Un gesto della mano virale su TikTok salva una sedicenne scomparsa vittima di violenze domestiche

Negli Stati Uniti, in Kentucky, una ragazza scomparsa da giorni è stata salvata dalla polizia grazie ad una richiesta di aiuto diffusa sui social e riconosciuta da un'automobilista

A volte i social salvano la vita. Sulle piattaforme, ogni giorno vengono riversati milioni di contenuti: c’è chi li usa per caricare una bella foto, chi per intrattenere i followers con video ironici e divertenti, chi per il proprio lavoro, per vendere o pubblicizzare qualcosa, chi, ancora – e forse è l’uso più comune – per condividere un pensiero. Ma tra i mille modi di utilizzo ci sono anche scopi più seri, come i contenuti (prevalentemente video ma anche grafiche) che riguardano le richieste di aiuto nei casi di violenza o abuso.

Un video esplicativo della Fondazione Canadese delle Donne

E forse proprio grazie ad uno di questi post, negli Stati Uniti, una ragazza di 16 anni scomparsa potrebbe essersi salvata da un destino terribile. A raccontare la vicenda, che risale ad una settimana fa, sono stati gli organi di stampa locali. L’adolescente è stata vista viaggiare all’interno di una Toyota argentata vicino a London, Kentucky, circa 150 miglia a sud-est di Louisville, il 4 novembre. Un automobilista ha chiamato la polizia dopo aver notato “un passeggero femminile nel veicolo, che faceva gesti con le mani che sono noti sulla piattaforma social TikTok per indicare una richiesta di aiuto nei casi di violenza domestica”, ha detto l’ufficio dello sceriffo di Laurel County.

Chi ha chiamato le autorità ha notato che la ragazza “sembrava essere in difficoltà” ed era accompagnata da un uomo più anziano. Gli agenti di Laurel si sono appostati per sorvegliare il passaggio dell’auto in questione, che hanno intercettato e fermato mentre usciva dall’autostrada. Dall’indagine è emerso che la giovane era stata dichiarata scomparsa dai suoi genitori alcuni giorni prima. La 16enne ha infatti raccontato agli investigatori di aver viaggiato con l’uomo attraverso North Carolina, Tennessee, Kentucky e Ohio. Le autorità sostengono che aveva cercato di attirare l’attenzione degli automobilisti con il gesto della mano perché questi chiamassero il 911. In seguito al fermo la polizia ha arrestato l’uomo che era in macchina con lei, un 61enne che è stato accusato di rapimento.

⁣Non è chiaro se la ragazza sia venuta a conoscenza del gesto tramite TikTok, né se l’automobilista che ha allertato le forze dell’ordine conoscesse il segnale grazie al social. ⁣Quel che è certo è che i due si sono capiti. Il segnale in questione – che consiste nel mostrare il palmo della mano aperta, con il pollice rivolto all’interno, e poi nel piegare le altre dita verso il basso – è stato ideato per chi ha subito o sta subendo maltrattamenti in casa e vuole chiedere aiuto in modo discreto, silenzioso. Adottato dalle donne di tutto il mondo che hanno bisogno di mostrare che sono in difficoltà, si ritiene che il gesto sia stato introdotto per la prima volta dalla Fondazione canadese delle donne l’anno scorso, durante i mesi di lockdown a causa dell’emergenza da Covid-19, in cui i casi di violenza tra le mura di casa sono drasticamente aumentati. In origine è stato pensato per le videochiamate, ma nel corso di questi mesi è stato applicato anche in altri contesti. Su TikTok, in particolare, esistono numerosi video che spiegano l’importanza di questo segnale, applicandolo in varie situazioni esemplificative, alcuni dei quali sono diventati virali con milioni di visualizzazioni.⁣