Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

Professoressa licenziata “perché troppo sexy“: quando l'abbigliamento è un discrimine

Per la scuola statunitense la docente indossava in classe abiti “non idonei per il suo ruolo“. La decisione dell’istituto dopo le proteste dei genitori

di LUCIA LAPI -
18 agosto 2023
Prof licenziata “perché troppo sexy“: per la scuola in classe indossava vestiti abiti “non idonei per il suo ruolo“

Prof licenziata “perché troppo sexy“: per la scuola in classe indossava vestiti abiti “non idonei per il suo ruolo“

Professoressa licenziata “perché troppo sexy“: per la scuola in classe indossava vestiti abiti “non idonei per il suo ruolo“. La decisione dell’istituto dopo le proteste dei genitori. L’abbigliamento sul lavoro torna ad essere un fattore discriminante. Lo scorso anno era stata la volta dello sfogo dell’infermiera Erika Diaz, 22 anni, che replicava al body shaming  in seguito ai commenti maschilisti che sono apparsi sotto i video con la divisa che posta su TikTok.

Il precedente

Non indossa quella specifica veste per fare colpo, ma per lavoro: così si era giustificata la giovane infermiera, confidando di non riuscire a trovare pace, dopo essere stata oggetto di insulti maschilisti e cattiverie su Internet per il suo camice aderente ai fianchi, giudicato dagli utenti della rete “inappropriato“.
professoressa-licenziata-abiti-sexy

Erika Diaz, 22 anni, e le accuse di body shaming in seguito ai commenti maschilisti apparsi sotto i video con la divisa che posta su TikTok

A Erika Diaz, ragazza americana all'epoca 22enne, prima di iniziare il proprio turno in ospedale piace farsi video mentre indossa la divisa, che definisce chiaramente la sua figura formosa e che, come c’era da aspettarsi, ha reso immediatamente quei brevi filmati virali su TikTok. Ma se la sua è una passione innocente, tipica delle nuove generazioni, altrettanto tipiche, purtroppo sono le razioni di certi individui che commentano questi post. Diaz, allora, ha deciso di sfogare la sua indignazione e le sua rabbia per le offese ricevute proprio attraverso il social, denunciando le decine di messaggi che riceve ogni volta che indossa la sua divisa al lavoro: “Dedico la mia vita a migliorare quella degli altri e queste opinioni sono inutili”.

Professoressa licenziata: "Abiti troppo sexy“

Secondo una scuola di Atlanta, negli Stati Uniti, l'abito fa il monaco. Patrice Brown -  riporta il sito ilmessaggero.it è stata licenziata dalla scuola dove lavorava per aver indossato vestiti "troppo sexy" per l’istituto scolastico. Abiti scollati, stretti e leggins. Troppo per il preside che a quel punto ha deciso di allontanare l’insegnante dopo le polemiche di alcuni genitori. Patrice ha così dichiarato al New York Post: "Al lavoro scattavo selfie in classe per dimostrare quanto amassi il mio lavoro e apparire bella mentre insegnavo ai bambini. Questo perché gli insegnanti sono spesso bullizzati per il loro aspetto dall’amministrazione, dai genitori, da altri insegnanti e, nelle classi superiori, dagli studenti".

L'episodio

La giovane docente ha sottolineato che si dovrebbe prestare attenzione a cosa viene insegnato ai bambini e non a come si vestono gli insegnanti. Ora, dopo essere stata licenziata quest’estate, dice di aver trovato un nuovo lavoro da insegnante negli Stati Uniti - ma non ha voluto specificare dove.

Anche invecchiare può essere considerato una colpa

Discriminazione da età. E' accaduto a Lisa LaFlamme licenziata per sospetto... ageismo:  La conduttrice della rete canadese CTV News nei mesi scorsi aveva denunciato su Twitter di aver perso il lavoro in seguito alla decisione di mostrarsi in video con la chioma del suo colore.
professoressa-licenziata-abiti-sexy

Lisa LaFlamme, 59 anni, prima e dopo aver optato per una chioma al naturale

"Sono state presa alla sprovvista e sono ancora scioccata, rattristata da questa decisione", aveva detto la giornalista, aggiungendo che le era stato chiesto di mantenere riservata la notizia per un po'. "A 58 anni pensavo di aver ancora molto altro tempo per raccontare nuove storie che hanno un impatto sulle nostre vite quotidiane", ha spiegato l’anchor, che ha coperto i maggiori eventi del suo tempo, tra elezioni, guerre e disastri naturali. “Cacciata per i capelli grigi? Sono scioccata“, le sue parole raccolte nel post. I sostenitori della  anchorwoman avevano inoltre sottolineato che Lloyd Robertson, il predecessore di LaFlamme, si è ritirato a 77 anni ed è stato onorato con un commiato in video e tutti i crismi del caso.