La mamma più anziana del mondo è indiana e ha avuto 2 gemelle a 73 anni

Erramatti Mangayamma e il marito hanno provato per decenni ad avere figli. Poi, grazie alla fecondazione in vitro, la gioia di diventare genitori è arrivata durante la terza età

La neo mamma più anziana del mondo è una donna indiana di 73 anni. Erramatti Mangayamma, questo il nome della donna, nel 2019 ha dato alla luce due gemelline concepite attraverso la fecondazione in vitro. Il padre delle bambine aveva 82 anni.

Per una vita avevano tentato di avere figli, ma senza successo, finché non hanno realizzato il sogno tanto desiderato rivolgendosi ad una clinica specializzata in fecondazione assistita, che ha seguito tutta la gravidanza fino al parto. Il centro specializzato si trova a Kothapet, nello Stato indiano dell’Andhra Pradesh. Tutto è bene quel che finisce bene, si suol dire, e la storia dei due anziani genitori ne è la prova.

Durante i primi anni del loro matrimonio, Erramatti e il marito hanno fatto il possibile per avere figli, consultando specialisti e sperimentando farmaci, ma senza successo. La donna era anche entrata in menopausa precoce all’età di 40 anni. “Sembrava che una porta si stesse chiudendo. Abbiamo preso in considerazione l’adozione, ma alla fine non ce l’abbiamo fatta”. Nell’estate del 2018, infatti, la donna ha parlato con una ragazza del suo villaggio che aveva dato alla luce un bambino con la fecondazione in vitro. La mamma più anziana del mondo ha così contattato il dottor Umashankar Sanakkayala, della Ahalya Nursing Home, nel sud dell’India. E nel novembre 2018 si sono incontrati per la prima volta. La coppia ha pagato 65.000 rupie indiane, (circa 770 euro) per il primo ciclo di cure. E poiché la donna non produceva alcun ovulo, è stato utilizzato quello di un donatore esterno.

Nel gennaio 2019 è arrivata finalmente quella notizia che la 73enne pensava non sarebbe mai arrivata: il dottore ha confermato che Erramatti era incinta e dopo tre mesi si è scoperto che erano due gemelle, Rama Tulasi e Uma Tulasi. Oggi la donna indiana sta affrontando un periodo difficile della sua vita, e dovrà crescere le due figlie da sola, in seguito alla scomparsa del marito, morto ad 84 anni con un attacco di cuore.  “Mi fa molto male quando penso che se n’è andato”, ha affermato. “Ha trascorso solo 12 mesi con le sue bambine, ma almeno ha assaporato la gioia di essere padre prima di morire”.