Samuele Cannas, lo studente dei record: a venticinque anni si è laureato per la sesta volta

Originario di Cagliari, il superlaureato ha ricevuto anche la licenza magistrale alla Sant’Anna di Pisa: "Ora mi aspetta la specializzazione negli States, spero di essere da esempio per tanti giovani"

“Mi considero un 25enne come tutti gli altri. Le sei lauree? Averle ottenute è solo merito della mia capacità di organizzare bene lo studio, questo è un aspetto molto decisivo”. Così Samuele Cannas, 25 anni, originario della provincia di Cagliari, commenta il diploma magistrale della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, sesto titolo accademico conseguito in pochi anni di studi come testimonia la sua età.

Il record

“Non cercavo dei record – aggiunge – ma volevo centrare un traguardo che mi ero prefissato fin dal primo anno di studi a Medicina: diventare un ottimo chirurgo addominale capace anche di saper usare le nuove tecnologie applicate alla chirurgia”. Il suo sogno è diventare un chirurgo capace di utilizzare al meglio la robotica oltre alle tecniche classiche. Il giovane, oggi tornato a casa, in Sardegna, è stato accolto come una star: “Anche il prefetto mi ha consegnato un piccolo riconoscimento”, racconta. Mentre la Toscana lo premierà al più presto. È stato proprio il presidente del consiglio regionale, Antonio Mazzeo, a mettere in evidenza la notizia del record appena raggiunto.

“Qualche mese fa – ha scritto con un post sulla sua pagina Fb – vi avevo parlato di Samuele Cannas, studente della Scuola Sant’Anna che stava per completare il suo percorso di formazione battendo ogni record: sei lauree a solo 25 anni. Dopo la laurea in medicina e chirurgia, le lauree in biotecnologie e ingegneria biomedica, la magistrale in biotecnologie e la laurea in pianoforte al conservatorio, ieri con la licenza magistrale del Sant’Anna ha conseguito il suo ultimo e sesto titolo di studio, tutti con lode. E quando mi ha scritto di avercela fatta ed aver raggiunto il suo traguardo mi ha davvero emozionato”.

I complimenti

“Samuele adesso – ha concluso Mazzeo – ha un sogno più grande e straordinario da realizzare: diventare chirurgo e attraverso la robotica applicata e le biotecnologie, poter curare i tumori al pancreas e al fegato”. Nel corso dei suoi anni di studi a Pisa, il giovane superlaureato ha stretto un’amicizia speciale con un altro studente dal rendimento eccezionale: il padovano Giulio Deangeli, capace di conquistare contemporaneamente cinque borse di studio estremamente selettive, fra cui ben tre borse ufficiali dell’Università di Cambridge: “È più che un amico – conclude Samuele – è una specie di fratello adottivo. Nel corso dei nostri studi ci siamo supportati a vicenda, pur affrontando discipline diverse”.

Già membro dell’Aspen Institute Italia e insignito del titolo di Alfiere del Lavoro dal capo dello Stato Sergio Mattarella, Samuele Cannas ha già molte cose in programma. Oltre al sogno di diventare chirurgo e, attraverso la robotica applicata e le biotecnologie, poter curare i tumori al pancreas e al fegato, si prepara ad affrontare una specializzazione in chirurgia addominale negli Stati Uniti.

I progetti

“Le sei lauree – raccontava in quest’ottica a ottobre – sono essenzialmente il mezzo che ho scelto per affrontare un tema complesso, come quello delle patologie chirurgiche intestinali, con un approccio olistico, che ingloba le competenze del chirurgo, del biotecnologo e dell’ingegnere e le amalgama insieme, potenziandole vicendevolmente”. Inoltre si era augurato che grazie al suo esempio molti giovani potessero trovare “l’ispirazione per portare avanti studi multidisciplinari non per superare dei record o vanagloria, ma perché questo è il nuovo paradigma con il quale approcciarsi alla medicina del futuro”.