Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

Tessa Gelisio ai fornelli pensando green: "L'alimentazione corretta fa bene alla salute e al Pianeta"

La conduttrice di "Cotto e mangiato": "Produrre cibo inquina tantissimo e si sprecano quattro milioni di tonnellate l’anno. La sostenibilità è importante a tavola ma non solo"

di ENRICO SALVADORI -
21 febbraio 2023
Tessa Gelisio

Tessa Gelisio

La grande coscienza ambientalista e salutista l’ha acquisita sin da ragazzina. Quando ancora minorenne era attivista del Wwf e in estate trascorreva parte delle vacanze al Centro Carapax di Massa Marittima dove accudiva gli animali. Tessa Gelisio a 19 anni ha lasciato Rosignano Marittimo per Milano dove si è laureata in Scienze ambientali, è diventata giornalista di temi ambientali e conduce programmi come "Cotto e mangiato" su Italia 1 dove oltre alle ricette semplici e salutistiche si danno consigli sul mangiar bene. Tessa, presidente di "For Planet" Onlus, è un personaggio televisivo ma anche social. Sempre prodiga di consigli che il pubblico che la segue (500mila followers tra Facebook, Instagram, TikTok, Twitter e YouTube) apprezza come gli interventi sul blog "Ecocentrica" che è popolarissimo.
Tessa Gelisio è una conduttrice televisiva, autrice, blogger, imprenditrice ed ex modella italiana

Tessa Gelisio è una conduttrice televisiva, autrice, blogger, imprenditrice ed ex modella italiana

All’inizio molti consideravano questi temi come snob e lontani da loro, ora c’è un autentico boom dell’esigenza di vivere bene e sani e l’interesse è cresciuto a dismisura: Tessa, come mai? “L’importanza di un’alimentazione corretta che prevenga le malattie e che combatta gli sprechi finalmente è stata capita come il concetto che possiamo ridurre l’impatto ambientale migliorando la qualità della nostra vita. Sono esigenze irrinunciabili”. Entriamo nel dettaglio: mangiare bene... “Prodotti italiani, il più possibile a km 0, di stagione che riducono l’impatto ambientale, prodotti biologici ed ecosolidali (caffè, banane, cioccolata) e seguire al massimo la dieta mediterranea che è ottima per la salute, previene le malattie e riduce l’impatto ambientale. Produrre cibo inquina tantissimo e si sprecano 4 milioni di tonnellate l’anno. Mangiando bene si sta meglio e si fa bene all’ambiente”.
Tessa Gelisio conduce "Cotto e mangiato" su Italia 1 dove oltre alle ricette semplici e salutistiche si danno consigli sul mangiar bene

Tessa Gelisio conduce "Cotto e mangiato" su Italia 1 dove oltre alle ricette semplici e salutistiche si danno consigli sul mangiar bene

Ma sostenibile deve essere anche la vita che conduciamo tutti i giorni, oltre a quello che consumiamo a tavola… “Sicuramente. E’ necessario vestirsi con tessuti il più possibile naturali, senza sostanze pericolose per il nostro corpo e dobbiamo fare scelte virtuose come il riciclo, la riduzione delle emissioni, il risparmio d’acqua. Facendo la lavatrice si emettono le microplastiche. Quindi bisognerebbe scegliere il più possibile fibre tessili naturali, evitando al massimo il sintetico. Quindi lavatrici a pieno carico, massimo 40°, uso di detergenti eco-bio, uso del sacchetto ‘guppyfriend’ dove lavare solo i sintetici perché cattura le microfibre. Così facendo i capi si usurano meno. Anche nella cosmesi noi donne dobbiamo scegliere formule green prive di filmanti come i siliconi, parabeni e petrolati. Un altro esempio il cibo per i cani. Lo consiglio a base di insetti perché è salutare e a basso impatto ambientale”. Torniamo alla cucina. Un’altra passione nata nell’adolescenza, giusto? “Mia nonna di origine sarda era bravissima, legata ai piatti della tradizione. E a questo mi ispiro nel mio programma ‘Cotto e mangiato’. Anche qui declino tutti i temi delle ricette che si rifanno alla dieta mediterranea. Il programma piace perché propongo ricette per tutti i gusti e per tante tipologie di persone che hanno problemi alimentari. Sono soprattutto semplici e pratiche che quando si arriva a casa dal lavoro in mezzora si possono preparare e gustare. Bisogna prestare molta attenzione anche al vino che deve essere bio con meno pesticidi e diserbanti e concimi di sintesi. Per questo produco vino rosso sardo a Sant’Antioco nella tenuta ‘La sabbiosa’. Ha tutte queste caratteristiche”.