Operaio e sindacalista il tifoso della Juventus denunciato per gli insulti razzisti a Maignan

E' il primo caso in Italia di deferimento all'autorità giudiziaria per istigazione all'odio razziale avvenuta in uno stadio. L'uomo che riceverà il Daspo sarà inserito in una black list che ne impedirà l'accesso all'Allianz Stadium

Ha un’identità il tifoso della Juventus che sabato sera, durante il riscaldamento di Juventus-Milan, ha bersagliato di insulti, intercalandoli con risate e bestemmie, il portiere rossonero Maignan, nato nella Guyana da padre francese e madre haitiana. Un episodio inqualificabile immortalato in un video, diventato subito virale. Quella voce un pò impastata ha un volto. È quello di un operaio, di oltre 40 annii, che lavora in un’azienda di Rovigo, dove è anche sindacalista nelle Rsu. È stato identificato e denunciato per istigazione all’odio razziale dalla Digos della questura di Torino. Un’indagine lampo, anche perché quella sera a registrare la scena non c’era solo lo smartphone dell’uomo, ma c’erano anche le telecamere dell’Allianz Stadium. Il tifoso si trovava a pochi metri da Maignan. Il giocatore francese quel “negro” lo aveva sentito bene e ne aveva scritto suo profilo Instagram: «Non sono né il primo né l’ultimo giocatore a cui questo succederà. Finché questi eventi vengono trattati come ‘incidenti isolatì e non viene intrapresa alcuna azione globale, la storia è destinata a ripetersi ancora e ancora e ancora“, aveva commentato. L’indagato, che è stato anche espulso dallo Juventus Club ‘Gaetano Scirea di Castagnaro (Verona) di cui era socio, risulta il primo denunciato per istigazione all’odio razziale in Italia all’interno di uno stadio. Come in Inghilterra, dove a luglio vennero arrestati undici fan della nazionale accusati di aver insultato sui social Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka ‘colpevolì di aver sbagliato i rigori nella finale degli Europei contro l’Italia.

L’operaio non dovrà aspettare il divieto di accedere a manifestazioni sportive (Daspo) per non assistere alle partite della sua squadra del cuore. Infatti è stato sanzionato per la violazione e questo prevede che la Juventus, autonomamente, inserisca il suo nome in una ‘black list’ che ne vieta l’ingresso all’Allianz.