Von der Leyen: “Bebe Vio, esempio per tutti”. E lei: “Che applauso, volevo sotterrarmi”

La campionessa paralimpica di scherma ospite dell'Europarlamento, dove è stata elogiata dalla presidente della Commissione europea: Seguiamo il suo credo: se sembra possibile allora può essere fatto”

“Prendiamo Bebe Vio come un esempio ispiratore, è riuscita a raggiungere grandi traguardi applicando il suo credo: se sembra possibile allora può essere fatto”. Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel discorso sullo stato dell’Unione alla plenaria del Parlamento europeo, a Strasburgo, dove è presente l’atleta paralimpica italiana, invitata dalla stessa Von der Leyen (foto in alto: dal profilo Twitter di Enzo Amendola). “Lasciamoci ispirare anche da tutti i giovani che hanno cambiato la percezione del possibile, che dimostrano che si può  raggiungere tutto quello in cui si crede. Questa è l’anima dell’Europa e il suo futuro, rendiamo l’Europa più forte insieme”, ha proseguito Von der Leyen.

L’Aula della plenaria di Strasburgo ha rivolto a Bebe Vio un lungo applauso.

Bebe: “Ho detto a Gentiloni: Paolo, aiutami”

“Volevo sotterrarmi. E’ stato veramente imbarazzante”,  ha commentato Bebe alla fine dell’udienza plenaria parlamentare. “Bellissimo eh… mi sono avvicinata a Paolo Gentiloni e gli ho detto ‘aiutami… Anche avere Paolo come compagno di banco è stato divertente”, aggiunge.

“E’ stato bellissimo – continua Vio – ci ha invitati la presidente, che non conoscevo. E’ una persona speciale. Siamo state un po’ insieme ieri sera. Veramente pazzesca, essere qui è stupendo. Poter rappresentare il mondo italiano, dello sport, dei giovani e della disabilità. Sono cose cui tengo moltissimo. Essere qui e poterle rappresentare è veramente bello. Anzi, grazie italiani, perché poter esser qui per voi è bello”.

Bebe, si sente un esempio per gli altri?

“In realtà – risponde – la parola esempio mi fa sempre molta paura. Mi sento però fiera di poter rappresentare queste cose, sono molto felice. Abbiamo parlato di fare tante cose insieme. Sapere di avere il supporto di una persona così speciale è veramente qualcosa di bello. Ha guardato il documentario Rising Phoenix, il documentario su Netflix nostro, era gasatissima. Guardatelo, è veramente figo”. “La figata dello sport – aggiunge Vio – è questo: lei mi ha vista a Tokyo. Tu vedi un’azione sportiva e sai che dietro ci si può fare molto altro dietro. A livello comunicativo si può fare veramente tanto”.

Cosa direbbe a chi fatica a superare le difficoltà?

“Non sono bravissima a fare appelli. So solo – replica – che mi sto godendo la mia vita al massimo. Ho 24 anni e da tanto tempo me la godo veramente tanto, facendo un sacco di cose. Semplicemente perché mi diverto e amo tutto ciò che faccio. Secondo me se ti diverti, ti impegni, riesci a trovare un obiettivo e un sogno da raggiungere. Trovate qualcosa che vi diverta veramente”.