Main Partner

main partnermain partnermain partner

Partner

main partner

L'Eredità delle donne: "Dall'Elettrice Palatina a Cortellesi, passando per le madri costituenti"

Da oggi a domenica 26 novembre torna il festival a Firenze e online. La direttrice artistica Dandini: "Lo sguardo femminile non deve più mancare nella società"

di GIOVANNI BALLERINI -
24 novembre 2023
400746867_18209738473256889_5470913776495606383_n

400746867_18209738473256889_5470913776495606383_n

Parte oggi L’Eredità delle Donne a Firenze e online. "Il nostro è un festival nato da un sogno, che come ci hanno insegnato, in fondo i sogni sono i progetti che si possono ricordare. Proprio come in questo caso in cui uno spunto, un’idea, una passione, un pizzico di rabbia, ci portano a celebrare l’Eredità delle donne, che è immensa. Anche se non hanno monumenti equestri o strade a loro dedicate, è bello pensare a una vendetta delle muse e, nell’intento di ristabilire una parità fra i generi, continuiamo a organizzare questo festival a Firenze dove c’è il nostro simbolo, Anna Maria Luisa de’ Medici, nota come l’Elettrice Palatina, che il festival ha battezzato dalla sua prima edizione come figura di riferimento, vedendo in lei una 'Madre della patria'. Se possiamo godere della bellezza mozzafiato che Firenze costudisce e offre ai visitatori, il merito va a questa donna, al suo testamento in cui si stabiliva di conservare all’interno della città tutto il complesso dei beni che facevano parte delle collezioni medicee".

L'Eredità delle Donne

eredita-donne-madri-costituenti

La sesta edizione del festival l'Eredità delle Donne

Più di 50 ospiti dal mondo e decine di eventi per la kermesse che si tiene dal 24 al 26 novembre a Firenze e online. Un festival per le donne impegnate nei processi di pace, contro ogni violenza, a cominciare da quella di genere. In questa VI edizione, diretta da Serena Dandini, si parlerà anche di corpo, economia circolare, cambiamenti climatici e migrazioni, con un focus sull’Afghanistan. Tre giorni tra talk e presentazioni di libri, più due serate speciali. "Firenze è la città ideale per questo festival che non è sulle donne, ma un luogo ideale in cui le donne parlano di tutto – spiega Serena Dandini -. C’è uno sguardo femminile importante che nella società è mancato e che non deve più mancare. Non a caso quest’anno poniamo l’accento sulle madri della patria: ci piaceva molto sdoganare queste due parole belle e importanti, che tutti abbiamo nel cuore, dalla retorica politica. Mi viene in mente il bel film di Paola Cortellesi. Essendo molto amiche, senza dircelo abbiamo percorso incredibilmente in sintonia questa strada. Io volevo fare un ripassino su tutte le leggi che hanno portato le donne italiane alla loro indipendenza e libertà dopo il periodo buio del fascismo. Le madri costituenti erano 21, i padri costituenti 500. Una minoranza tostissima che ha messo le fondamenta di quello che siamo oggi e permesso alle giovani generazioni di godere la libertà. È importante sapere da dove veniamo, dove non vogliamo tornare. Tra queste donne mi piace ricordare Teresa Mattei, partigiana che a 26 anni viene eletta madre costituente e si batte come una leonessa per fare inserire nell’articolo 3 della Costituzione che la repubblica ha l’obbligo, il dovere di eliminare di fatto gli ostacoli all’uguaglianza fra uomo e donna. È bella la teoria, ma bisogna rimuovere pregiudizi, stereotipi e quant’altro per far sì che la costituzione venga applicata. Non a caso nella prima serata ospitiamo Gabriella Luccioli, una delle prime 8 donne che vinsero il concorso da magistrato, ribadiremo che, nonostante la costituzione del 1948, di fatto, le donne sono potute entrare in magistratura solo nel 1963. Ci sono voluti diversi anni per eliminare, di fatto, ostacoli, leggi burocratiche che impedivano alle donne di diventare magistrato, prefetto e di fare tante altre professioni".

L'apertura

eredita-donne-madri-costituenti

Serena Dandini

Venerdì 24 novembre, per Muse e madri, assieme a Serena Dandini appuntamento con la scrittrice e autrice del bestseller mondiale "I monologhi della vagina" Eve Ensler (V), con La Batt Woman, membr? di Purple Square, il canale social dedicato a Michela Murgia, e con la giudice Gabriella Luccioli in collegamento. La serata vedrà inoltre la partecipazione straordinaria della scrittrice Chiara Valerio, dell’autrice Sara Poma e dell’attrice Orsetta De Rossi che leggerà alcuni brani.

I panel di sabato

Sabato 25 novembre, Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne, il festival si apre nella sala centrale di Manifattura Tabacchi, con il panel Fermiamo la violenza, moderato da Lavinia Farnese, editor in chief & digital cirector Cosmopolitan Italia: insieme al magistrato Fabio Roia, presidente del Tribunale di Milano, ci saranno Anna Di Stasio, sostituto procuratore presso il Tribunale dei Minorenni di Roma e Massimo Russo, direttore editoriale dei magazine del gruppo Hearst Italia. Inoltre ospite di un’intervista speciale sempre a cura di Lavinia Farnese sarà l’attrice Greta Scarano, protagonista di una delle serie tv più discusse del momento, Circeo. A chiusura dell’incontro sarà inoltre annunciato l’avvio di una raccolta fondi a favore della nascitura Casa delle Donne di Firenze e per sostenere la comunità di associazioni che da anni si occupano delle tematiche di genere e del contrasto alla negazione dei diritti delle persone. Alle 15 riprendono i lavori con il panel Fantasmi di pace, un dialogo tra il Premio Nobel per la Pace 2022 e direttrice del Center for Civil Liberties di Kiev Oleksandra Romantsova e Donatella Di Cesare, filosofa e saggista, una delle voci più significative del pensiero europeo contemporaneo.
eredita-donne-madri-costituenti

Gabriella Luccioli

Modera Massimo Russo, direttore editoriale dei magazine del gruppo Hearst Italia che sarà anche protagonista dell’intervista ad Anna Prouse, esperta riconosciuta a livello internazionale di cultura, di politica e di affari mediorientali, africani ed europei, e delegata della Croce Rossa Internazionale, che parlerà del suo ultimo libro "Della mia guerra, della mia pace" (HarperCollins). Alle 16 sempre nella centrale il talk Tutto parla di te, con Annalena Benini, autrice, giornalista e direttrice del Salone del Libro di Torino, in dialogo con Liliana Rampello, critica letteraria e saggista, presenta il suo romanzo "Annalena" (Einaudi), dedicato a Annalena Tonelli, missionaria laica cattolica che trascorse 35 anni della propria vita come volontaria negli scenari di guerra di Kenya e Somalia, prima di essere uccisa nell'ottobre del 2003 da due sicari. Subito dopo nella sala centrale il panel A fior di pelle, sulla percezione del proprio corpo come confine non solo fisico ma anche sociale. La giornalista Martina Pennisi, del Corriere della Sera, racconterà la sua esperienza di madre di due gemelli in una coppia omogenitoriale con tutte le difficoltà e gli ostacoli burocratici che ha trovato in questo anno di vita dei suoi bambini. Sarà sempre lei a dialogare con Maria Beatrice Alonzi, autrice di "Tu non sei i tuoi genitori" (Sperling & Kupfer), un saggio dedicato ai figli che "non sono il frutto dei loro genitori, non sono la reazione al loro modo di dare amore da quando erano bambini". Dal corpo dei figli e dei genitori a quello delle artiste: Federica Cacciola, BigMama e Casadilego ci racconteranno cosa vuol dire parlare, esibirsi, gareggiare, cantare e performare portandosi dietro un corpo esposto alla visione – e quasi sempre al giudizio feroce – del pubblico. Succede anche alle artiste di fama mondiale. Lo racconterà, in conclusione del panel, Gloria Campaner, pianista che si è esibita sui palcoscenici più prestigiosi e che ora ha momentaneamente lasciato il pianoforte per gestire un altro aspetto della performance artistica: quello delle emozioni. Alle 18 il ritorno a Eredità delle Donne della filosofa e scrittrice Michela Marzano che sarà protagonista con il suo ultimo libro "Sto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa" (Rizzoli) del talk Dove finisce il consenso? assieme alla giornalista Caterina Soffici.
eredita-donne-madri-costituenti

Chiara Valerio

S’intitola Elle Generations il panel in programma sabato 25 novembre, ore 15.30, in sala ridotto: Elisabetta Muritti, giornalista, modera l’incontro tra Micaela Sessa e Amelianna Loiacono, entrambe autorevolissime fashion stylist di Elle Italia, e un gruppo di studenti di Polimoda – The Fashion School in Florence, coordinati da Giulia Bonali, loro docente di Fashion Studies. Alle 16,15, sempre in sala ridotto, Purché sia sostenibile, un focus dedicato ai temi ambientali: Monica Mecacci per Ford Italia presenta il progetto "Charge around the Globe", il viaggio intercontinentale dell’esploratrice Lexie Alford, aka Lexie Limitless, a bordo di un veicolo 100% elettrico sulle orme di Aloha Wanderwell, pioniera negli anni Venti e Trenta del Novecento del primo viaggio intorno al mondo in automobile (una Ford Model T). A seguire Emanuela Evangelista biologa e attivista, in dialogo con Edoardo Vigna caporedattore al Corriere della Sera e responsabile di Pianeta 2030, racconta la sua esperienza di vita nel cuore della foresta amazzonica, partendo dal suo libro "Amazzonia. Una vita nel cuore della foresta" (Laterza). Chiude gli incontri della giornata in sala ridotto, alle 17, Leadership d’alta quota, il racconto emozionante di un’alpinista da record, Nives Meroi, che assieme al marito Romano Benet ha raggiunto la vetta di tutti i 14 ottomila della terra senza l'uso di ossigeno supplementare né portatori d'alta quota. In serata, alle 20,30 per Le leggi delle donne, invece, assieme alla direttrice artistica Serena Dandini sul palco salirà la cantautrice Paola Turci, tornerà l’autrice Sara Poma e in collegamento parteciperà la parlamentare Emma Bonino; nel corso della serata di nuovo la voce di Orsetta De Rossi guiderà il pubblico con alcune letture speciali.

Lo spazio dedicato alle imprenditrici

Inoltre, come sede centrale del festival, lo stesso sabato 25 novembre dalle ore 17 alle ore 20, Manifattura Tabacchi di Firenze apre ai visitatori gli atelier e i negozi delle imprenditrici presenti all’interno della struttura, offrendo una immersione nelle storie, nei prodotti e nei loro percorsi imprenditoriali. Queste professioniste contribuiscono a creare un ecosistema dinamico, favorendo sinergie e opportunità di crescita. Dal food all'alta moda, dal design all'arredo, queste nuove realtà consolidano ulteriormente Manifattura Tabacchi come distretto urbano all'avanguardia, un luogo aperto a tutti, connesso col mondo, un quartiere dove lavorare, vivere, incontrarsi, studiare e ispirarsi.
 
Visualizza questo post su Instagram
 

Un post condiviso da L'Eredità delle Donne (@ereditadelledonne)

I panel della domenica

Apre i lavori della domenica alle 15 un’esclusiva de L’Eredità delle Donne 2023: il ritorno in Italia dell’attivista tedesca Carola Rackete che, a partire dal titolo del suo libro "Il mondo che vogliamo", sarà intervistata dalla giornalista Tonia Mastrobuoni su tematiche climatico-ambientali. Alle 15,30 si prosegue all’insegna dell’attualità e della geopolitica con il panel Testimoni di frontiera, un’intervista della giornalista di esteri Annalisa Camilli a Najwa Wheba, la prima donna portavoce alla Presidenza libica di Tripoli, riconosciuta dall’Onu. A seguire sempre Annalisa Camilli sarà in dialogo con la consulente diplomatica sui migranti climatici presso le Nazioni Unite Angelica De Vito e con Giorgia Linardi, portavoce e attivista della Ong SeaWatch: un confronto dedicato al fenomeno migratorio legato al cambiamento climatico, introdotto dal prezioso collegamento da Utrecht della filosofa e femminista Rosi Braidotti. A due anni dal ritorno dei Talebani a Kabul, due approfondite interviste alle 16,30 in sala centrale nel panel Afghanistan. Donne da non dimenticare, a cura della giornalista Rai e scrittrice Tiziana Ferrario: la prima a Natalia Quintavalle, prima donna ambasciatrice italiana in Afghanistan, che a L'Eredità delle Donne desidera riportare l’attenzione sulla condizione delle donne e ragazze afgane, che hanno già visto cancellati i loro diritti. Il secondo dialogo sarà con Zarifa Ghafari: già sindaca di Maidan Shahr dal 2018 al 2021 e successivamente dirigente del Ministero della Difesa, ha lasciato Kabul nell’agosto 2021 e vive in Germania. È co-autrice del documentario prodotto da Netflix In her hands e, con Hannah Lucinda Smith, del libro "Zarifa. La battaglia di una donna in un mondo di uomini" (Solferino, 2023).
eredita-donne-madri-costituenti

La cantante Fiorella Mannoia, presidente onoraria della Fondazione Una Nessuna Centomila

Anche l’ultimo panel della domenica in sala ridotto alle 16,30 sarà a tema ambientale, Un paese senza scarti: se un mondo senza rifiuti è impossibile, un mondo senza discariche è invece realizzabile, come testimoniano molte esperienze. Con Francesca Cafiero, presidente di Nieco Spa, e Anna Fasano, presidente di Banca Etica, si parlerà di end of waste, il processo attraverso il quale un rifiuto cessa di essere tale per mezzo di procedure di recupero e acquisisce lo status di prodotto. In collegamento l’esperienza poi di Stefano Funari, imprenditore, fondatore di I was a sari, impresa di economia sociale e moda sostenibile creata a Mumbai in India. Modera l’incontro Massimo Cirri, conduttore radiofonico, psicologo e drammaturgo. Sigilla la sesta edizione di L’Eredità delle Donne l’evento speciale alle 18 in sala centrale, in collaborazione con Una Nessuna Centomila, che sostiene attivamente i Centri Antiviolenza su tutto il territorio nazionale. Diversi saranno gli ospiti che parteciperanno alla serata in Manifattura Tabacchi tra cui Giulia Minoli, Noemi, Vittoria Puccini, Massimiliano Caiazzo e la Presidente Onoraria della Fondazione, Fiorella Mannoia, che interverrà in collegamento.