Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

Giulia Casati, lo sfogo su TikTok contro chi le chiede se è ingrassata

Un continuo body shaming: la giovanissima creator milanese ha rotto il silenzio e si è rivolta a chi la critica per il suo aspetto

di MARIANNA GRAZI -
28 agosto 2023
Giulia Casati (1)

Giulia Casati (1)

Giulia Casati si è sfogata contro chi la giudica per il suo aspetto fisico. Già vittima di body shaming qualche tempo fa, la tiktoker classe 2001 è tornata a rivolgersi a chi, sui social le chiede continuamente a cosa sia dovuto il cambiamento, cosa la sia successo. Perché l'apparenza, si sa, non 'inganna' gli utenti, pronti a commentare anche il minimo chilo in più o segno sul corpo.
giulia-casati-sfogo-tiktok-ingrassata

Giulia Casati, giovanissima creator milanese

Parole che, alla lunga, stancherebbero perfino i santi, figuriamoci chi, sulle piattaforme, in pratica ci lavora ed è a contatto, virtuale, con migliaia di persone ogni giorno. La giovanissima creator milanese, proprio in risposta a una di queste assillanti domande, ha deciso di pubblicare un lungo video in cui risponde ai commenti sotto i suoi Tiktok, stanca della situazione che si è creata.

Lo sfogo della Tiktoker

@giulicasati Risposta a @😩 ♬ suono originale - Giulia Casati
"Ma solo io me la ricordavo diversa? (no insulto)" si chiede una ragazza sui commenti sotto un post di Giulia Casati, che non ci sta e all'ennesima accusa sbotta. Nel video si è lasciata andare ad uno sfogo, dicendo di essere "satura" e spiegando subito come si sente ad affrontare questa situazione: "È arrivato il momento di parlare. Mi sembra assurdo che dobbiate spingere le persone a parlare dei loro problemi, perché sapete che è sbagliato", dichiara. "Sto male, mi sto vivendo questa cosa malissimo. Voi siete pronti a fare i leoni da tastiera lì dietro però ve ne sbattete di come ci può stare una persona. Secondo me dovete smetterla e basta". Rispondendo alla domanda apparsa sul suo account, l'ennesima, a cui alla fine ha scelto di replicare, la creator da 20,9 milioni di like e oltre 300mila followers ribadisce che è sbagliato che una persona si ritrovi obbligata a dare spiegazioni sulla sua vita, del perché è così e cosa le è successo. "Non è che se una persona mette un TikTok deve per forza spiegare tutto quello che succede nella sua vita".
giulia-casati-sfogo-tiktok-ingrassata

La tiktoker chiede ai soi followers di smettere di obbligare una persona a raccontare dei suoi problemi

Il body shaming su Giulia Casati

"Vi pare normale – continua Giulia – che prima di pubblicare un video devo riguardarlo 20 volte controllando che non mi si veda la ciccia qua o qua, per poi arrivare alla conclusione che no, non lo metto perché tanto mi insultano e basta". Basterebbero queste parole per far comprendere ai più attenti, o almeno a chi la sta veramente a sentire, che la quantità di insulti che la 22enne riceve (purtroppo come molte altre ragazze che condividono la loro immagine sui social) sia assurda, che la situazione ha superato il limite delle decenza da un bel po'. Il contesto in cui si trova immersa Giulia è dei più nauseanti: una giovane donna che dovrebbe sentirsi bellissima, forte della sua giovinezza, del suo successo – perché no –, delle sue forme, qualunque esse siano. 
giulia-casati-sfogo-tiktok-ingrassata

Giulia ha pubblicato uno scatto in costume, sotto il quale sono apparsi tantissimi commenti offensivi, tanto da spingerla a non metterne altri

Invece Casati non si sente più a suo agio a mostrarsi con certi look che magari lasciano scoperto un po' più il suo corpo, il che comporta anche forti limitazioni nei suoi contenuti:
"Io non faccio più TikTok in costume, ne ho messo uno ed è scoppiato il putiferio. Ed è colpa vostra. Io mi sento bene con il mio corpo ma mi fate passare la voglia di fare le cose se voi dovete tutto il tempo insultare insultare insultare. Su una cosa per cui una persona già sta male – aggiunge – e voi girate il dito nella piaga. Io vorrei essere forte, perché siete abituati a vedere ragazze bellissime, con un fisico bellissimo e tutto. E va benissimo, beate loro", afferma. 

L'errata concezione di "bellezza"

Casati ci tiene, quindi, a dire la sua sul fatto che tra i problemi principali dell'odio in Rete, del body shaming, del continuo giudizio degli altri sull'aspetto di una persona ci sia un'errata concezione dei canoni di bellezza all’interno della società.
"Però so che ci sono una sacco di ragazze che magari non sono così e magari si sentono anche sbagliate col proprio corpo. Io l'unico motivo per cui vorrei pubblicare video e sbattermene dei vostri commenti orrendi è perché vorrei che tutte le ragazze si sentissero bene con il proprio corpo. Dovrebbe diventare la normalità vedere che solo se sei alta, magra, hai la pancia piatta allora sei bella. No, non è così".
Riferendosi al passato, a quando ha iniziato a fare i video, all'aspetto che aveva allora e che è cambiato – ricordiamoci che ha 22 anni e che il corpo si trasforma continuamente, senza pensare a motivi patologici – si chiede perché debba sopportare continui giudizi.
giulia-casati-sfogo-tiktok-ingrassata

Casat ha oltre 300mila followers su TikTok e circa 21 milioni di mi piace per i suoi contenuti

"Perché siete abituati a come ero prima e pesavo tot chili ed ero così esteticamente? Ora che sono diversa non va bene, perché?". I video li pubblica lo stesso, ma non è facile affrontare il fatto che "le persone già sai quello che ti verranno a dire". Allora chiede un'ultima volta "di smetterla, con tutto il mio cuore". Perché "Sono le persone come voi che poi fanno star male le altre persone. Io spero vivamente di non stare male, di non cadere in un loop per cui starò male per colpa vostra".
Io non so per quanto reggerò questa situazione, voi mi vedete che rido e scherzo, ma avete idea di quanto piango dietro per questa cosa? E non piango perché sono ingrassata o perché non sto bene. Piango perché create nella mia testa un problema che io non ho. Io non ci sto male per me stessa, ma devo stare male perché ho un pensiero vostro. Capite quant'è malata questa cosa?"