Il generale raccoglie da solo 500mila preferenze, risollevando le sorti della Lega. Ma se in Francia e Germania il potere politico trema, i conservatori più estremisti dovranno cedere a compromessi soprattutto per trovare l’unità necessaria di fronte ai conflitti in Palestina e Ucraina

Europee: la Destra vince ma non basta un Vannacci per sfondare

Il generale raccoglie da solo 500mila preferenze, risollevando le sorti della Lega. Ma se in Francia e Germania il potere politico trema, i conservatori più estremisti dovranno cedere a compromessi soprattutto per trovare l’unità necessaria di fronte ai conflitti in Palestina e Ucraina

di Riccardo Jannello
Giorgia Meloni ed Elly Schlein hanno trainato verso la crescita i due più grandi partiti d’Italia. Per le altre esponenti la strada è ancora in salita: la percentuale delle elette è meno della metà del totale e le preferenze in termini assoluti ricevute dalle donne sono meno di quelle degli uomini.

Schlein e Meloni trainanti, la leadership europea è donna (Le Pen compresa)

Giorgia Meloni ed Elly Schlein hanno trainato verso la crescita i due più grandi partiti d’Italia. Per le altre esponenti la strada è ancora in salita: la percentuale delle elette è meno della metà del totale e le preferenze in termini assoluti ricevute dalle donne sono meno di quelle degli uomini.

di MARGHERITA AMBROGETTI DAMIANI
La tripla preferenza di genere è uno strumento attraverso il quale - a quanto si dice - le donne dovrebbero essere avvantaggiate nel meccanismo elettivo. I rischi, però, sembrano dietro l’angolo. Per provare a fare chiarezza sulla faccenda ne abbiamo parlato con Laura Onofri, giurista e presidente di “Se non ora quando?” di Torino.

Elezioni europee, tripla preferenza: svolta o ennesima trovata?

La tripla preferenza di genere è uno strumento attraverso il quale - a quanto si dice - le donne dovrebbero essere avvantaggiate nel meccanismo elettivo. I rischi, però, sembrano dietro l’angolo. Per provare a fare chiarezza sulla faccenda ne abbiamo parlato con Laura Onofri, giurista e presidente di “Se non ora quando?” di Torino.

di MARGHERITA AMBROGETTI DAMIANI
La preghiera islamica, programmata per lo scorso venerdì nell’aula magna del Politecnico di Torino occupata dagli studenti pro-Palestina, è stata cancellata a causa della diffida che la questura ha notificato all’imam Brahim Maya. Secondo il rettore e la ministra Bernini, avrebbe messo a rischio il libero pensiero e il diritto al confronto.

Al politecnico di Torino negata la preghiera islamica nel nome della “laicità”. Il sistema scolastico italiano è veramente laico?

La preghiera islamica, programmata per lo scorso venerdì nell’aula magna del Politecnico di Torino occupata dagli studenti pro-Palestina, è stata cancellata a causa della diffida che la questura ha notificato all’imam Brahim Maya. Secondo il rettore e la ministra Bernini, avrebbe messo a rischio il libero pensiero e il diritto al confronto.

di MARGHERITA AMBROGETTI DAMIANI
La battaglia per i diritti non si ferma. Dopo il parere negativo della Corte Costituzionale un gruppo di 22 firmatari fanno ricorso alla Corte Suprema. La norma prevede la pena di morte per “omosessualità aggravata”

Uganda, nuovo ricorso contro la legge anti-gay

La battaglia per i diritti non si ferma. Dopo il parere negativo della Corte Costituzionale un gruppo di 22 firmatari fanno ricorso alla Corte Suprema. La norma prevede la pena di morte per “omosessualità aggravata”

Rafforzare o promuovere la parità di genere non significa garantirla. In Abruzzo, su 31 consiglieri le donne elette sono solo 3. Per cambiare la cultura servono - anche - le leggi. Riequilibrare gli organismi potrebbe essere una soluzione

Elezioni Abruzzo, solo 3 donne nel consiglio regionale

Rafforzare o promuovere la parità di genere non significa garantirla. In Abruzzo, su 31 consiglieri le donne elette sono solo 3. Per cambiare la cultura servono - anche - le leggi. Riequilibrare gli organismi potrebbe essere una soluzione

di Margherita Ambrogetti Damiani
Dopo il caso di Corato, negli ultimi giorni a far parlare di sé sono due colleghi, uno toscano condannato per i commenti omofobi, l’altro lombardo che chiama in causa i totalitarismi del passato per condannare l’aborto

Paese che vai, consigliere estremista che trovi

Dopo il caso di Corato, negli ultimi giorni a far parlare di sé sono due colleghi, uno toscano condannato per i commenti omofobi, l’altro lombardo che chiama in causa i totalitarismi del passato per condannare l’aborto

di Marianna Grazi
Più letti