I pazienti rifiutano le cure del paramedico transgender: "Mi chiedono 'cosa sei'"

di MARIANNA GRAZI -
10 giugno 2022
Steph Meech

Steph Meech

Rinunciare alle cure medice per omotransfobia. È quello che accade a Polegate, nell'East Sussex (Regno Unito), dove un paramedico ha dichiarato alla BBC che alcuni pazienti rifiutano il suo aiuto solo perché è transgender. Steph Meech, 53 anni, che lavora per il South East Coast Ambulance Service (Secamb), è paramedico da 20 anni. E si identifica come una donna. Da quando ha fatto coming out, però, è stata vittima di numerosi abusi verbali e fisici da parte delle persone che hanno richiesto l'intervento dell'ambulanza. A livello nazionale, nel 2021 sono state registrate 11.749 segnalazioni di abusi o aggressioni nei confronti del personale delle ambulanze. Un aumento del 35% rispetto al 2020.

"Cosa sei?"

paramedico trans

Steph Meech, 53 anni, lavora come paramedico da 20 anni. Recentemente ha fatto coming out come transgender ma questo l'ha portata a essere vittima di violenze

Meech, che nonostante le aggressioni continua a svolgere il suo lavoro con passione, ha dichiarato: "Mi è capitato di curare delle persone e di essere presa a calci solo per ciò che sono. Quando suono alla porta, di solito mi dicono: 'Cosa sei?'. Non va affatto bene. 'Sono prima di tutto un paramedico e sono qui per aiutare' rispondo". "La maggior parte delle persone che ci chiamano in soccorso è molto disponibile e apprezza l'aiuto che il servizio di ambulanza fornisce – aggiunge –. Sono solo quelle poche minoranze che rovinano tutto. Quando torno a casa dopo questi episodi, mi sento davvero ferita nel profondo", spiega amareggiata.

La vera se stessa

paramedico trans

Steph Meech, 53, paramedico transgender e volto della campagna "Lavorare senza paura"

Alla BBC ha raccontato che da quando ha fatto coming out si sente "illuminata". "Posso essere la vera me stessa. Questo è ciò che sono e che ho dovuto tenere nascosto per tanto tempo" dice orgogliosa Steph Meech. Il servizio di ambulanze per il quale lavora, la Secamb, che copre il Kent, il Sussex e il Surrey, ha aderito alla campagna nazionale "Lavorare senza paura" per contrastare le crescenti aggressioni e violenze contro il personale sanitario e Meech è diventata uno dei volti di questa campagna a livello locale. Nel sud-est, la zona dove opera, le segnalazioni di abusi fisici e verbali sono passate da 548 nel 2019 a 921 nel 2021. David Monk, funzionario di supporto per la riduzione della violenza presso il Secamb, ha dichiarato che sono stati maltrattati sia gli operatori che i paramedici. "Stiamo cercando di fare in modo che il personale abbia la fiducia necessaria per farsi avanti e denunciare – afferma – in modo da poter identificare l'entità del problema. Non è accettabile che gli operatori dei servizi di emergenza si presentino al lavoro e subiscano violenze. Sono normali  dipendenti pubblici come tutti gli altri. Stiamo sostenendo il nostro personale quando subisce abusi, per portare gli [autori] in tribunale, se necessario, e ottenere la massima sanzione possibile".