Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

Giornata Internazionale del Bacio: i più belli tra storia e provocazione

Ecco perché si celebra oggi il simbolo immortale dell'amore, il gesto che coinvolge più di 100 muscoli e che aiuta a sconfiggere lo stress

di EDOARDO MARTINI -
13 aprile 2023
Il bacio romantico tra Lilli e il Vagabondo nel capolavoro di Walt Disney (YouTube)

Il bacio romantico tra Lilli e il Vagabondo nel capolavoro di Walt Disney (YouTube)

Se c'è una data da segnare sul calendario per i più romantici, naturalmente oltre a quella del 14 febbraio per San Valentino, quella è il 13 aprile. Oggi, infatti, si celebra l'International Kissing Day, giornata istituita per ricordare il bacio più lungo della storia: quello di una coppia thailandese durato 46 ore, 24 minuti e 9 secondi ed entrato di diritto nel Guinness World Record. Questa bella giornata si festeggia anche il 6 luglio in Gran Bretagna, il 22 giugno negli Stati Uniti e in qualche altro paese e il 13 febbraio in India. Ma questa giornata è davvero così importante?

Il bacio tra il marinaio e la crocerossina a New York nel 1945 (Ansa)

Dai romani fino a Jack e Rose in Titanic

Sicuramente che sia il primo bacio, l’ultimo, il peggiore, quello che non avremmo voluto ricevere o quello che ancora aspettiamo, questo gesto ci coinvolge letteralmente, anima e corpo. Basti pensare che con un bacio impieghiamo ben 112 muscoli posturali e 34 muscoli facciali, per non parlare dell’effetto benefico che porta al nostro corpo e al nostro assetto psico-fisico. Sulla fronte come un nonno al nipote, sulla guancia come tra amici di vecchia data o che sia sulla mano sfiorata come da antiche usanze nobiliari, il bacio è un simbolo universale di vicinanza e affetto. Ma può anche essere un simbolo di provocazione. Ma partiamo dal principio e da quando i Romani usavano il bacio sulla bocca come saluto tra membri dei ceti sociali più alti, finché Tiberio non lo vietò, poiché convinto che trasmettesse più facilmente le malattie. Da lì in poi di baci ce ne sono stati tanti. Chi si può scordare di quello del 1945 tra il marinaio e l'infermiera durante la parata a Times Square a New York, al ritorno dei militari americani che avevano combattuto nella seconda guerra mondiale o chi non ha provato emozione trovandosi davanti al quadro di Hayez, Il bacio, simbolo del Risorgimento italiano? O, ancora, chi non ha rivisto il bacio "agli spaghetti" fra Lilli e il Vagabondo nel capolavoro di Walt Disney del 1955 o chi non ha tifato fin da subito per un bacio fugace tra Jack e Rose in Titanic?

Il bacio provocatorio tra Rosa Chemical e Fedez durante la finale di Sanremo 2023 (Ansa)

Il bacio tra provocazione e scandalo

Ma come accennavo precedentemente il bacio può essere anche simbolo di provocazione o di scandalo. Proprio di quest'ultimo furono accusate Madonna e Britney Spears che, durante gli MTV VMA nel 2003, si baciarono di fronte al pubblico. Più di recente, invece, nella serata finale del Festival di Sanremo, abbiamo assistito al bacio tra Rosa Chemical e Fedez, che non aveva molto di romantico e assomigliava poco ad un'apostrofo rosa tra le parole ti amo, anche se il cantante si è giustificano dicendo "mi è scappato l’amore". Da ultimo, ma non da dimenticare, è stato il gesto del Dalai Lama. Durante un evento nel tempio Tsuglagkhang di Dharamshala, nel nord dell'India, mentre stava dialogando con 120 studenti a completamento di un programma di formazione professionale, un bambino gli ha chiesto di poterlo abbracciare.
Dalai Lama al bambino: “Succhiami la lingua”. Il video con il bacio e le scuse del leader tibetano

Dalai Lama al bambino: “Succhiami la lingua”. Il video con il bacio e le scuse del leader tibetano

A quel punto il Premio Nobel per la pace ha invitato il piccolo a salire sul palco e, indicando la propria guancia, gli ha fatto segno di baciarlo lì. Ma non basta: "Poi penso anche qui", ha detto il leader spirituale facendo segno al bambino di baciarlo sulla bocca. In pochi secondi il religioso ha avvicinato il mento del ragazzino verso di sé in modo tale che le labbra dei due entrassero a contatto. La reazione di chi ha assistito alla scena è stata inizialmente quella di risate e applausi, che però sono andate scemando subito dopo, senza comunque fermarsi, quando la testa del bambino e del monaco si sono toccate e quest'ultimo ha tirato fuori la lingua chiedendo al piccolo di succhiargliela. Ecco allora che qualsiasi siano i vostri baci di riferimento, se di amore, di protesta, di provocazione, di scandalo o di addio, oggi è la giornata giusta per rendergli omaggio, magari cominciando a correre verso le persone a voi care per celebrare questa giornata come meglio possiate.