Stop alle discriminazioni: il più grande coming out di massa nella Chiesa cattolica tedesca

Sacerdoti, professori di religione, referenti pastorali e impiegati hanno annunciato pubblicamente la propria adesione al collettivo Lgbt per protestare contro le regole del diritto canonico che li mettono a rischio licenziamento

Maggiori libertà e soprattutto, più nessuna ipocrisia. Sono lontani i tempi dell’Inquisizione, eppure le resistenze sono ancora tante, troppe nei confronti di chi manifesta un ‘diverso’ orientamento sessuale. E così quello che è accaduto in Germania lunedì 24 gennaio, non a caso, è stato definito dai media tedeschi e non solo “il più grande coming out mai avvenuto nella storia della Chiesa cattolica“.

Il documentario trasmesso dalla tv pubblica tedesca Come Dio ci ha creati

Nel documentario “Wie Gott uns schuf” (“Come Dio ci ha creati”, visibile qui) trasmesso dalla televisione pubblica tedesca ARD e della durata di un’ora circa, un gruppo corposo, di ben 100 dipendenti della Chiesa cattolica tedesca, dove da tempo soffia un vento di riforme (ne avevamo parlato qui), ha deciso di rivendicare la propria identità sessuale alla luce del sole, annunciando pubblicamente la propria adesione al collettivo Lgbt per protestare contro la ‘discriminazione’ che affermano di subire all’interno dell’istituzione. Dando vita, di fatto, a un coming out di massa che ha permesso loro di liberarsi finalmente di un peso che si trascinavano da tanto, e che per troppo tempo è stato taciuto. Fanno parte del gruppo sacerdoti, professori e professori di religione, referenti pastorali, nonché impiegati amministrativi, suore, infermieri e infermiere, che chiedono una modifica del diritto ecclesiastico del lavoro affinché il loro orientamento sessuale cessi di essere motivo di licenziamento.

 

Con l’iniziativa #OutInChurch i cattolici tedeschi chiedono che l’orientamento sessuale non sia più considerato motivo di licenziamento

Contemporaneamente al documentario 125 persone che collaborano a vario titolo con la Chiesa cattolica tedesca hanno lanciato l’iniziativa #OutInChurch in cui chiedono “Una vita aperta in linea con il proprio orientamento sessuale e identità di genere, anche di coppia o nell’ambito di un matrimonio civile, non può essere valutata come slealtà o motivo di licenziamento”. Inoltre, il nutrito gruppo che ha fatto coming out chiede che gli insegnamenti della Chiesa “diffamatori e obsoleti” sulle questioni di genere e sessualità siano rivisti sulla base della nuova comprensione che esiste su questo argomento e che alle coppie omosessuali non sia impedito di accedere alla benedizione divina o ai sacramenti. “Una chiesa che rivendica Gesù e il suo messaggio deve agire con decisione contro ogni forma di discriminazione e promuovere una cultura della diversità”, scrivono nella nota. “Una vita secondo la propria identità di genere non può essere considerata una infedeltà al magistero” afferma ancora il gruppo. Basta dunque equiparare l’omosessualità ad un disordine morale. La strada invocata è quella segnata dallo stesso messaggio evangelico: tutti figli di Dio e bisognosi e meritevoli di essere accolti. Nessuno escluso.