La calciatrice Cecilia Salvai fa gli occhi a mandorla sui social: scoppia la bufera sulla Juventus, che si scusa

L'immagine pubblicata sul profilo Twitter delle Juventus Women, scatena le accuse di razzismo verso la giocatrice. Il club bianconero: "errore imperdonabile" che "ha ferito gravemente i sentimenti di tutte le persone che si oppongono alla discriminazione razziale"

Bufera social per Cecilia Salvai. Una foto della calciatrice che fa gli occhi a mandorla, sul profilo Twitter delle Juventus Women, scatena le accuse di
razzismo nei confronti della giocatrice, costringendo il club bianconero a scusarsi per “l’errore imperdonabile” che, scrive in una nota ufficiale, “ha ferito gravemente i sentimenti di tutte le persone che si oppongono alla discriminazione razziale”. Tra i tanti insulti, c’è però anche chi difende la 27enne e si dice “stufo di questo politically correct”.

Il post con l’immagine della ragazza che si allunga la forma degli occhi con le dita, in testa un cono arancione d’allenamento, il cosiddetto ‘cinesino‘ è stato rimosso quando sono arrivate le prime critiche. “Disgustoso. Razzista una volta, razzista per sempre“, è uno dei tanti commenti polemici. “Il gesto di mimare la forma degli occhi degli orientali infastidisce, offende milioni, forse miliardi di persone – si legge su un altro profilo – Una società che vuole estendere il suo marchio a livello globale non può cadere in questi errori marchiani, decisamente prevedibili ed evitabili”.

Per Tmz, magazine online popolare soprattutto in America, si tratta di una immagine “incredibilmente razzista” e sembra che l’Adidas, di cui la Salvai nella foto indossa la divisa, abbia contattato la Juventus per avere spiegazioni. Di fronte alla pioggia di critiche, la Juventus ha deciso di esprimere le sue “più sentite scuse“, assumendosi “la piena responsabilità del verificarsi dell’incidente e del suo grave impatto. Contrastare la discriminazione razziale e favorire lo sviluppo comune di più culture – ricorda il club – sono i principi a cui Juventus come Società ha sempre aderito e continua a mettere in pratica”.

Per questo motivo, nel prendere atto dell’errore, assicura «la più profonda riflessione e un’approfondita revisione per evitare che cose simili si ripetano”.

Tutti concordano che quell’immagine, per quanto volesse essere buffa, sia stata infelice. Ma di lì ad accusare di razzismo la Salvai, e la Juventus, ce ne passa: “Chi taccia Cecilia Salvai di razzismo, oltre a non conoscere la ragazza, capisce meno di zero dell’argomento e, fortuna sua, non l’ha mai sperimentato sulla propria pelle”, è uno dei tweet a favore della bianconera. “Le mie capre sono più intelligenti di chi taccia di razzismo Cecilia Salvai e degli haters che la stanno massacrando”, scrive un altro.

E c’è anche chi esprime «totale solidarietà» a Cecilia Salvai. Perché, dice “con la storia del razzismo, e questo finto moralismo, avete ampiamente toccato il fondo.. fatevi una risata, ogni tanto e finitela”.