Ghali dona un'imbarcazione di salvataggio e lancia una raccolta fondi per "Mediterranea"

Il rapper è da sempre sensibile al tema dell'aiuto in mare dei migranti: "Soccorrere gli esseri umani è una questione di civiltà"

di BARBARA BERTI -
20 luglio 2022
Il rapper Ghali con la sua musica porta avanti un discorso culturale per favorire l’inclusione dei migranti

Il rapper Ghali con la sua musica porta avanti un discorso culturale per favorire l’inclusione dei migranti

Ghali dona un'imbarcazione di salvataggio e lancia una raccolta fondi per "Mediterranea". Ghali Amdouni, noto semplicemente come Ghali, rapper nato a Milano da genitori tunisini, è da sempre sensibile al tema del soccorso in mare dei migranti. E ha, così, scelto di donare una “rescue boat” di cui dotare la "Mare Jonio", unica nave battente bandiera italiana della “Flotta civile” di ricerca e soccorso nel Mediterraneo Centrale.
 
Visualizza questo post su Instagram
 

Un post condiviso da Ghali (@ghali)

  L’acquisto di una prima imbarcazione ausiliare consentirà alla Mare Jonio di rinnovare le certificazioni per poter proseguire le sue missioni di soccorso nei prossimi mesi. Proprio le ultime settimane, di fronte al drammatico aggravarsi delle violazioni dei diritti umani in Libia e al peggioramento della situazione sociale in Tunisia, hanno visto intensificarsi le partenze verso le coste europee. E proprio per questo ogni nave di salvataggio in più in mare può fare la differenza tra la vita e la morte per centinaia di donne, uomini e bambini in viaggio.
Ghali, da sempre sensibile al tema del soccorso in mare dei migranti

Ghali, da sempre sensibile al tema del soccorso in mare dei migranti

Ghali non solo ha donato una prima barca ma ha anche lanciato una raccolta fondi per permettere ai team rescue di "Mediterranea" di continuare a operare nelle acque del canale di Sicilia. Sui profili social dell'artista si trovano le modalità per partecipare alla raccolta fondi che sarà infatti mirata al completo rinnovamento delle dotazioni di sicurezza della "Mare Jonio", la nave di "Mediterranea Saving Humans": se gli obiettivi del crowdfunding saranno raggiunti la nave potrà contare su due nuovi "rescue boat", gommoni veloci di soccorso, e dei relativi nuovi dispositivi di lancio/ammaraggio (gru davit), del gruppo elettrogeno supplementare necessario a farli funzionare e di “life raft” (battelli autogonfianti) che li integreranno. La prima “rescue boat” che sarà acquistata con la donazione di Ghali sarà operativa entro agosto e si chiamerà Bayna, che significa “vederci chiaro”, come la canzone contenuta nel suo nuovo album "Sensazione Ultra". "Sono molto felice di poter fare qualcosa di concreto per una causa che ritengo fondamentale per il nostro futuro. Soccorrere gli esseri umani è una questione di civiltà e vi chiedo, se potete, di partecipare a questa raccolta fondi. Sembra assurdo doverlo ripetere, ma tutte le vite contano e vanno salvate" commenta il rapper.
 
Visualizza questo post su Instagram
 

Un post condiviso da Ghali (@ghali)

  "Ringraziamo Ghali e tutte le persone che lavorano con lui – dice Vanessa Guidi, presidente di Mediterranea, e già medica di bordo e capomissione a bordo della 'Mare Jonio' –. Abbiamo sempre sentito la sua musica, le sue parole, la sua storia come molto vicine alla nostra battaglia per i diritti fondamentali delle persone che rischiano la vita in mare, spesso in fuga da trattamenti disumani e alla ricerca di un futuro migliore. Ma da oggi Ghali è membro a pieno titolo del nostro equipaggio, in una navigazione che sarà lunga e capace di aiutare tante e tanti che sono là fuori”.
Il rapper Ghali (Instagram)

Il rapper Ghali (Instagram)

Ghali da sempre nella sua musica porta avanti un discorso culturale per favorire l’inclusione dei migranti: "In Cara Italia" cantava “Quando mi dicono vai a casa/ Rispondo sono già qua” e in "Ora d’Aria" denunciava il razzismo sistemico ancora presente nelle istituzioni del nostro paese. Il brano più emblematico in questo senso forse è "Mamma", una sua canzone del 2017 in cui Ghali cantava di come il Mediterraneo fosse un genitore per i popoli, pregandolo di essere clemente con le vite che vi si affidano per cercare un futuro migliore. Oggi l’artista insieme a tutti coloro che contribuiranno alla raccolta fondi ha fatto qualcosa di concreto per sperare che la situazione possa realmente migliorare. “Mare o mare, non ti agitare/Mi raccomando, portalo in salvo/ Ahi ahi ahi, mare o mare, ti prego non ti agitare o annego/ Mi raccomando che arriva, portalo in salvo a riva” recita un passo del brano "Mamma".