Madame e Camila Giorgi indagate: finte vaccinazioni anti-Covid per ottenere il Green pass

La cantante ventenne (all’anagrafe Francesca Calearo) è in concorso a Sanremo con il brano 'Il bene nel male'. Per la tennista, verifiche sulle ’connessioni’ tra l’atleta e il medico

di LETIZIA CINI -
25 dicembre 2022
La cantante madame e la tennista Camila Giorgi

La cantante madame e la tennista Camila Giorgi

Ci sono anche la tennista Camila Giorgi e la cantante Madame fra le persone coinvolte nell’indagine avviata dalla Procura della Repubblica di Vicenza su false vaccinazioni anti-Covid, che a febbraio aveva portato all’arresto di tre persone, di cui due medici. Il reato ipotizzato a carico della cantante e della tennista - riferisce il Giornale di Vicenza - è di falso ideologico, per presunta irregolarità nella procedura di ottenimento del Green pass. Le due sono nella lista dei clienti di uno dei medici arrestati, ma non sono sue pazienti. Secondo l’ipotesi d’indagine, potrebbero essersi recate appositamente nello studio di Vicenza per ottenere il Green pass pur non essendosi sottoposte alla profilassi. È da accertare se i due personaggi pubblici abbiano effettuato o meno la vaccinazione; per le esibizioni della cantante, comunque, all’epoca dei fatti bastava avere un tampone con esito negativo per poter lavorare.

I medici coinvolti

I due medici sono stati rimessi in libertà, nel frattempo, perché caduto il rischio di reiterazione del reato, la 30enne tennista azzurra numero 67 del ranking Wta, tra gli indagati per aver ottenuto un Green pass illegale grazie a un finto vaccino. Sui fatti sta indagando la Procura di Vicenza che ha messo sotto la lente d’ingrandimento un giro di false vaccinazioni contro il Covid che lo scorso febbraio aveva portato all’arresto della dottoressa Daniela Grillone Tecioiu, assieme al suo compagno Andrea Giacoppo ed il dottor Erich Volker Goepel.
Camila Giorgi (sx) e Madame

La tennista Camila Giorgi (31 anni, a sinistra) e la cantante Madame, 20 anni

A carico della ventenne Madame (all’anagrafe Francesca Calearo, 20 anni, annunciata in gara a Sanremo 2023 con il brano ‘Il bene nel male’), di Camila Giorgi e di altri indagati sarebbe stato ipotizzato il reato di falso ideologico

Chi è e di cosa è accusata Madame

Madame, nome d’arte di Francesca Calearo, risulta indagata in una inchiesta della procura di Vicenza, accusata di aver fatto ricorso a finte vaccinazioni per ottenere il Green pass (con lei anche la tennista Camila Giorgi). Madame, 20 anni, nella Sugar come casa discografica che l’ha voluta tra i suoi artisti quando aveva appena compiuto 16 anni, è in gara anche quest’anno a Sanremo. È, tra l’altro, la più giovane vincitrice della Targa Tenco per il miglior album d’esordio e per la miglior canzone Voce, con cui nel 2021 ha vinto il Premio Lunezia e il Premio Bardotti entrambi per il miglior testo, mentre il suo tour è andato sold out. Ora la grana Sanremo: l’artista è in concorso con Il bene nel male, scritto da lei e composto con Bias e Brail. Non essendo sotto contratto con la Rai, la tv pubblica non può applicare il codice etico (usato invece per il caso di Memo Remigi) e dalla produzione del festival come pure dalla direzione artistica, complice la vigilia di Natale, non arrivano prese di posizione come pure dalla Sugar. Sui social invece il dibattito è acceso. Madame ora è paladina dei no wax ma sono moltissimi per i quali l’aver eventualmente fatto ricorso a finte vaccinazioni per avere il certificato verde è una caduta di immagine da parte di una cantautrice considerata sin dall’inizio libera e non omologata. È indagata e non condannata Madame, ma difficilmente la giustizia farà il suo corso prima dell’inizio del Festival di Sanremo (7-11 febbraio), dunque il nodo prima o poi verrà sciolto.
Madame sul palco di Sanremo 2022

La cantante Madame sul palco di Sanremo 2022

Nei giorni scorsi Madame ha cambiato in extremis il titolo del brano con cui dal 7 all’11 febbraio ritenta l’avventura del Festival. Fino al pomeriggio il titolo da annunciare nella cornice di Sanremo Giovani assieme a quelli degli altri 21 big già ammessi all’edizione 2023 è stato di quelli destinati ad infiammare la polemica prima ancora di averne ascoltata una sola nota: Puttana. Poi edulcorato in Il bene nel male. Meno brucianti, ma altrettanto efficaci, almeno a livello evocativo, fra i concorrenti in gara sul palco dell'Ariston Ariete con la sua Mare di guai o Giorgia con Parole dette male. Gli Articolo 31 debuttano all’Ariston con Un bel viaggio, Colapesce Dimartino tornano con Splash , i Coma_Cose con L’addio, Elodie con Due, Gianluca Grignani con Quando ti manca il fiato, Levante con Vivo, Marco Mengoni con Due vite, i Modà con Lasciami, Tananai con Tango e Ultimo con Alba.

Chi è e di cosa è accusata Camila Giorgi

La tennista camila Giorgi, 30 anni

La tennista Camila Giorgi, 31 anni

Camila Giorgi, la 31enne tennista azzurra numero 67 del ranking Wta, tra gli indagati per aver ottenuto un Green pass illegale grazie a un finto vaccino. Sui fatti sta indagando la Procura di Vicenza che ha messo sotto la lente d’ingrandimento un giro di false vaccinazioni contro il Covid che lo scorso febbraio aveva portato all’arresto della dottoressa Daniela Grillone Tecioiu, assieme al suo compagno Andrea Giacoppo ed il dottor Erich Volker Goepel. L'atleta è nata il 30 dicembre 1991 a Macerata, dove vive e si allena ancora oggi. Nel 2005 ha debuttato come tennista nei tornei Juniores come il Nike Junior Tour e l’anno seguente ha conquistato tre vittorie al torneo di Baku. Nel 2015 ha vinto il suo primo titolo WTA raggiungendo presto i tornei del Grande Slam. La ricordiamo poi nei quarti di finale a Wimbledon nel 2018. Vanta però anche i quarti di finale alle Olimpiadi di Tokyo 2020, gli ottavi di finale al Roland Garros 2022 e agli US Open 2013.

Origini italo-argentine

Le origini di Camila sono italo-argentine: mamma Claudia Fullone è argentina di padre tarantino, papà è argentino di padre perugino. Camila è nata il 30 dicembre 1991 a Macerata perché la mamma, insegnante di arte contemporanea, a quell’epoca lavorava nelle Marche. Camila ("Con una elle perché è più originale", come disse in un'intervista) ha scelto di giocare per l’Italia, anche se in seguito i suoi rapporti con la Federtennis non sono mai stati idilliaci. "Quando mi ero avvicinato al tennis - raccontò ai giornalisti - avevo una visione idealizzata di questo mondo. Non hai idea della delusione, a nessuno frega niente di nessuno, sono tutti attaccati ai soldi".
Camila Giorgi con il padre Sergio

Una giovanissima Camila Giorgi con il padre Sergio

Il padre Sergio

Il padre è la figura fondamentale in tutta la carriera di Camila Giorgi. Il 10 maggio 2021, fu protagonista di uno show che fece molto parlare dopo che Camila perse al primo turno degli Internazionali di Roma al termine di una battaglia durata quasi quattro ore contro la spagnola Sara Sorribes Tormo 7-6,6-7, 7-5. Il padre intervenne protestando con veemenza dopo alcune decisioni della giudice di sedia (una «time violation» su servizio e poi una palla chiamata fuori discussa dal clan di Camila). A quel punto Sergio Giorgi chiese spiegazioni al giudice di sedia. Che prima lo zittì e poi, preoccupata per il suo atteggiamento, chiese aiuto ai suoi colleghi e agli organizzatori. La sua comunicazione, nel silenzio dell’impianto capitolino senza tifosi, fu chiarissima: "Se è possibile per qualcuno di voi stare qui, perché il padre della Giorgi è veramente matto, state qui vicino". Un episodio più unico che raro e che aggiunge un nuovo capitolo alla storia della tennista italiana, ricca di particolari sia in campo che fuori. E molti riguardano proprio la figura paterna.