Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

Proteste per il clima, quando gli attivisti non vengono messi a tacere

In Svizzera, a Lucerna, il direttore d'orchestra non ci ha pensato due volte a placare i fischi del pubblico e a lasciare il podio agli attivisti

di MAURIZIO COSTANZO -
17 settembre 2023
Crisi climatica

Crisi climatica

Ancora una protesta da parte degli attivisti per il clima, ma con un esito senza dubbio diverso da quello cui ormai siamo abituati. Questa volta la plateale manifestazione è avvenuta su un palcoscenico della Svizzera, durante il festival musicale Kultur - und Kongresszentrum Luzern di Lucerna. Due manifestanti, appartenenti al gruppo Renovate Switzerland, hanno interrotto il concerto salendo sul palcoscenico e si sono incollati alla pedana del direttore d'orchestra.

Salgono sul podio e il direttore li lascia parlare

Sul podio, a dirigere l’esecuzione, c’era il maestro russo Vladimir Michajlovič Jurovskij, che ha interrotto la performance. Gli attivisti hanno fatto irruzione mentre l'orchestra stava suonando. Dal pubblico sono piovuti fischi e lamentele, come era prevedibile considerate le reazioni che le manifestazioni contro il cambiamento climatico stanno riscuotendo in tutto il mondo. Ma in Svizzera, qualche sera fa, è accaduto l'inaspettato. Chi era in platea non si aspettava una simile interruzione nel bel mezzo del concerto, ma a quel punto è intervenuto lo stesso direttore d’orchestra per placare gli animi, lasciando il podio per pochi minuti ai due giovani attivisti. Il maestro Vladimir Michajlovič Jurovskij ha chiesto al pubblico di placare le proteste e di lasciar parlare i ragazzi. «Abbiamo raggiunto un accordo – ha spiegato Vladimir Michajlovič Jurovskij -. Gli ho promesso, dando la mia parola d'onore, che non ci saranno commenti. Li lasceremo finire e loro ci lasceranno suonare il quarto atto. Altrimenti lascerò il palco». Il gruppo ha poi pubblicato il video sui loro profili social, ringraziando il "coraggioso" direttore d'orchestra per il sostegno dimostrato.

L'elogio del festival al direttore d'orchestra

Dopo l'intervento dei manifestanti, la serata è proseguita come da programma. Da parte loro gli organizzatori del festival hanno espresso dispiacere, attraverso una nota, per quanto avvenuto e per l'interruzione a sorpresa. Il festival ha però anche elogiato la reazione di Jurowski, che ha mantenuto la calma, placato gli animi, permesso agli attivisti di esprimere le proprie opinioni così da riprendere il concerto. Questo è solo l’ultimo dei casi di proteste ambientali che si sono verificati durante eventi di alto profilo.

L'interruzione durante la semifinale degli Us Open

Anche la semifinale degli US Open è stata interrotta da un gruppo di manifestanti, e anche in questo caso la tennista Coco Gauff ha mostrato comprensione per la causa.
clima-attivisti-svizzera

La tennista Coco Gauff (Ansa)

Le proteste per il clima in Italia

Tra le tante dimostrazioni in Italia ricordiamo il blitz di un gruppo di attivisti avvenuto a Roma, in piazza di Spagna, ad aprile scorso. Tre persone, due uomini e una donna, avevano versato del liquido nero a base di carbone vegetale nella fontana della Barcaccia, dello scultore Pietro Bernini, padre di Gian Lorenzo. Altri ambientalisti hanno poi colorato di vernice arancione la facciata di Palazzo Vecchio a Firenze. Ma la lista di plateali proteste è lunga: le azioni hanno riguardato i maggiori monumenti, i musei più importanti, fontane e dipinti tra i più famosi. Un modus operandi, quello di scegliere luoghi ed eventi simbolo, che punta ad attirare la maggior attenzione possibile sui rischi del cambiamento climatico e a sensibilizzare tutti, soprattutto la politica, sulle misure da adottare per evitare le conseguenze catastrofiche. Questo modo di agire non attira però consensi, anzi, oltre alle polemiche sui costi dovuti al ripristino dei monumenti imbrattati, sono ormai sempre più frequenti manifestazioni addirittura di rabbia e insulti tra cittadini e turisti che assistono alle loro proteste. E' per questo che reazioni come quella del direttore d'orchestra Jurovskij, è senza dubbio una piacevole voce fuori dal coro.