande Mela, d’ora in poi, sarà una donna. Si tratta di Keechant Sewell, nominata a capo del dipartimento di polizia di New York (NYPD). Si tratta di una prima volta storica, a capo del più grande commissariato e uno dei più importanti di tutti gli Stati Uniti. La decisione, significativa, arriva dal governo locale guidato dal nuovo sindaco, Eric Adams, che l’ha annunciata al New York Post, descrivendo Sewell come “una provata combattente del crimine, con l’intelligenza emotiva necessaria a offrire sia la sicurezza, sia la giustizia, che i newyorkesi meritano”.

Dipartimento della polizia locale di New York City Police Department (NYPD) EPA/JASON SZENES

Responsabile degli investigatori della polizia della contea di Nassau, dove lavora da 23 anni, ed ex capitana del NYPD dal 2020, la 49enne afroamericana, è una newyorkese doc, cresciuta nel quartiere Queens; nel corso della sua carriera si è occupata soprattutto dell’unità narcotici e di negoziazioni in casi che coinvolgevano degli ostaggi, e ora sostituirà Dermont Shea, prossimo alla pensione dopo 30 anni in servizio e attuale commissario capo. Keechant Sewell, come abbiamo visto prima donna a ricoprire il ruolo al vertice della polizia, sarà anche la terza persona di colore nella storia a capo del NYPD, dopo Benjamin Ward e Lee Brown, negli anni ’80 e ’90. A lei spetterà, una volta entrata in carica il 1 gennaio 2022, quando anche il neo sindaco assumerà la guida della città, trainare un dipartimento di polizia in via di cambiamento, che negli ultimi anni ha dovuto fare i conti con un riemergere drammatico della criminalità, e fare i conti soprattutto con i crimini d’odio, fatti di sparatorie e omicidi, che, secondo le statistiche, sono aumentati del 100% rispetto al 2020, creando un forte clima di violenza in città.

La riforma della polizia locale, infatti, è un tema che sta particolarmente a cuore al primo cittadino Eric Adams, anche lui di colore (il secondo nella storia della metropoli) ed ex poliziotto. In particolare la sua storia si lega al suo predecessore, il primo sindaco nero David Dinkins, che nel 1992 aveva proposto di creare un organo civile per monitorare la condotta dei dipartimenti di polizia e che aveva dovuto fare i conti con una rivolta di poliziotti, sedata da altri agenti (tra cui lo stesso Adams) che difesero il municipio di New York. La nomina di una donna a capo di quest’ultimo, afroamericana per di più, risulta allora già come una delle scelte più importanti fatte da Adams, ancor prima di entrare in carica.