Brittney Griner, continua il calvario: la Russia estende nuovamente la sua detenzione

di EDOARDO MARTINI -
15 giugno 2022
Brittney Griner

Brittney Griner

Brittney Griner continua ad essere detenuta in Russia, ormai da quasi quattro mesi, con l’accusa di traffico di droga. La giocatrice americana, che quando non gioca in WNBA è la stella di Ekaterinburg, è stata arrestata lo scorso gennaio mentre lasciava la Russia per tornare negli USA, fermata all’aeroporto perché aveva dell’olio di cannabis nel contenitore della sigaretta elettronica. Griner rischia fino a 10 anni di prigione.

Brittney Griner, 31enne cestista statunitense

"Riportiamola a casa": l'obiettivo delle sue compagne di squadra

Ieri, la sua detenzione è stata prorogata per altri 18 giorni su "richiesta di indagine", secondo un rappresentante del tribunale di Khimki della regione di Mosca, riferisce il Tass.

Secondo CBS News, partner americano della BBC, in precedenza un tribunale russo aveva prolungato la sua detenzione fino al 19 maggio e poi di nuovo fino a metà giugno.

Ieri il portavoce del dipartimento di Stato americano Ned Price ha dichiarato "La nostra posizione per un po' di tempo su questo caso è stata molto chiara: Brittney Griner non dovrebbe essere detenuta per un solo giorno di più."

Il mese scorso, quasi 100 giorni dopo il suo arresto, il dipartimento di stato ha descritto la signora Griner come "detenuta ingiustamente".

I funzionari del dipartimento di stato si sono incontrati lunedì con i compagni di squadra della WNBA della signora Griner per discutere del lavoro dell'amministrazione per riportarla a casa. "C'è molto da fare per riportarla a casa e al sicuro, gli addetti stanno lavorando incessantemente per farlo. Siamo qui per fare tutto il possibile per amplificare il caso e mantenere BG in prima linea, il che è più importante di qualsiasi partita di basket e qualsiasi altra cosa stia succedendo nelle nostre vite" ha detto la star di Phoenix Mercury Diana Taurasi dopo l'incontro, in una dichiarazione rilasciata dal team.

Mentre la stagione WNBA continua senza di lei, sia i fan che i giocatori hanno spinto per il suo ritorno a casa

Petizioni online e We Are BG: tutto l'affetto intorno alla giocatrice

“Non c’è davvero abbastanza copertura mediatica su questa situazione” – aveva dichiarato la giornalista Tamryn Spruill, che ha organizzato una petizione online che ha già superato le 60.000 firme. – Se al suo posto ci fosse un giocatore NBA del suo calibro, sarebbe sulle copertine non solo di ogni pagina sportiva ma di ogni testata del mondo”. La stagione WNBA sarebbe stata l'ottava per Griner. Ha vinto tre volte il campionato e sette volte il premio come giocatrice All-Star ed è considerata una delle giocatrici più dominanti nella storia del suo sport. Nelle ultime settimane i giocatori sia del campionato femminile che maschile hanno intensificato gli appelli alla sua liberazione indossando maglie con il suo numero 42 e la frase "We Are BG". Gli affetti della signora Griner e gli altri giocatori di basket sono stati in grado di comunicare con lei tramite e-mail. Le e-mail vengono stampate e consegnate a lei dal suo avvocato dopo essere state esaminate dai funzionari russi.