Ucraina, David Beckham cede il suo account Instagram alla dottoressa che salva donne incinte e neonati a Kharkiv

La leggenda del calcio inglese ha prestato le credenziali dei suoi profili social a Irina Kondratova, la direttrice del centro perinatale di Kharkiv. In questo modo la dottoressa ha potuto documentare ai 71,6 milioni di follower del calciatore come si sta prendendo cura delle neo-mamme nella seconda città più grande dell'Ucraina

La leggenda del calcio David Beckham, 46 anni, ha deciso di prestare i suoi account Instagram e Facebook a Irina Kondratova, la direttrice del centro perinatale di Kharkiv che si prende cura delle donne ucraine incinte e dei bambini rimasti feriti nei bombardamenti della città. Domenica 20 marzo, con un video su Instagram, il calciatore ha annunciato che avrebbe ceduto le credenziali dei suoi social alla dottoressa ucraina, per permetterle di documentare che cosa sta accadendo in città e nel suo reparto di neonatologia, allestito in uno scantinato. Beckham ha su Instagram 71,6 milioni di follower.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da David Beckham (@davidbeckham)

Nel video pubblicato su Instagram, David Beckham, testimonial e ambassador di Unicef, ha dichiarato che: “Oggi sto cedendo i miei account social a Irina, la direttrice del centro perinatale di Kharkiv, in Ucraina. Là lei sta lavorando per permettere alle donne incinte di partorire in sicurezza”. Dopo aver ringraziato i suoi 71,6 milioni di follower per aver contribuito a donare soldi, cibo e beni di prima necessità nella raccolta fondi organizzata dalla Fondazione, il calciatore ha detto ai suoi follower: “Andate a vedere le mie storie per sapere di più del fantastico lavoro che Irina e le sue colleghe stanno portando avanti per salvare vite”.

David Beckham, 46 anni, è diventato nel 2005 ‘Goodwill Ambassador’ di Unicef

Nel corso della giornata Irina ha pubblicato un commovente resoconto in prima persona della sua vita quotidiana a Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina bombardata da settimane dall’esercito russo. I video pubblicati da Irina sull’account di David Beckham mostravano la direttrice del centro perinatale di Kharkiv mentre girava sottoterra in un seminterrato scarsamente illuminato, dove le neo mamme cullavano i propri bambini su letti d’ospedale improvvisati lungo le pareti dello scantinato. “Il primo giorno di guerra tutte le donne incinte e le madri furono evacuate nel seminterrato – ha raccontato Irina nelle storie di Instagram di David Beckham -. Abbiamo dovuto imparare a lavorare in mezzo ai bombardamenti”.

“Purtroppo non possiamo portare i bambini in terapia intensiva nel seminterrato, perché fanno affidamento su macchinari” che non possono essere trasportati sottoterra. La direttrice del centro, che nelle storie di Instagram si è presentata solo per nome, ha affermato di aver lavorato “24 ore su 24, sette giorni su sette” dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina, lo scorso 24 febbraio. In un video, la dottoressa ha fatto conoscere ai follower di David Beckham la storia di Yana e del suo bambino Mykhailo, nato con difficoltà respiratorie il secondo giorno di guerra. Il piccolo ora sta meglio, ha fatto sapere Irina, ma la casa della sua famiglia è stata distrutta e quindi Yana e Mykhailo non hanno un posto dove andare.

Irina Kondratova ha condiviso sulle storie Instagram di David Beckham la storia di Yana e del suo bambino Mykhailo, nato con difficoltà respiratorie il secondo giorno di guerra

Nelle ultime tre settimane una raffica quotidiana di artiglieria, missili e bombe è piovuta su Kharkiv, la seconda città principale dell’Ucraina dopo la capitale Kiev. Anche oggi, lunedì 21 marzo, i media ucraini riferiscono di bombardamenti su Kharkiv “con morti e feriti”. Secondo l’Ukrainska Prava, che cita testimoni oculari, l’attacco avrebbe colpito alcuni edifici residenziali causando anche incendi. Secondo le informazioni del Centro medico di emergenza, ci sarebbe anche un bambino tra le vittime. “Probabilmente stiamo rischiando la vita, ma non ci pensiamo affatto. Adoriamo il nostro lavoro”, ha affermato ancora Irina nelle storie pubblicate sull’account di David Beckham. “Medici e infermieri. Tutti noi qui ci preoccupiamo, piangiamo. Ma nessuno di noi si arrende”, ha concluso la direttrice.