Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

Justine Mattera: "Il cuore nuovo per mia sorella è il più bel regalo di Natale"

Jessica Mattera ha subito un trapianto dopo l'arresto cardiaco che l'ha portata quasi alla morte. La showgirl ci racconta il loro legame fortissimo e chiede aiuto ai followers

di CATERINA CECCUTI -
25 dicembre 2023
Snapinsta.app_407728568_18403987975044700_3785584898392048184_n_1080

Snapinsta.app_407728568_18403987975044700_3785584898392048184_n_1080

Da bambine la magia del 25 dicembre non era solo svegliarsi e correre a vedere se Santa Claus avesse riempito di regali le calze appese sulle scale della loro casa di New York. Per Justine e Jessica, bambine insieme, separate una dall’altra da meno di due anni di età, ancor più emozionante era andare prima a sbirciare sotto al letto di papà e mamma, per scoprire in anticipo quello che avrebbero ricevuto il giorno dopo.

Justine e Jessica Mattera, più che sorelle

Sorride, Justine Elizabeth Mattera - ben nota showgirl, attrice, conduttrice e cantante statunitense naturalizzata italiana - mentre ricorda le marachelle condivise con la sorella, che proprio pochi giorni fa – per l’esattezza l’11 dicembre – ha dovuto affrontare un trapianto cardiaco. Quella stessa sorella con la quale anche da adulta ha sempre condiviso energia, passione per lo sport e per la vita, oltre a due grandi occhi colore del cielo. Sui social Justine, che a fine novembre ha lasciato l’Italia per stare accanto alla famiglia in questo difficile percorso, sotto un’emozionante immagine della sorella ha scritto “Nuovo cuore, nuova vita. Avete mai visto una neo-trapiantata più bella? La degenza è ancora lunga. Ha molto dolore ancora e la lista dei medicinali resta lunghissima. Chi vuole aiutare mia sorella Jessica trova il link in bio".
justine-mattera-cuore-sorella-natale

La foto di Justine Mattera su Instagram per la sorella dopo il trapianto è accompagnata da una dolcissima dedica

"Il cuore per Jessica è il più prezioso tra i regali"

Non ha paura e non si vergogna a chiedere aiuto ai suoi follower Justine, perché sa che si tratta di una buona causa: “Alcuni mi dicono che, lavorando nel mondo dello spettacolo, avrò sicuramente il denaro necessario per pagare le cure di mia sorella. Ma non sanno che non si tratta di affrontare 'solo' il periodo ospedaliero (è ricoverata dall’inizio di novembre), durante il quale comunque deve sottoporsi ad interventi, numerose visite quotidiane e prelievi ogni ora, piuttosto di accompagnare il suo percorso di vita, che non sarà mai più lo stesso, perché d’ora in avanti dovrà assumere farmaci anti rigetto e sottoporsi a controlli ed esami per sempre. E purtroppo, nel Sistema Sanitario americano, tutto ha un costo. Per il momento, quando sarà in grado di lasciare l’ospedale, starà a casa dei nostri genitori e ogni settimana dovrà eseguire biopsie per identificare eventuali criticità: perché l’organismo di Jessica, da adesso, ospita un cuore non suo". Un cuore che però le ha salvato la vita, ed è questo il più prezioso tra i regali di Natale che Justine poteva ricevere in questo 2023: “Non ho mai pensato che Jessica non ce l'avrebbe fatta, neanche quando vedevo i miei genitori piangere in ospedale. Purtroppo la malattia è entrata nella vita di mia sorella e in quella dell’intera famiglia Mattera già durante la nostra adolescenza, cambiandoci per sempre".

Jessica Mattera, una vita piena d'ostacoli

justine-mattera-cuore-sorella-natale

Jessica Mattera ascolta il battito del cuore ricevuto da un donatore (Instagram)

Jessica aveva solo undici anni quando le fu diagnosticato un linfoma di Hodgkin, che aveva coinvolto molti linfonodi provocando metastasi. “Era il 1984 – spiega ancora la maggiore delle sorelle – e all’epoca non esistevano le terapie mirate, meno invasive, che invece sono disponibili oggi. A Jessica venne dato solo il 30% di possibilità di sopravvivenza e vennero fatte dosi massicce di radioterapia alla cassa toracica. Purtroppo mia sorella ne ha scontato le conseguenze anni dopo, perché questi raggi le hanno danneggiato i polmoni e il cuore, tanto che a trent’anni ha sviluppato un tumore al seno e ha dovuto sottoporsi a doppia mastectomia. A cinquant’anni ha avuto un arresto cardiaco e il 6 novembre scorso è finita in ospedale, tra la vita e la morte. Mia sorella aveva paura, non voleva fare un trapianto. In ospedale si è presa una polmonite ed è quasi morta. È venuto persino il prete a farle l’estrema unzione. Poi è arrivato il miracolo di un cuore nuovo, la possibilità del trapianto e di una nuova vita, nonostante tutte le difficoltà". Per fortuna sia lei che Jessica avete sempre condotto una vita molto sana… “Sì. Lei era addirittura insegnante di acqua fitness, e proprio grazie alla cura che ha sempre avuto di se stessa è riuscita ad avere un lieto fine. Ma la sua è e resta una vita molto difficile. Suo marito è morto in un tragico incidente e lei accudisce da sola i loro due figli, dei quali il maggiore è autistico. La sua esistenza è stata una salita costante, oltre ogni immaginazione".
 
Visualizza questo post su Instagram
 

Un post condiviso da Justine Mattera (@justineelizabethmattera)

Ora Justine è impegnata ad aiutarla nell’affrontare le spese che le permetteranno di sopravvivere, nel contesto del sistema sanitario americano che, come sottolinea la conduttrice, “Non è come quello italiano. In America devi avere una buona assicurazione perché lo Stato non ti passa nulla. Noi l’abbiamo, ma resta il fatto che si limita a pagare l’80% delle spese, al resto deve provvedere il paziente per conto proprio. E quando si parla di percorsi lunghi e importanti come quello di mia sorella, le spese sono quasi insostenibili. Ogni giorno in ospedale costa 5000 euro, oltre a tutti i prelievi e gli esami che si devono fare prima e dopo un trapianto di cuore, e alla fine ti trovi con un conto scioccante. Personalmente sto facendo tutto quello che posso per evitare la vendita della casa... Io non ho mai chiesto aiuto ma stavolta, per mia sorella, lo faccio. È a fin di bene non certo per esibizionismo, e la gente questo lo ha capito bene".

Natali passati e presenti

Le va di raccontarci qualche ricordo di come passavate il Natale da piccole? “Vivevamo a New York, dove siamo nate. Il Natale per noi era una festa da passare a casa, con il presepe e sotto un bell’albero rigorosamente vero, che io e mia sorella addobbavamo. Poi appendevamo i calzettoni alle scale che separavano la zona giorno dalla zona notte.
justine-mattera-cuore-sorella-natale

Le sorelle Mattera in uno scatto del 2022 (Instagram)

La mattina del 25 correvamo per vedere i pacchetti con cui erano state riempite; ma prima dovevamo dare un bacio al Bambino Gesù, poi potevamo scartare i regali e alle dieci tutti ad assistere alla Santa Messa. La verità è che eravamo due birichine e nei giorni prima andavamo a vedere in anticipo cosa c’era nei pacchi nascosti sotto al letto dei nostri genitori". Questo Natale come lo passerà? “Per la prima volta lontano dalla mia famiglia di origine. Resterò in Italia con i miei figli, di 14 e 16 anni, perché sono già stata lontana diverse settimane per assistere mia sorella e sono rientrata solo pochi giorni fa. Sarà un Natale diverso, in montagna, nel quale desidero solo riposarmi dalla tante - troppe – emozioni che ho vissuto in questi ultimi mesi. D’altronde, il regalo più grande l’ho già ricevuto".