Main Partner

main partnermain partnermain partnermain partner

Partner

main partnermain partner

In “Apnea” da Sanremo a Doha: la nazionale di nuoto artistico emoziona sul brano di Emma

La canzone in gara alla 74esima edizione del Festival è stata la colonna sonora di un’esibizione delle sincronette

di MARIANNA GRAZI -
9 febbraio 2024
Emma a Sanremo con "Apnea"

Emma a Sanremo con "Apnea"

Da Sanremo a Doha in “Apnea”. Un fil rouge che collega il Festival della canzone italiana, con la concorrente Emma, autrice del brano, e i Mondiali di nuoto in corso in Qatar, dove la nazionale azzurra di nuoto artistico si è ben comportata portando a casa ottimi piazzamenti (tra cui le due medaglie di Giorgio Minisini) e si è esibita con una performance speciale senza sapere che poi sarebbe diventata la coreografia del brano in gara all’Ariston.

La sorpresa di Emma alla nazionale azzurra 

Emma Marrone, in gara alla 74esima edizione del Festival di Sanremo con il brano “Apnea”, scritto dalla stessa artista salentina (ma fiorentinadi nascita) insieme a Paolo Antonacci, Davide Petrella e Julien Boverod (in arte Jvli), che è anche il produttore della canzone.

Dall’altro lato la squadra azzurra (13 donne e un uomo, più tecnici e staff) impegnata ai campionati del mondo in uno sport la cui cifra specifica sono proprio le esibizioni sott’acqua, trattenendo il fiato, e incantando il pubblico con movimenti atletici incredibili ed emozionanti. Squadra che ha ricevuto una bellissima sorpresa organizzata dalla cantante che, in collegamento da Sanremo, ha svelato al team riunito alla Aspire Dome di Doha ciò che avevano realizzato, mostrando loro in anteprima il videoclip della canzone.

La genesi del brano 

La cantante ha spiegato che già dai primi momenti in studio, durante la scrittura del brano, ha sentito che era la canzone giusta da portare sul palco dell’Ariston per continuare il suo percorso musicale. Una scelta dettata in primis dalle emozioni, perché in fondo l'apnea è anche l'apice di un'emozione, talmente forte da togliere il fiato, talmente bella da far immergere completamente in una dimensione a sé, distante da tutto ciò che normalmente ci circonda.

È questa la forza del brano: tre minuti di trasporto col fiato sospeso.