Guerra in Ucraina, l’appello delle femministe russe: “Resisteremo alla dittatura di Putin”

"Usate gli hashtag #FeministAntiWarResistance e #FeministsAgainstWar"

In aperto contrasto a Putin, le femministe russe lanciano un appello al mondo per chiedere la fine della guerra in Ucraina. “Come cittadine russe e femministe, condanniamo questa guerra. Guerra significa violenza, povertà, sfollamenti forzati, vite spezzate, insicurezza e mancanza di futuro“, scrivono. “Tutto ciò è inconciliabile con i valori e gli obiettivi essenziali del movimento femminista. La guerra intensifica la disuguaglianza di genere e mette un freno per molti anni alle conquiste per i diritti umani. La guerra porta con sé non solo la violenza delle bombe e dei proiettili, ma anche la violenza sessuale: come dimostra la storia, durante la guerra il rischio di essere violentata aumenta di molto per qualsiasi donna. Per questi e molti altri motivi”, lanciano l’appello, “le femministe russe e coloro che condividono i valori femministi devono prendere una posizione forte contro questa guerra scatenata dalla leadership del nostro paese”.

Immagine simbolo delle femministe russe che protestano contro la guerra in Ucraina

Percepito come innocuo dalle forze politiche, il femminismo russo è stato fra i movimenti meno colpiti dalla repressione statale. Ma questa volta, esponendosi pubblicamente contro la guerra e contro Putin, le femministe sanno di correre un rischio enorme: “Attualmente più di 45 diverse organizzazioni femministe operano in tutto il paese, da Kaliningrad a Vladivostok, da Rostov-on-Don a Ulan-Ude e Murmansk. Chiediamo ai gruppi femministi russi e alle singole femministe di unirsi alla Resistenza femminista contro la guerra e unire le forze per opporsi attivamente alla guerra e al governo che l’ha iniziata. Chiediamo anche alle femministe di tutto il mondo di unirsi alla nostra resistenza. Siamo tante e insieme possiamo fare molto: negli ultimi dieci anni, il movimento femminista ha acquisito un’enorme forza mediatica e culturale. È tempo di trasformarla in potere politico. Siamo l’opposizione alla guerra, al patriarcato, all’autoritarismo e al militarismo. Siamo il futuro che prevarrà”.

Una femminista russa che su Instagram invita i suoi connazionali a scendere in piazza contro la guerra in Ucraina

Infine le richieste: “Chiediamo alle femministe di tutto il mondo di partecipare a manifestazioni pacifiche e lanciare campagne offline e online contro la guerra in Ucraina e la dittatura di Putin, organizzando le proprie azioni. Sentitevi libere di usare il simbolo del movimento femminista di resistenza contro la guerra nei vostri materiali e pubblicazioni, così come gli hashtag #FeministAntiWarResistance e #FeministsAgainstWar“. E ancora: “Chiediamo di diffondere informazioni sulla guerra in Ucraina e sull’aggressione di Putin. Abbiamo bisogno che il mondo intero sostenga l’Ucraina e si rifiuti di aiutare in alcun modo il regime di Putin”. Infine, “chiediamo di condividere questo appello con altre. È necessario dimostrare che le femministe sono contrarie a questa guerra e a qualsiasi tipo di guerra. È anche fondamentale far vedere che ci sono ancora attiviste russe pronti a unirsi per opporsi al regime di Putin. Siamo tutte a rischio di persecuzione da parte dello stato e abbiamo bisogno del vostro appoggio”.