Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

Violenza di genere, cosa ne pensano gli utenti sui social? Le risposte grazie all'intelligenza artificiale

L'AI ha esaminato le reazioni lasciate sotto l'intervista ad Alessandra Pauncz, presidente della Rete Nazionale dei Centri per autori di violenza. La maggior parte vorrebbe una riforma legislativa, un cambiamento sociale e più responsabilità da parte degli uomini

di EDOARDO MARTINI -
11 gennaio 2024
Grazie all'intelligenza artificiale abbiamo scoperto cosa ne pensano gli utenti sui social riguardo al tema della violenza di genere

Grazie all'intelligenza artificiale abbiamo scoperto cosa ne pensano gli utenti sui social riguardo al tema della violenza di genere

Come fermare la violenza di genere? Dove risiedono le maggiori responsabilità e le cause del problema? Sono solo alcune delle domande che molti utenti si pongono sui social. E per capire le loro risposte siamo dovuti ricorrere all'intelligenza artificiale che ha raccolto e analizzato una serie di commenti mostrando il parere delle persone. In che modo? Grazie al progetto realizzato da MetaFirenze che attraverso un primo studio ha unito AI e violenza di genere.
violenza-di-genere-utenti-social

Alessandra Pauncz, la Presidente della Rete Nazionale dei Centri per autori di violenza (Instagram)

Come combattere la violenza di genere

Gli algoritmi, sviluppati dalla start-up fiorentina Binoocle in partnership, hanno esaminato un caso specifico. Si tratta delle reazioni lasciate sotto l'intervista ad Alessandra Pauncz, la Presidente della Rete Nazionale dei Centri per autori di violenza, che è stata realizzata per il sito "Storie di Firenze" grazie al contributo di Cesvot. Il post dell'intervista, pubblicato sui social, aveva generato 347 commenti, 1.351 interazioni, 596 click sul link. L'intelligenza artificiale ha scandagliato la demografia dell'utenza, i vari pensieri sull'argomento e le singole espressioni. Cosa è emerso? Le risposte sono state molteplici. Per combattere efficacemente la violenza di genere, il 14,9% degli utenti, che hanno risposto nei commenti all'intervista, hanno chiesto un cambiamento sociale, ovvero una modifica dei paradigmi a livello di società, cultura e valori. Un altro 14,9% vorrebbe una riforma legislativa e punitiva: proposta l'idea di modificare le leggi e inasprire le pene. L'11,9% degli utenti invece ha sottolineato la responsabilità diretta degli uomini, parlando della necessità di un cambiamento di atteggiamento e comportamento e il 10,5% ha riconosciuto il ruolo dei media e della politica nell'influenzare le percezioni e i comportamenti riguardo la violenza di genere.
violenza-di-genere-utenti-social

"Grazie all'AI i cittadini potranno esprimere liberamente i loro bisogni e la loro percezione su tematiche di importanza sociale", il commento del CEO di Binoocle (Instagram)

"Grazie all'AI i cittadini potranno esprimersi liberamente su tematiche di importanza sociale"

E sull'argomento e in particolare sull'importanza dell'algoritmo è intervenuto il CEO di Binoocle, Mario Puccioni, che ha dichiarato: "Sfruttando le potenzialità dell'intelligenza artificiale vogliamo creare, con MetaFirenze, un sistema nuovo per coinvolgere i cittadini nell'esprimere in forma protetta e libera i loro bisogni e la loro percezione su tematiche di importanza sociale.

Un tema così importante, come la violenza di genere, ci ha permesso di iniziare a comprendere l'utilità dell'AI per far ordine ed analizzare le opinioni diverse delle persone anche su temi complessi. Tutto questo ci permetterà di acquisire poi, le migliori strategie a livello sociale, culturale e di prevenzione. Un ponte di collegamento, breve e funzionale come mai prima, con il pensiero delle persone".

violenza-di-genere-utenti-social

Grazie a ChatGPT-4, l'AI ha fornito anche dei suggerimenti su come migliorare il problema della violenza sulle donne (Instagram)

I suggerimenti dell'intelligenza artificiale

Ma l'AI non si ferma qui perché grazie a ChatGPT-4 ha fornito anche dei suggerimenti su come migliorare il problema della violenza sulle donne. Ecco alcune strategie:
  • Educazione e Prevenzione: Fondamentale è l'educazione precoce sul rispetto reciproco e la parità di genere nelle scuole. Programmi educativi che affrontino stereotipi di genere, consapevolezza del consenso e relazioni sane possono avere un impatto significativo.
  • Legislazione e Applicazione della Legge: Rafforzare le leggi esistenti sulla violenza domestica e sulle aggressioni sessuali, garantire che le pene siano adeguate e che vi sia un'efficace applicazione della legge. Le misure protettive come ordini restrittivi dovrebbero essere resi più accessibili e attuati con rigore.
  • Supporto alle Vittime: Migliorare l'accesso ai servizi di supporto, come rifugi per le donne, assistenza legale gratuita e counseling. Le vittime di violenza dovrebbero avere un accesso facile e sicuro all'aiuto di cui hanno bisogno.
  • Campagne di Sensibilizzazione Pubblica: Campagne di sensibilizzazione rivolte agli uomini e ai ragazzi per educarli contro la violenza di genere, e anche alle donne per informarle sui loro diritti e su come cercare aiuto.
  • Coinvolgimento degli Uomini e dei Ragazzi: Creare piattaforme in cui gli uomini possano impegnarsi attivamente nella lotta contro la violenza sulle donne, riconoscendo che il cambiamento deve avvenire anche all'interno del genere maschile.
  • Formazione per i Professionisti: Formare polizia, operatori sanitari, insegnanti e professionisti legali su come riconoscere i segnali di violenza di genere e su come supportare le vittime in modo appropriato.
  • Ricerca e Monitoraggio: Investire nella ricerca per comprendere meglio le cause, le conseguenze e le strategie più efficaci per prevenire la violenza contro le donne. Monitorare e valutare l'efficacia delle politiche e dei programmi attuali.
  • Empowerment Economico delle Donne: Promuovere l'indipendenza economica delle donne attraverso l'istruzione e le opportunità di lavoro, in quanto la dipendenza finanziaria può intrappolare le donne in relazioni abusive.
  • Dialogo Sociale e Culturale: Promuovere un dialogo aperto e continuo che sfidi la cultura della vergogna e del silenzio che spesso circonda la violenza sulle donne.
  • Collaborazione Internazionale: Collaborare con organizzazioni internazionali per adottare le migliori pratiche e strategie efficaci che hanno successo in altre parti del mondo.