Dopo 33 anni il Tour de France riapre alle donne. 8 tappe per una futura parità di genere

di EDOARDO MARTINI -
27 luglio 2022
Tour de France femminile

Tour de France femminile

Dopo una pausa di 33 anni, le donne sono tornate a partecipare all'evento sportivo più visto al mondo: il Tour de France. Nei giorni scorsi infatti, 24 squadre di sei cicliste si sono schierate sugli Champs-Élysées di Parigi per iniziare il Tour de France Femmes di otto giorni. Nei 119 anni di esistenza del tour, le donne hanno gareggiato soltanto cinque volte. Il tour femminile è durato dal 1984 al 1989 ed è stato poi annullato a causa della mancanza di sostegno finanziario.

Kate Veronneau, direttrice della strategia femminile di Zwift ed ex ciclista professionista

Un interesse che cresce

"Per le donne salire sul palco, essere elevate attraverso quella piattaforma è davvero la chiave per attirare molto più pubblico, investimenti e crescita nello sport a tutti i livelli", ha dichiarato Kate Veronneau, direttrice della strategia femminile di Zwift ed ex ciclista professionista. "Per le bambine che crescono e si vedono in una varietà di sport ... è potente".

Quando la ciclista statunitense Marianne Martin vinse il primo Tour de France femminile nel 1984 aveva 26 anni e le cose sembravano molto diverse per le cicliste. In particolare, la ciclista non aveva né stipendio né radio. Durante una gara a tappe a Grenoble, in Francia, ha guidato davanti al gruppo per oltre 30 miglia. "Non sapevo dove fossero, quindi ho solo spinto avanti, pensando: 'Mi prenderanno", ha ricordato Martin, ora 64enne. "Ma non l'hanno mai fatto". I 10 minuti che ha guadagnato sul gruppo durante quella cruciale gara a tappe, le hanno dato la sicurezza di vincere l'intero Tour, che allora era una gara a 18 tappe.

Quando Martin gareggiava, l'interesse diffuso per gli sport femminili era limitato. Ma quel mondo oggi sembra diverso. "Lo sport femminile è di tendenza forte perché le aziende che hanno investito nello sport stanno vedendo rendimenti favolosi", ha aggiunto Veronneau. In effetti le atlete stanno attirando più attenzione da parte di fan e marketer, il che sta portando a credere che le donne siano uno dei migliori investimenti nel settore sportivo.

"Le atlete prendono molto sul serio la loro responsabilità di essere modelli perché devono lottare per ogni dollaro di sponsorizzazione", ha continuato Veronneau. "Sanno che tutto ciò che fanno avrà un impatto sulle opportunità che verranno dopo di loro".

La ciclista americana Lily Williams

L'obiettivo è quello della parità di genere

La ciclista del team Human Powered Health e medaglia di bronzo olimpica Lily Williams, 28 anni, è stata ispirata a iniziare a pedalare dopo aver visto il Tour de France maschile in TV in estate con la sua famiglia.

"Penso che certamente se ci fosse stato un Tour de France femminile, avrei iniziato a pedalare molto prima", ha detto Williams, aggiungendo che ha iniziato a pedalare solo un paio di anni fa. "E penso che il mio arco di carriera sarebbe molto diverso".

La maggior parte delle cicliste del 2022 in sella al Tour ha meno di 35 anni e non ha mai avuto l'opportunità di guardare altre donne partecipare a questa manifestazione.

Gli organizzatori di gara si sono posti l'obiettivo di far crescere il ciclismo femminile al punto di arrivare ad una possibile parità di genere. Per ora, questo significa 8 tappe invece delle 21 tappe che gli uomini percorrono. Le squadre ciclistiche femminili sono più piccole di quelle maschili e questo fatto rende le 21 tappe eccezionalmente più difficili da portare a termine per le squadre femminili dal punto di vista finanziario, personale e fisico.