Main Partner

main partnermain partnermain partnermain partner

Partner

main partnermain partner

Michelle Hunziker e Belen Rodriguez: "Ignorate i giudizi, siate libere di sorridere"

Monologo delle due donne durante la puntata di "Michelle Impossible": svelati i momenti più intensi e difficili delle loro vite

2 marzo 2023
Michelle Hunziker e Belen Rodriguez

Michelle Hunziker e Belen Rodriguez

Michelle Hunziker e Belen Rodriguez in coro: “Ignorate i giudizi, siate libere di sorridere”. La presentatrice svizzera e la showgirl argentina si sono messe a nudo durante l'ultima puntata di “Michelle Impossible” (in onda l’1 marzo su Canale 5), dando vita a un ‘monologo a due’ molto commovente. Le due donne si sono cambiate i loro diari segreti aprendosi come mai prima in merito ai loro pensieri più profondi e nascosti dove le sofferenze, i problemi e le paure non sono mancati, così come la felicità, che entrambe hanno trovato arrivando in Italia. Tutte e due, infatti, hanno lasciato il loro Paese d’origine giovanissime. “Le vostre vite, le nostre vite sono il risultato di tutte le cose che sono successe. Noi siamo riuscite a scegliere la nostra libertà e finalmente ignoriamo i giudizi che possono fare tanto male” dicono le due donne.
Belen Rodriguez e Michelle Hunziker (Instagram)

Belen Rodriguez e Michelle Hunziker (Instagram)

I racconti partono dall’adolescenza. Michelle Hunziker, tramite la voce dell’argentina, racconta il suo trasferimento nella Svizzera tedesca: “Non ho amici e non conosco la lingua, i compagni di classe mi picchiano e mi prendono in giro, mi chiamano ‘spaghetti frasser’ che significa ‘terrona in svizzero’, ero la terrona degli svizzeri”. Nel frattempo, a Buenos Aires, anche la 12enne Belen è alle prese con problemi con i compagni di classe, come racconta la Hunziker leggendo sul suo diario: “Devo andare a scuola, mi sento a disagio, tutti mi guardano, sono diversa dalle altre. Metterò dei cerotti sui capezzoli, per evitare che i miei compagni di classe mi diano fastidio”. L’arrivo in Italia non è stato facile. “Sono ormai tre anni che vivo in Italia e lavoro, vorrei aprire un conto corrente, avere un contratto d'affitto, pagare le tasse, ma non posso, perché sono clandestina e mi pagano solo in nero” c’è scritto sul diario dell’argentina che porta a galla un passato non molto diverso da quello della conduttrice di “Michelle Impossible”: “Sono appena arrivata in Italia, non ho i documenti per restare qui, non riconoscono il mio diploma, per rimanere devo ricominciare le superiori, ho 17 anni e i miei compagni di classe ne hanno 13”.
Michelle Hunziker, 46 anni (Instagram)

Michelle Hunziker, 46 anni (Instagram)

Mentre scorrono le pagine dei diari, le confidenze si fanno sempre più profonde. La Rodriguez si commuove leggendo il momento in cui la Hunziker diventa mamma per la terza volta, ovvero la nascita di Celeste, avuta dall’ex marito Tomaso Trussardi: “Sono felice. Non posso fare a meno di pensare che vorrei avere davanti a me quel medico che mi disse che non avrei mai potuto avere figli. È sera e siamo sole, le bambine dormono, spengo le luci e posso spegnere anche il sorriso. Il sorriso è l’arma per proteggere le persone che amo”. La gioia della conduttrice svizzera per la nascita delle tre figlie (Aurora, avuta da Ramazzotti, e Sole e Celeste, entrambe nate dall’amore con Trussardi) fa da contraltare al racconto dei tre aborti dell’argentina. “Non c’è più il battito e sento il sangue che si gela. È successo di nuovo, il dolore è enorme e ho ancora voglia di riprovarci” si legge nel diario.
Belen Rodriguez, 38 anni (Instagram)

Belen Rodriguez, 38 anni (Instagram)

Il toccante dialogo tra le due si conclude con un messaggio di speranza che vuole essere una “luce alla fine di quei tunnel” che tutti dobbiamo attraversare nel corso della vita. “Le vostre vite, le nostre vite, sono il risultato di tutte le cose che ci sono successe, delle cose che riempiono il cuore di gioia e di quelle che fanno star male come dei cani” dicono. E aggiungono: “Sono anni che siamo riuscite a scegliere la nostra libertà e finalmente ignoriamo i giudizi che possono fare tanto male. Penso che questo lo abbiate vissuto un po' tutti. Abbiamo sbagliato? Certo che abbiamo sbagliato. Abbiamo fatto delle cose giuste? Eccome se le abbiamo fatte, ma la vita è questa e va bene così. Voi siete quello che siete, grazie a tutto ciò, grazie a tutto questo, grazie alla somma di queste parti. Quindi sentitevi libere di sorridere ripensando al vostro percorso”.