Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

Spagna, un'App per dividere equamente le faccende domestiche

L'obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica sull’uguaglianza di genere anche in casa. Ma la novità vuole anche motivare gli uomini a svolgere più mestieri

di BARBARA BERTI -
2 agosto 2023
Le donne tradizionalmente si sobbarcano un carico di lavori domestici maggiore rispetto agli uomini

Le donne tradizionalmente si sobbarcano un carico di lavori domestici maggiore rispetto agli uomini

La Spagna lancia l’App per calcolare il tempo delle faccende domestiche e suddividerlo equamente tra i componenti della famiglia. Preparare la colazione ai figli, fare la spesa, stendere la biancheria, pulire i pavimenti ma anche cambiare un banale rotolo di carta igienica: le faccende domestiche sono ancora, per la maggior parte, qualcosa che fanno le donne.
spagna-app-lavori-domestici

Le attività di casa sono ancora una prerogativa delle donne

Secondo uno degli ultimi report dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), nel Reino de España le donne dedicano a questi compiti più del doppio delle ore rispetto agli uomini (rispettivamente cinque e due). Inoltre, secondo i dati dell'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere, nel Paese iberico l'84% delle donne svolge le faccende domestiche, mentre questa percentuale è del 42% nel caso degli uomini. Vale la pena ricordare che non va meglio in Italia dove le donne dedicano alle attività domestiche 2 ore e 47 minuti in più rispetto agli uomini.
spagna-app-lavori-domestici

Il governo spagnolo lancia una novità per misurare il tempo effettivo che ogni membro della famiglia trascorre a fare i lavori di casa

Spagna, verso l’uguaglianza di genere in ambito domestico

Partendo da questo contesto, il Ministero della Parità del governo spagnolo si è messo al lavoro per creare un'applicazione, Equality, che terrà traccia delle faccende domestiche svolte dai diversi componenti della famiglia per sapere con esattezza quante ore vengono svolte dalle donne e quante dagli uomini. Con l’obiettivo primario di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’uguaglianza di genere in ambito domestico, Equality vuole anche motivare gli uomini a svolgere più mestieri in casa. Per sviluppare la novità sono stati stanziati 211.750 euro e l’idea del Ministero spagnolo è quella di attivarla entro la fine dell’estate. Equality sarà completamente gratuita e disponibile per il download sulle tutte le piattaforme esistenti. "Equality" fa parte di un più ampio progetto statale, chiamato “Plan Corresponsables“, che mira a raggiungere la parità di genere.
spagna-app-lavori-domestici

Il governo spagnolo vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sull’uguaglianza di genere in ambito domestico

L'invisibile carico mentale che grava sulle donne

Secondo la segretaria di Stato spagnola per l'Uguaglianza, Ángela Rodríguez, l'obiettivo è quello di far luce sull'invisibile “carico mentale” che grava sulle donne, quando si tratta di mestieri di casa. “A breve presenteremo un'app che consentirà alle persone di registrare le faccende domestiche che i diversi membri della famiglia svolgono” le parole di Rodríguez durante la riunione del Comitato per l'eliminazione della discriminazione contro le donne a Ginevra, in Svizzera. “Con l’app si potrà vedere quante ore di lavoro ogni donna trascorre occupandosi delle faccende domestiche e di riordinare la casa” comunica sempre la 33enne femminista e bisessuale dichiarata, membro di Podemos e dall’ottobre 2021 segretaria di Stato per l’Uguaglianza.
spagna-app-lavori-domestici

La segretaria di Stato spagnola per l'Uguaglianza, Ángela Rodríguez

Ma la novità non mira soltanto a misurare il tempo nell'ambiente della coppia. “Pensiamo che sia un esercizio che si può fare a casa per distribuire i compiti tra figli, figlie, padri, madri o tra coloro che vivono con altri coinquilini” sostiene Rodríguez. Insomma, un software utile a tutte quelle situazioni dove “a volte ci sono distribuzioni ineguali”. L'applicazione punta anche a sottolineare tutti quelle 'attività invisibili' necessarie per il buon funzionamento della casa, ma che spesso passano completamente inosservati. “Anche se riordinare la cucina può richiedere 20 minuti, tutto dipende dal fatto che qualcuno si sia ricordato di comprare il detersivo per i piatti o abbia pianificato la lista della spesa” spiega ancora Rodríguez. Non tutti hanno giudicato positivamente l’iniziativa lanciata dal governo spagnolo. Così, la segretaria di Stato, con un tweet, ha respinto le critiche al mittente: “Ciò di cui sono davvero seccati coloro che sono infastiditi dall'app di condivisione dei compiti è la possibilità di dover iniziare a fare la propria parte in casa”.