Mariola: “Poche donne chef? Immaginate mamme lontane dai figli per 14 ore”. E la gaffe è servita

Scivolone dello cuoco-influencer romano che ai microfoni de 'La Zanzara' ha parlato della presenza delle figure femminili nel modo della cucina. Mariola ha poi affermato di non prediligere le quote rosa all'interno della sua squadra e avere “prevalentemente uomini”

di CHIARA CARAVELLI -
25 maggio 2024
Lo chef Max Mariola

Lo chef Max Mariola

Poche donne chef? Secondo il cuoco influencer da quasi 3 milioni di follower su Instagram il motivo va ricercato nel fatto che “è un lavoro molto faticoso. La immagini una mamma che sta lontana dal figlio appena nato per 12, 14 ore?”.

Che dire, la ricetta del giorno è condita di gaffe. La frase è stata pronunciata durante il programma radiofonico ‘La Zanzara’ su Radio24 condotto da Giuseppe Cruciani e Davide Parenzo. Quest’ultimo ha subito replicato alla frase di Mariola sostenendo che "questo vale per tutti i lavori, un’avvocata di grido, una magistrata”. Dal canto suo, invece, Cruciani ha da subito sposato la causa dello chef: “No, loro possono trovare i propri tempi, in cucina ci devi stare”.

Ma non è finita qui. Mariola ha ribadito la sua posizione dicendo che "in cucina, tutte quelle ore, devi essere presente. Ecco perché io in cucina ho prevalentemente uomini”. A quel punto arrivata la domanda incuriosita di Cruciani: “Quindi lei non segue le quote rosa circa le assunzioni?”. Dopo aver ricevuto risposta negativa perché “il nostro è un lavoro veramente duro”, lo chef è stato poi preso di mira da alcune frecciatine di Parenzo.

"Ah quindi i gay non possono fare gli chef? E i neri?”, ha domandato lo speaker. Mariola, abbastanza in difficoltà, ha risposto: “Certo che lo possono fare tutti… la mia sala è multietnica, i miei camerieri sono multietnici”. Questa però non è la prima volta in cui lo chef-influencer finisce al centro delle polemiche. Dopo essere sbarcato a Milano con il suo nuovo ristorante nel quartiere Brera, è stato subito criticato per la scelta di far pagare un piatto di carbonara 30 euro. Un prezzo che da molti è stato ritenuto esoso e non giustificato.

Mariola, qualche settimana fa e sempre ai microfoni de ‘La Zanzara’ ha motivato il costo raccontando che ciò che si mangia nel suo ristorante non è una semplice portata, ma "un’esperienza, uno show culinario”.