Paralimpiadi, pioggia di medaglie nella prima giornata di finali. Dal nuoto due ori, un argento e due bronzi

Carlotta Gilli e Francesco Bocciardo sul gradino più alto del podio, Alessia Berra è seconda dietro la connazionale nei 100 delfino s13. Terzi posti per Francesco Bettella e Monica Boggioni. FDEludono Barlaam e Morlacchi nei 400 sl

Signori e signore, siamo soltanto alla prima mezza giornata delle Paralimpiadi di Tokyo e sono già due gli ori azzurri: prima medaglia d’oro al collo alla nuotatrice torinese Carlotta Gilli, seguita dal nuotatore genovese Francesco Bocciardo (foto) . La giovane tesserata Rari Nantes e Fiamme Oro ha dominato i 100 delfino, categoria S13, strappando anche il record paralimpico in 28”79 e scalzando in vasca la connazionale Alessia Berra, 27 anni brianzola, che ha conquistato l’argento. Mentre per Bocciardo non c’è stata sfida: il ligure ha sbaragliato la concorrenza, accaparrandosi il primato paralimpico in 2’26″76 nei 200 stile libero, categoria S5.

“Neanche nel migliore dei sogni potevamo pensare una cosa così, abbiamo fatto un capolavoro”, commenta emozionata la Gilli al termine della gara, esultando ai microfoni di Rai Sport affiancata dalla Berra. “Sono contentissima, non avevo mai sentito una gara in questo modo – prosegue la neo campionessa paralimpica – Non ci credo ancora, l’avevo sognato tante volte, volevo riprendermi quel titolo che a Londra mi era sfuggito”, conclude.

“È stata una gara molto sofferta, c’erano tante aspettative. Non pensavo di farcela ma dai 55 metri in avanti ci ho creduto. Avevo le braccia doloranti” dice invece il neo campione paralimpico Bocciardo dopo l’oro. “Ringrazio tutti quelli che mi hanno sostenuto, a partire dal Ct e lo staff della nazionale”, ha aggiunto.

In totale alla prima giornata delle Paralimpiadi, sessione mattutina, sono 5 le medaglie finora conquistate dall’Italia. Tutte nel nuoto. Oltre agli ori di Gilli e Bocciardo, Alessia Berra conquista l’argento (categoria S12), mentre Monica Boggioni, classe 1998 di Pavia, ha vinto il bronzo nei 200 stile libero femminili.Sempre in vasca, il nuotatore azzurro Francesco Bettella, 32 anni padovano,ha conquistato la medaglia di bronzo nei  100 metri dorso S1,che per lui rappresenta la terza medaglia paralimpica dopo gli argenti di Rio 2016 sui 50 e 100 dorso S1. “È una bellissima soddisfazione per me e per l’Italia. Sta diventando un’abitudine”, commenta Battella al termine della gara.“Oggi ho ricevuto tantissimi messaggi, so che tanti amici hanno tifato per me da casa. Per me vuol dire tanto dopo un quinquennio sofferto. Questa medaglia ripaga tante sofferenze sopportate in questi anni”.

 

Non era partita bene la Paralimpiade per gli azzurri: Simone Barlaam, favorito nella finale nei 400 stile libero è stato solo sesto all’arrivo. Settimo Federico Morlacchi, veterano azzurro, portabandiera a Tokyo 20202 con Bebe Vio e ispiratore della carriera del più giovane Barlaam. La medaglia d’oro, con record paralimpico di 4’10”25, va all’australiano William Martin, argento a francese Ugo Didier, bronzo all’altro australiano Alexander Tuckfield.