Troppi stupri in India, il governo lancia i corsi di autodifesa per le ragazze

In vista della festa dell'8 marzo, la ministra Smriti Irani ha annunciato un programma di lezioni di difesa personale rivolte a decine di migliaia di giovani indiane: "I corsi serviranno anche ad aumentare l'autostima delle donne"

Pochi anni fa in India la polizia ha diffuso un report agghiacciante: ogni 24 ore avvenivano 92 stupri. Una statistica confermata poi anche dal Report annuale sui crimini del Ministero degli Interni di Nuova Delhi, dal quale è emerso che ogni 15 minuti viene denunciato uno stupro. Data la drammatica situazione e in vista della festa dell’8 marzo, il governo indiano ha deciso di prendere provvedimenti: lancerà infatti dei corsi di autodifesa rivolti a tutte le ragazze.

Una manifestazione di protesta contro i numerosi casi di violenze sessuali in India

I corsi di autodifesa e le altre iniziative dedicate alle donne in India

Ad annunciare il programma per insegnare alle ragazze a proteggersi è stata la ministra alla condizione femminile e dell’infanzia Smriti Irani durante la presentazione delle iniziative di Nuova Delhi in occasione della settimana della donna e della festa dell’8 marzo. I corsi di autodifesa saranno in particolare offerti a tutte le adolescenti delle case delle famiglie del governo, alle ospiti degli Swadhar Grehs (ovvero i rifugi per le donne in difficoltà), alle operatrici dei centri anti-violenza e alle vittime di aggressioni sessuali.

Nel presentare i corsi la ministra Smriti Irani ha dichiarato che “il programma intende offrire a decine di migliaia di indiane un pragmatico strumento di difesa, e mira ad aumentare l’autostima nelle donne di tutte le età che seguiranno i corsi”, ha spiegato la ministra alla condizione femminile e dell’infanzia. I corsi di autodifesa si aggiungeranno a varie altre iniziative del governo, che mirano tutte a garantire alle indiane la sicurezza e la difesa dalle aggressioni sessuali, ancora frequentissime in India; tra le iniziative presentate dalla ministra, sono state attivate delle nuove linee telefoniche dedicate alle donne e Centri di prima assistenza per le vittime di aggressioni sessuali.

Meenakshi Amma, la 79enne che insegna alle ragazze come difendersi

La 79enne che insegna arti marziali alle ragazze: “La fiducia in se stessi è la prima arma di difesa”

Ma a dire basta alle violenze sessuali in India non ci ha pensato solo il governo. Sono tante le scuole di formazione e di autodifesa organizzate da privati cittadini. Alcuni mesi fa aveva fatto clamore la storia di Meenakshi Amma, una signora indiana di 79 anni che organizza corsi di autodifesa per giovani ragazze. Alle sue studentesse e ai suoi studenti, la 79enne insegna il Kalaripayattu, un mix di danza, yoga e scontri corpo a corpo ritenuto una delle arti marziali più antiche del Paese. La scuola Kadathanad Kalari Sangham, che ora Meenakshi Amma gestisce, venne fondata nel 1949 dal defunto marito. “Ho iniziato Kalari – ha raccontato la 79enne – quando avevo 7 anni. Sto ancora oggi praticando, imparando e insegnando. Ma sono davvero felice di essere in grado di praticare la Kalari alla mia età. Spero di poter continuare a lungo”, ha auspicato Meenakshi Amma. “Le persone mi chiedono in continuazione come faccia ad essere così forte e in salute alla mia età – ha aggiunto sorridendo la 79enne – Credo che se ho ancora così tanto potere, energia, forza interiore e resistenza è perché pratico la Kalari fin da quando ero bambina“. La scuola della signora Meenakshi Amma è stata ed è ancora un punto di riferimento per studenti e studentesse di ogni classe sociale. “Ai miei studenti dico che la fiducia in se stessi è la prima linea di difesa. A quel punto ogni oggetto può diventare un’arma”, ha spiegato un’insegnante che affianca la 79enne nella scuola. I casi di stupri e di abusi nei confronti delle donne è ancora elevatissimo in India. E Meenakshi Amma lo sa: “Le cronache sono piene di violenze sulle donne, occorre puntare sull’autodifesa“, ha dichiarato la 79enne. Il suo appello evidentemente è stato ascoltato. Il governo indiano ha avviato i corsi di autodifesa per le ragazze. Non servirà sicuramente ad azzerare i casi di violenze sessuali in India, ma sicuramente è un grande passo avanti.