Londra, attivisti per il clima si incollano ad un capolavoro della National Gallery

di EDOARDO MARTINI -
6 luglio 2022
protesta clima national gallery

protesta clima national gallery

Il cambiamento climatico è un problema da affrontare il prima possibile. Per smuovere le acque di un immobilismo colpevole due attivisti si sono incollati ad un capolavoro di 200 anni alla National Gallery di Londra. Letteralmente. Questa è stata l'ultima di una serie di proteste dirompenti del gruppo ambientalista britannico Just Stop Oil.

"Voglio lavorare nelle arti non interromperle": il grido disperato dello studente

La coppia ha coperto il famoso dipinto di John Constable "The Hay Wain" con una versione modificata dell'immagine prima di attaccare le mani alla sua cornice. La dimostrazione arriva solo il giorno dopo che cinque attivisti di Just Stop Oil hanno interrotto il Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1 sedendosi sulla pista dell'autodromo di Silverstone. La scorsa settimana altri due membri del gruppo si sono incollati alle cornici di dipinti a Londra, Glasgow e Manchester, incluso il famoso "Peach Trees in Blossom" di Vincent van Gogh
attivista JSO

Un'attivista di Just Stop Oil incollata alla cornice di un famoso dipinto

Completato nel 1821, "The Hay Wain" è tra le opere d'arte più famose della Gran Bretagna. Raffigurante il fiume Stour, che divide le contee inglesi di Suffolk ed Essex, è considerato uno dei dipinti per eccellenza di Constable. La versione modificata dei manifestanti ha visto il fiume sostituito con una strada asfaltata, con le ciminiere della fabbrica raffigurate sullo sfondo e gli aeroplani che volano sopra la testa. La richiesta al governo del Regno Unito di Just Stop Oil è quella di bloccare le licenze per future estrazioni di petrolio e gas.
Lazarus, uno dei due studenti che si è incollato al dipinto, ha detto agli spettatori che la versione "reinventata" del dipinto "mostra la natura distruttiva della nostra dipendenza dal petrolio". "Voglio lavorare nelle arti, non distruggerle - aggiunge -. La situazione in cui ci troviamo dimostra che dobbiamo fare tutto il possibile, in modo non violento, per prevenire il collasso della civiltà verso cui ci stiamo precipitando."
https://twitter.com/JustStop_Oil/status/1544025160054984704?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1544025160054984704%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.cnn.com%2Fstyle%2Farticle%2Fjust-stop-oil-hay-wain-london-climate%2Findex.html

"C'è del sangue sulla mani del nostro governo"

Le proteste di Just stop oil

La National Gallery ha affermato che il dipinto è stato rimosso in seguito all'incidente e da allora è stato esaminato dai restauratori. "'The Hay Wain' ha subito lievi danni alla sua cornice", ha detto la galleria in una nota, aggiungendo che il dipinto torna in esposizione da  martedì 5 luglio. Fondata all'inizio del 2022, Just Stop Oil ha intrapreso diverse proteste di alto profilo negli ultimi mesi. A marzo, una partita di calcio della Premier League è stata interrotta quando un manifestante si è legato a uno dei pali. Il mese scorso, quattro dei sostenitori del gruppo hanno ricoperto di vernice rossa il muro esterno e i gradini del quartier generale del Tesoro del governo generale britannico. Nel comunicato rilasciato dal gruppo lunedì, Hunt ha affermato che le proteste cesseranno solo quando "il governo del Regno Unito farà una dichiarazione significativa che metterà fine alle nuove licenze di petrolio e gas. In definitiva, i nuovi combustibili fossili sono un progetto di morte del nostro governo", avrebbe detto lo studente di psicologia. "Quindi sì, c'è della colla sulla cornice di questo dipinto, ma c'è del sangue sulle mani del nostro governo", conclude il 23enne.