Kiev, i due ucraini si sposano e poi si arruolano: “Forse moriremo, volevamo solo stare insieme”

La storia di Yaryna Arieva e Sviatoslav Fursi, due ragazzi di 21 e 24 anni. Dovevano celebrare il matrimonio a maggio, ma hanno deciso di anticipare: "Ora dobbiamo combattere per la nostra terra"

“Finché morte non ci separi”. Avevano programmato il matrimonio per il 6 maggio, ma non c’era tempo da perdere. Dopo l’invasione russa in Ucraina, Yaryna Arieva e Sviatoslav Fursi, due ragazzi ucraini di 21 e 24 anni, hanno deciso di sposarsi subito. E appena finite le nozze, i due hanno preso due kalashnikov per andare a combattere e difendere la loro Ucraina.

Il matrimonio di Yaryna Arieva e Sviatoslav Fursi a Kiev (Foto Cnn)

La storia è raccontata dalla Cnn. Yaryna, 21 anni, ha conosciuto nel 2019 Sviatoslav, 24 anni, durante una protesta a Kiev. Dopo tre anni di fidanzamento e con la situazione in Ucraina che andava via via peggiorando, la coppia ha deciso di non perdere altro tempo e sposarsi. I due avevano programmato il matrimonio per il prossimo 6 maggio e volevano festeggiare le nozze in un ristorante con una “terrazza molto, molto carina” con vista sul fiume Dnepr, ha raccontato Yaryna.

Ma tutto è cambiato quando il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato l’invasione dell’Ucraina giovedì 24 febbraio. Yaryna e Sviatoslav decidono di sposarsi subito e non aspettare maggio. I due si recano al monastero di San Michele a Kiev. Mentre fuori suonano le sirene antiaeree, i due si sposano. “La situazione è difficile, stiamo per combattere per la nostra terra. Forse possiamo morire e volevamo solo stare insieme prima di tutto questo”, ha raccontato Yaryna.

Dopo il matrimonio, Yaryna Arieva e Sviatoslav Fursi si sono arruolati per combattere e difendere l’Ucraina

Dal matrimonio alla resistenza: “Lotteremo per la nostra terra”

Dopo il matrimonio, Yaryna e Sviatoslav si recano al Centro Territoriale di difesa per arruolarsi e offrire il proprio contributo per la loro Ucraina. “Dobbiamo proteggerla. Dobbiamo proteggere le persone che amiamo e la terra in cui viviamo – ha detto Yaryna – Spero per il meglio, faccio il possibile per proteggere la mia terra. Yaryna non sa quale compito verrà affidato loro. “Forse ci daranno solo l’equipaggiamento e andremo a combattere. Forse – dice ancora Yaryna – dovremo aiutare a fare altro”.

I due sperano ancora di poter festeggiare il loro matrimonio. Chissà, magari in quel ristorante con la terrazza sul fiume Dnepr. “Forse la Russia uscirà dal nostro Paese e avremo la possibilità di festeggiare normalmente”, auspica Yaryna. “Spero solo – conclude – che tutto andrà normalmente e avremo la nostra terra, avremo il nostro Paese sicuro e felice senza russi”.