Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

Drag Race Italia, Lina Galore vince la terza edizione: "Quest'arte è un atto di coraggio politico"

Trentaquattro anni, sarcasmo da vendere e uno stile che richiama personaggi dei vecchi cartoni animati. Ecco chi si cela dietro la maschera

di CAMILLA PRATO -
29 dicembre 2023
IMG_2460selectamed

IMG_2460selectamed

Lina Galore ha vinto Drag Race Italia 2023. È lei la nuova "Italia’s Next Drag Superstar”, premiata durante il gran finale della terza stagione del programma più colorato e scintillante della tv. Nell'episodio conclusivo, disponibile dal 29 dicembre su Paramount+ in Italia e su WOW Presents Plus in tutto il resto del mondo, la giuria ha incoronato Galore come vincitrice e, al secondo posto, Melissa Bianchini, la prima drag queen transgender a far parte del cast della trasmissione. Quest'ultima, nata brasiliana e naturalizzata cittadina italiana, vive e lavora a Roma come performer e costumista ed è una delle queen simbolo dello storico locale Muccassassina.
lina-galore-drag-race-italia

Alcune delle concorrenti in gara per il talent più colorato della tv

Questa terza stagione del programma conferma il successo del format anche in Italia, nato sul modello del RuPaul's Drag Race, il reality show più popolare della storia, con 27 Emmy Awards, esportato nel resto del mondo. Quella nel Belpaese è la più recente versione internazionale del franchise di successo in anteprima quest'anno, dopo Drag Race Mexico, Brasil e Germany.

Chi è Lina Galore

"Out of Drag" è Giovanni Montuori, 34enne avellinese che vive e lavora a Milano; un "ragazzo sensibile, abbastanza intelligente, molto introspettivo, anche se abbastanza estroverso" - così si descrive, che nella vita di tutti i giorni ha un impiego da consulente di strategie di comunicazione e produttore digitale. Poi, però, c'è lei, l'altra faccia della medaglia, Lina Galore. Salita alla ribalta nel 2019, il suo nome d'arte rende omaggio a Lina Sastri, l'attrice napoletana che ha interpretato Ninuccia in "Natale in Casa Cupiello", un film che le ricorda le sue origini. “Volevo un nome che avesse un significato emotivo per me e, anche se è molto italiano, suonava bene in inglese".
lina-galore-drag-race-italia

Nella vita di tutti i giorni, fuori dalle scene, Lina è Giovanni Montuori

Il cognome Galore, che significa "in abbondanza", lo ha invece ereditato dalla sua madre drag ed ex fidanzato, Sissy Galore. Parlando degli esordi ha raccontato: “Iniziare a fare la drag con il proprio partner è una fortunato perché non si sente la preoccupazione del giudizio degli altri. Ciò che conta di più, dopo tutto, è il sostegno di coloro che amiamo”. Dietro l’idea di Lina Galore c’è sempre un riferimento a un personaggio di vecchi cartoni animati: il suo trucco è intenzionale, quasi per farla diventare qualcosa che chiunque può facilmente disegnare, scatenando la propria immaginazione. Ma la sua cifra assoluta è il sarcasmo, con cui saprebbe vincere anche la resistenza più ardua e con cui ha conquistato i favori della giuria che l'ha incoronata vincitrice del talent.

"Fare la drag è un atto di coraggio"

"Perché faccio la drag queen? Perché mi rende felice". Non ha dubbi e lo dimostra anche sul palco. Partecipare al programma, infatti, per lei ha rappresentato un'opportunità di condividere la sua arte ancora più liberamente e onestamente con tutti, compresi i suoi cari. Per lei indossare quei panni, la parrucca, il trucco, esibirsi e mostrare la propria arte è "un atto di estremo coraggio politico e uno strumento di rappresentazione, elemento fondamentale per la sopravvivenza in una società eteronormativa.
 
Visualizza questo post su Instagram
 

Un post condiviso da Lina Galore (@lina.galore)

Se anche solo un giovane, vedendo una mia esibizione, trova il coraggio di essere sé stesso, allora quella parrucca vale fino all'ultimo euro speso (e io spendo davvero tanto per le mie parrucche!) - ha raccontato di sé la regina della terza stagione di Drag Race Italia -. Adoro il mondo della commedia femminile, specialmente se questa commedia assume la forma di un corpo sexy e sinuoso, un corpo da cui ci si aspetterebbero - a causa del patriarcato - soltanto ammiccamenti e frivolezze. Tutte le immagini, creature e personalità che rientrano in questo specifico universo sono per me fonte di ispirazione".

La giuria e gli ospiti

lina-galore-drag-race-italia

Un'esibizione durante il programma. La conduttrice Priscilla, oltre alla giuria composta da Chiara Francini, Paola Iezzi, e Paolo Camilli, è stata affiancata ogni settimana da un ospite diverso

Nel coloratissimo talent in onda su Paramount+ le drag queen più agguerrite del Paese si sono messe alla prova con il loro carisma, la loro unicità, il loro coraggio e il loro talento per essere incoronate "Italia’s Next Drag Superstar”. Alla conduttrice Priscilla e ai giudici Chiara Francini, Paola Iezzi, e Paolo Camilli si sono aggiunti, di settimana in settimana, ogni settimana ospiti speciali nelle vesti di giudici di puntata. Tra cui: Lorenzo Balducci, Rosa Chemical, Francesco Cicconetti - “Mehts”, Anna Dello Russo, Tiziano Ferro, Chiara Iezzi, Ciro Immobile, M¥SS KETA, Alessandra Mastronardi, Jessica Melena, Andreas Muller, Veronica Peparini, i “Papà per Scelta” , Sabrina Salerno, Melissa Satta, Jo Squillo, Filippo Timi, Edoardo Zaggia.