Luxuria ospite d’onore di “Marzo donna”. Piovono polemiche: “Disconosciuto il ruolo femminile”

L'attivista ed ex deputata è stata invitata alla rassegna organizzata dal Comune di Vimercate (MB). Ma la politica cittadina si spacca. Per l'assessore Corti “donna simbolo della lotta contro le discriminazione di genere", ma il centrodestra la ritine una "scelta inopportuna"

Arriva Valadimir Luxuria ed è subito polemica. Soprattutto se di mezzo di si mette la questione di genere. Il teatro dell’ultimo scontro è la paciosa cittadina di Vimercate, comune brianzolo di circa 30mila abitanti che ha avuto l’ardire di invitare Luxuria come ospite d’onore nel cartellone di Marzo Donna 2022, la rassegna organizzata dall’assessorato alla cultura in collaborazione con le associazioni del territorio, nell’ambito della giornata internazionale della Donna.

Vladimir Luxuria

Vladimir Luxuria sarà ospite d’onore a “Marzo Donna”, a Vimercate

L’attivista ed ex politica, la cui presenza è prevista per mercoledì 2 marzo in una tavola rotonda presso l’auditorium della Biblioteca civica, sarà ‘la ciliegina sulla torta’ della manifestazione, un mese di eventi che coinvolgeranno il MUST, la biblioteca e le associazioni del territorio.L’assessore alle Opportunità di Vimercate, Riccardo Corti, ha definito Vladimir Luxuria “donna simbolo della lotta contro le discriminazione di genere, che parteciperà ad una serata di confronto sui temi delle pari opportunità e equità di genere”.

Apriti cielo! La scelta ha suscitato innanzitutto la reazione del Popolo della famiglia, che non siede in Consiglio ma che è subito intervenuta criticando l’appuntamento. “Palazzo Trotti segue le orme di Rai uno e dopo Drusilla Foer ecco Vladimiro Guadagno presentato come donna: l’ennesima manipolazione delle realtà e disconoscimento del ruolo femminile – ha detto il coordinatore regionale Andrea Cavenaghi –.

Vladimir Luxuria

Vladimir Luxuria, , attivista ed ex deputata

Su un tema così importante ci piacerebbe che venissero ascoltate quelle mamme che in questi due anni di pandemia si sono improvvisate insegnanti e tecnici informatici per permettere ai propri figli di seguire le lezioni da casa, oppure quelle donne che, a causa della pandemia e delle restrizioni imposte dal governo Draghi, hanno perso il posto di lavoro”.

A Cavenaghi fa eco il deputato Massimiliano Capitanio (Lega) che parla di “scelta inopportuna. Prendendo come simbolo Vlamidir Luxuria a Vimercate si è scelto ancora una volta di non fare un passo in avanti, di cercare la notizia, e questo soprattutto a danno di chi vorrebbe vivere in modo libero e normale la propria omosessualità, senza avere riflettori puntati contro”. Più cauto il commento di Fratelli d’Italia, che auspica che la serata messa in programma per la rassegna Marzo Donna “non abbia contenuti provocatori“.

Insomma, se l’obiettivo del Comune era quello di attirare l’attenzione sull’iniziativa, possiamo dire che è stato indubbiamente centrato. Se invece si trattava, come immaginiamo, di dare dignità ad un dibattito e ad un esempio, è evidente che, per qualcuno, si è trattato dell’ennesima occasione persa.